Formula 1 MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
23 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
49 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
37 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni

WTCR: Coronel vince Gara 2 nella doppietta Audi

L'olandese e Magnus beffano Guerrieri, Vernay è quarto dopo un incidente con Girolami, che piomba ad altissima velocità contro le barriere rimbalzando in aria. Grande rimonta di Azcona, in Top5 seguito dalle Hyundai di Catsburg e Michelisz. Fuori Tarquini.

WTCR: Coronel vince Gara 2 nella doppietta Audi

Ancora una volta è l'Audi a dettare legge allo Slovakia Ring, con Tom Coronel e Gilles Magnus che regalano la doppietta in Gara 2 del FIA WTCR alla Comtoyou Racing con le rispettive RS 3 LMS.

Al via era stato Esteban Guerrieri a balzare al comando con la sua Honda Civic Type R, approfittando delle scaramucce tra il poleman della griglia invertita Néstor Girolami, Jean-Karl Vernay e Santiago Urrutia, infilando i tre alla curva 1 tirandosi dietro proprio Coronel e Magnus.

L'argentino della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport ha tenuto il primato, ma la gara è stata neutralizzata dall'ingresso della Safety Car per una carambola che ha visto Norbert Michelisz toccare lievemente Attila Tassi (ALL-INKL.DE Münnich Motorsport), che intraversandosi ha centrato l'incolpevole Gabriele Tarquini (BRC Hyundai N LUKOIL Squadra Corse). Insabbiate Honda e Hyundai e corsa finita qui per l'ungherese e il "Cinghiale".

Le battaglie sono riprese al giro 5 e Vernay ha "spigolato" il posteriore della Lynk & Co 03 di Yvan Muller, che sbandando ha tratto in inganno Nathanaël Berthon; il vincitore di Gara 1 per evitare il pilota della Cyan Racing è finito nella ghiaia con la sua Audi, alzando bandiera bianca.

Guerrieri ha provato la fuga, ma Coronel e Magnus non l'hanno mollato. Dietro a lui, Girolami, Nicky Catsburg e Vernay sono presto stati raggiunti da un Mikel Azcona super al volante della Cupra Leon Competición preparata dalla Zengő Motorsport, che si è sbarazzato prima della Lynk & Co di Yann Ehrlacher e poi della Hyundai di Michelisz salendo settimo.

Al giro 9 ecco la mossa che ha deciso la corsa: Coronel ha preso la scia di Guerrieri sul rettilineo opposto e alla staccata della curva 13 lo ha infilato all'interno; il sudamericano ha provato a rispondere all'olandese, ma si è trovato di fianco anche Magnus cedendogli il secondo posto.

Guerrieri e Girolami si sono quindi trovati a battagliare per il podio, dietro a loro sono state scintille tra Catsburg, Azcona e Vernay. Lo spagnolo ha prima superato l'Alfa Romeo Giulietta Veloce del Team Mulsanne-Romeo Ferraris del francese, che gli ha risposto al giro 10 in fondo al rettilineo con una staccatona doppia che gli è valsa non solo la posizione su Azcona, ma anche quella di Catsburg.

Qui si è formato un gruppetto agguerrito fra Guerrieri, Girolami, Vernay, Azcona e Catsburg a giocarsi nell'ultima tornata il podio. Il disastro si è materializzato alla curva 1, quando Vernay ha incrociato la traiettoria con Girolami provando ad infilarlo a destra.

L'argentino gli ha chiuso la porta senza che "Jay Kay San" potesse evitare il contatto e la Honda si è intraversata per poi piombare violentemente contro il guardrail (privo di barriere di gomme), rimbalzando in aria e roteando un paio di volte.

La Civic è uscita distrutta dal bruttissimo botto, ma Girolami fortunatamente ha riportato solo qualche acciacco fisico, seppur ora impossibilitato a partire per Gara 3.

Coronel ha quindi vinto comodamente davanti a Magnus e Guerrieri, con Vernay e Azcona a completare la Top5.

A seguire abbiamo le Hyundai di Catsburg e Michelisz, mentre le Lynk & Co di Ehrlacher e Muller completano la Top10 assieme alla Honda di Tiago Monteiro.

Undicesimo posto per Luca Engstler con la Hyundai del suo team, davanti alla wildcard Petr Fulin (Cupra - Vexta Domy Racing), Aurélien Comte (Renault Mégane RS - Vuković Motorsport), Bence Boldizs (Cupra Leon Competición - Zengő Motorsport) e alle 03 di Urrutia - scivolato indietro dopo la collisione del via - e Thed Bjork.

Sfortunato Luca Filippi, che doveva partire in prima fila: il pilota del Team Mulsanne è incappato in un problema alla frizione della sua Giulietta proprio a tiro della partenza, dovendo ritirarsi mestamente.

Cla   # Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   31 Netherlands Tom Coronel Audi 11 -         25
2   16 Belgium Gilles Magnus Audi 11 1.053 1.053 1.053     20
3   86 Argentina Esteban Guerrieri Honda 11 3.582 3.582 2.529     16
4   69 France Jean-Karl Vernay Alfa Romeo 11 4.106 4.106 0.524     13
5   96 Spain Mikel Azcona CUPRA 11 4.773 4.773 0.667     11
6   88 Netherlands Nick Catsburg Hyundai 11 5.442 5.442 0.669     10
7   1 Hungary Norbert Michelisz Hyundai 11 6.473 6.473 1.031     9
8   68 France Yann Ehrlacher Lynk & Co 11 7.554 7.554 1.081     8
9   100 France Yvan Muller Lynk & Co 11 9.561 9.561 2.007     7
10   18 Portugal Tiago Monteiro Honda 11 9.982 9.982 0.421     6
11   8 Germany Luca Engstler Hyundai 11 10.473 10.473 0.491     5
12   22 Petr Fulfn CUPRA 11 11.396 11.396 0.923     4
13   34 France Aurélien Comte Renault 11 12.014 12.014 0.618     3
14   55 Bence Boldizs CUPRA 11 13.075 13.075 1.061     2
15   12 Uruguay Santiago Urrutia Lynk & Co 11 15.161 15.161 2.086     1
16   11 Sweden Thed Björk Lynk & Co 11 16.837 16.837 1.676      
17   99 Gabor Kismarty-Lechner CUPRA 11 58.080 58.080 41.243      
18   29 Argentina Néstor Girolami Honda 10 1 lap          
19   17 France Nathanaël Berthon Audi 4 7 laps          
condivisioni
commenti
WTCR: Berthon vince Gara 1, podio per Tarquini e Alfa Romeo

Articolo precedente

WTCR: Berthon vince Gara 1, podio per Tarquini e Alfa Romeo

Prossimo Articolo

WTCR: Catsburg trionfa in Gara 3, Vernay secondo con l'Alfa Romeo

WTCR: Catsburg trionfa in Gara 3, Vernay secondo con l'Alfa Romeo
Carica commenti