Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
26 giorni
MotoGP
25 mar
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
32 giorni
WRC
26 feb
Giorno 3 in
01 Ore
:
28 Minuti
:
31 Secondi
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
40 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
02 apr
Prossimo evento tra
32 giorni

DTM: doppietta Audi con Frijns e Muller al Nurburgring

I piloti del Team Audi Abt dettano legge sulla versione "Sprint" dell'Inferno Verde, con Rast e Wittmann che completano i podi.

condivisioni
commenti
DTM: doppietta Audi con Frijns e Muller al Nurburgring

Doppietta per il Team Abt Sportsline al Nürburgring, nelle gare del DTM sul tracciato "Sprint" tedesco.

Robin Frijns si è imposto in Gara 1 grazie ad una bella prestazione caratterizzata dai nervi saldi, mentre il suo compagno di squadra Nico Müller si è portato a casa Gara 2 con una prova di forza che lo proietta ancor più in testa alla classifica di campionato.

GARA 1: Frijns vince per... quattro volte!

In Gara 1 è successo di tutto fin dalla partenza, con Frijns a scavalcare René Rast immediatamente e Philipp Eng a conquistare il terzo posto davanti a Müller, Marco Wittmann, Jonathan Aberdein, Jamie Green e Fabio Scherer.

Come al solito, a centro gruppo le sportellate non mancano e i primi a darsele di santa ragione sono Loïc Duval e Timo Glock; il francese dell'Audi Sport Team Phoenix prima tocca la BMW del tedesco del Team RMG facendolo intraversare in uscita dalla chicane, poi all'ultima curva lo tampona ancora staccandogli uno dei profili laterali del paraurti. Il pezzo resta in traiettoria e quindi entra la Safety Car per ripulire il tracciato, con ripartenza in stile "Indy".

Frijns tiene ancora il primato davanti a Rast, Eng, Wittmann, Aberdein e a Sheldon Van Der Linde, che supera le Audi di Scherer e Mike Rockenfeller.

Il disastro capita invece a Müller, il quale si ritrova in mezzo a Wittmann e Green alla curva 2 venendo colpito dall'Audi del portacolori del Team Rosberg. Lo svizzero si gira e crolla ultimo in classifica, per cui oppta per rientrare ai box al giro 9 anticipando la sosta e dando il via ad una grande rimonta.

Al giro 15 sfrutta le gomme più calde per infilare prima Van Der Linde e poi Rockenfeller, ma al giro 16 viene anche aiutato da un ulteriore ingresso della Safety Car, mandata in pista per l'Audi di Duval finita nella ghiaia. Il francese riesce a fare retromarcia e tornare in azione, ma anche qui ormai è inevitabile la ripartenza "Indy-Style", dopo che tutti ne avevano approfittato per cambiare gli pneumatici.

Frijns è ancora una volta perfetto e si tiene alle spalle Wittmann, passato davanti a Rast (e ad Eng nel pit-stop). Aberdein deve subito cedere il quinto posto a Müller, con Green e Rockenfeller a completare la zona punti.

Siamo ormai al giro 18, ma nuovamente non c'è da stare tranquilli, soprattutto con Duval in pista. Questa volta Loïc è incolpevole, ma lo stesso protagonista di una carambola alla curva 1, quando cerca di infilare all'interno Auer; il ragazzo della BMW dall'altro lato a Scherer, ma continua a spingere e tocca entrambe le Audi sul posteriore, con lo svizzero che si intraversa e finisce addosso a Duval piegandogli l'anteriore sinistra.

Entrambi fuori gioco e altra Safety Car ad intervenire raggruppando tutti per 7 passaggi, con ripartenza al giro 28 che costringe Frijns ancora ad allungare, ma beneficiando di un Rast che si riprende il secondo posto ai danni di Wittmann. Le posizioni non cambiano più e l'unico ulteriore sussulto lo regalano Glock, Rockenfeller e Green; l'inglese viene centrato dalla BMW giallo-viola nella bagarre e deve abbandonare le speranze di rimonta, visto che aveva appena cambiato di nuovo le gomme.

Vince Frijns davanti a Rast e Wittmann, che con la BMW del Team RMG precede quella del Team RBM condotta da Eng. Top5 per Müller, seguito da Aberdein (BMW Team RMR) e dal rimontante Ferdinand Habsburg, visto che alla primissima partenza il pilota del Team WRT era andato per prati con la sua Audi.

Punti li prendono anche Van Der Linde (BMW Team RBM), Rockenfeller e Glock, mentre Robert Kubica no perché deve pagare un Drive Through per una infrazione in regime di Safety Car.

Gara 2: Muller mostra i muscoli a tutti

E' una grande prova di forza quella che Nico Müller sfoggia in Gara 2, battendo sonoramente Frijns e Rast.

Lo svizzero era scattato terzo in griglia, ma subito ha superato Habsburg (ottimamente secondo in qualifica) per poi mettersi alle spalle anche il suo compagno-poleman, che ha superato al settimo giro senza troppi complimenti.

Rast e Wittmann hanno sfilato la terza e quarta posizione ad Habsburg, con Van Der Linde in risalita a mettersi dietro all'austriaco velocemente con un bel sorpasso su Glock.

Iniziata la girandola delle soste, hanno tutti cercato di beffare i rivali, ma a Rast si è inceppata la posteriore destra perdendo secondi preziosi, mentre Müller ha tenuto il primato agevolmente visto che Frijns si è fermato nel giro seguente al suo.

Al rientro in pista l'unico a guadagnarci nel valzer dei pit-stop è stato Van Der Linde, quarto davanti ad un Wittmann che ha atteso fino all'ultimo sperando di poter sfruttare le gomme fresche nel finale.

Questo non è accaduto e Müller ha vinto con oltre 11" su Frijns e 19"5 su Rast, seguiti dalle BMW di "VdL" e Wittmann.

Habsburg ha tentato l'assalto finale al Bi-Campione DTM, ma si è dovuto accontentare del sesto posto con dietro Rockenfeller, bravo a sbarazzarsi di Glock al giro 36 dopo una lunga pressione.

Punti anche per Duval ed Aberdein, restano a mani vuote Newey, Eng, Auer e Scherer.

Ritirati per problemi tecnici Green e Kubica; un peccato per il polacco che era partito fortissimo dal settimo posto, ma venendo anche penalizzato per posizionamento scorretto in griglia prima che il cambio lo abbandonasse.

DTM - Nürburgring: Gara 1

DTM - Nürburgring: Gara 2

Il DTM nel 2021 andrà avanti con le GT

Articolo precedente

Il DTM nel 2021 andrà avanti con le GT

Prossimo Articolo

Ravaglia-Spengler: quel titolo DTM che li ha resi amici dal 2012

Ravaglia-Spengler: quel titolo DTM che li ha resi amici dal 2012
Carica commenti