Andreucci vince a Sanremo e fa cinema con la Peugeot

Paolo Andreucci si aggiudica il Rally di Sanremo per la quarta volta, mentre la Peugeot 208 T16 R5 festeggia una tripletta in Gara 2 con Perico e Campedelli sul podio. Sbatte Scandola con la Skoda e fora Basso con la Ford a gas.

L'ultima speciale è stata una cavalcata trionfale per Paolo Andreucci che si è aggiudicato la 63esima edizione del Rally di Sanremo con la Peugeot 208 T16 R5. Il pilota toscano dopo il terzo posto in Gara 1 di ieri ha voluto dare oggi una dimostrazione della sua superiorità in Gara 2 visto che ha dominato le cinque prove che erano in programma, siglando per la quarta volta il successo nella prestigiosa corsa ligure dopo i precedenti del 2006, 2010 e 2015.

"Ucci" ha fatto la differenza su un percorso pieno di insidie perché nella Riviera dei Fiori è piovuto e le infide stradine che si innervano lungo le valli dell'entroterra matuziano erano molto viscide. A complicare ancora di più il compito degli equipaggi gli improvvisi banchi di nebbia che hanno penalizzato a vario titolo i piloti. Paolo non ha mai mostrato problemi sapendo gestire a meraviglia le gomme morbide Pirelli che ha deciso di montare stamane per la lunga del Bosco di Rezzo: e già nell'apertura di giornata ha fatto capire che non ce n'era per nessuno.

Andreucci ora comanda la classifica tricolore con sette lunghezze di vantaggio su Giandomenico Basso. Il veneto della BRC non ha azzeccato la scelta delle gomme con la Ford Fiesta R5 a gas e ha sempre dovuto precedere con un passo guardingo rispetto al suo potenziale. Era già fuori dal podio quando nella PS10 ha forato perdendo oltre due minuti che lo hanno fatto precipitare al sesto posto.

Nella graduatoria di Gara 2 il grande assente è Umberto Scandola: il veronese è stato costretto al ritito dopo una toccata nella PS9 di Vignai quando ha perso un ruota danneggiando la sospensione posteriore destra. E' arrivato a fine prova, ma non ha raggiunto il parco assistenza preferendo il ritiro dopo la bella e convincente vittoria di ieri in Gara 1. Scandola torna a casa quarto nella graduatoria assoluta dietro anche ad Alessandro Perico.

Il bergamasco si è regalato un piazzamento di prestigio con una gara molto assennata: la Peugeot lascia la Liguria con una tripletta che è stata completata dalla terza piazza di Simone Campedelli al debutto con la 208 di Munaretto. Perico è la vera sorpresa del sabato perché non ha mai commesso grandi errori, dimostrando di saper gestire la pressione in una gara che si è disputata con la continua variabilità meteo che ha reso particolarmente difficile leggere il tracciato e la scelta degli pneumatici.

Dietro al tris del Leone spunta la Citroen DS3 R5 di Rudy Michelini molto consistente specie nella parte finale: è riuscito il sorpasso per il quarto posto proprio all'ultimo sulla Ford Fiesta Super 2000 di Andrea Nucita che si è difeso come ha potuto con una vettura meno sviluppata.

Luca Panzani mette il sigillo alla R3T con la Clio che ha portato fino al nono posto assoluto, mentre il locale Danilo Ameglio con una vecchia Peugeot 106 Gruppo A si è infilato nella top ten, precedendo Pollara e Princiotto che si sono aggiudicati la R2B con la 208.

Pos. Equipaggio Vettura Tempo
1 Andreucci/Andreussi Peugeot 208 T16 R5 54'06"5
2 Perico/Turati Peugeot 208 T16 R5 +1'31"9
3 Campedelli/Fappani Peugeot 208 T16 R5 +2'18"7
4 Michelini/Perna Citroen DS3 R5 +2'34"9
5 Nucita/Nucita Ford Fiesta RRC +2'46"1
6 Basso/Granai Ford Fiesta R5 EVO Ldi +3'39"7
7 "Ciava"/Michi Citroen DS3 R5 +4'15"1
8 Baccega/Menchini Ford Fiesta R5 +4'49"5
9 Panzani/Baldacci Renault Clio R3T +5'14"7
10 Ameglio/Marinotto Peugeot 106 GR.A +5'44"4
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati CIR
Evento Rallye Sanremo
Sub-evento Gara 2
Piloti Paolo Andreucci , Simone Campedelli , Alessandro Perico
Team Peugeot Sport Italia
Articolo di tipo Gara