MotoGP, Le Mans: Petrucci torna a vincere sotto alla pioggia

Il ducatista centra il suo secondo successo in una gara ad eliminazione. Primo podio, meritato, per Alex Marquez. Dovizioso è quarto e accorcia la classifica, con gli altri big tutti indietro. Terzo zero di fila per Rossi, che cade alla prima curva.

MotoGP, Le Mans: Petrucci torna a vincere sotto alla pioggia

Danilo Petrucci ha sempre avuto un rapporto speciale con il tracciato di Le Mans. Negli ultimi due anni era sempre salito sul podio, ma oggi il pilota di Terni si è regalato di più, andando a prendersi una bellissima vittoria, la sua seconda in carriera, in una gara resa ad eliminazione dalla pioggia caduta proprio pochi istanti prima del via.

"Petrux" è riuscito a mettere una grande pezza ad una stagione fin qui davvero complicata, trovando anche il modo di salutare nel migliore dei modi la Ducati, che lascerà alla fine dell'anno dopo una lunga storia d'amore.

La pioggia, arrivata proprio quando stava per partire il giro di ricognizione, ha imposto una procedura di Quick Restart e dopo una breve parentesi con Jack Miller davanti a tutti, è stato quasi subito Danilo ad andare ad imporre il proprio ritmo davanti a tutti, seguito dalle altre due Desmosedici GP dell'australiano e di Andrea Dovizioso.

Nei primi giri della corsa le Rosse hanno dato la sensazione di poter scappare, ma da dietro ha ricominciato a salire come una furia la Suzuki di Alex Rins: nello spazio di appena quattro passaggi, infatti, lo spagnolo si è riportato da 16esimo in griglia a quarto, facendo capire subito di avere tutte le carte in regola per andare a riprendere le Ducati. Considerato anche il fatto che lui montava due gomme medie da bagnato a differenza di chi lo precedeva.

Una volta ricongiunto con le Ducati, ha trovato però un grande ostacolo in Jack Miller, che ha risposto colpo su colpo a tutti i suoi attacchi. Il punto di rottura della gara è arrivato poi a 9 giri dal termine, quando Dovizioso ha attaccato Petrucci e Rins ha provato ad infilare entrambi i ducatisti alla curva 9 approfittando del loro duello.

Un attacco che ha permesso a Petrucci di prendere un piccolo margine, facendo perdere terreno invece a Dovizioso e Miller, che sono stati ripresi anche dalla Honda di uno strepitoso Alex Marquez e dalla KTM di Pol Espargaro.

I colpi di scena però non erano finiti, perché un giro più tardi Miller è stato costretto ad alzare bandiera bianca per un cedimento meccanico, mentre a 7 tornare dalla bandiera a scacchi è finito ruote all'aria anche Rins, perdendo l'anteriore della sua Suzuki alla curva 3.

A questo punto Petrucci si è ritrovato in fuga solitaria, con oltre 2" di margine, seguito da Dovizioso che invece aveva il problema di dover controllare non solo Marquez e Pol Espargaro, ma anche Miguel Oliveira, che piano piano iniziava a farsi minaccioso alle loro spalle.

Il forlivese probabilmente era già un po' in crisi con la sua gomma soft e nel finale si è arresto sia a Marquez che ad Espargaro. Il campione del mondo della Moto2 a questo punto ci ha provato e si è riportato fino a poco più di un secondo da Petrucci, ma Danilo è stato bravissimo ad amministrare il proprio margine e ad andare ad imporsi meritatamente. Tra le altre cose, questa è anche la prima vittoria della Ducati in terra francese.

Guarda anche:

Per il più piccolo dei fratelli Marquez si tratta comunque di un risultato che vale quasi come una vittoria, perché è il suo primo podio in MotoGP ed arriva in condizioni in cui è riuscito a dimostrare la sua sensibilità di guida, in una stagione in cui il suo talento era stato messo in dubbio più volte viste le grandi difficoltà.

Positivo anche il podio di Pol Espargaro, perché si tratta del terzo stagionale per il pilota della KTM, seppur sempre sul gradino più basso del podio. Un risultato che non fa altro che confermare la crescita costante della Casa di Mattighofen. Ai piedi del podio, Dovizioso alla fine è riuscito a resistere fino alla fine agli attacchi di Oliveira. Anzi, è stato il portoghese a capitolare a quelli di Johann Zarco, che ha permesso alla Ducati di piazzare tre moto nella top 5.

Il quarto posto è un risultato che riavvicina il forlivese alla vetta della classifica iridata, anche se inevitabilmente ci sarà un po' di rammarico per aver sprecato una grande occasione, visto che i suoi avversari hanno fatto davvero una grande fatica sul bagnato: il leader Fabio Quartararo ha infatti chiuso solamente nono dopo essere scattato dalla pole position, proprio davanti a Maverick Vinales e Joan Mir.

Va detto però che gli ultimi due hanno anche pagato a caro prezzo l'errore di Valentino Rossi alla prima chicane: il "Dottore" è scivolato ed ha portato fuori dalla pista con sé i due spagnoli. Un peccato per il pesarese, che arriva così al terzo zero consecutivo per una caduta, ma anche per gli altri due che si sono visti rovinare la gara.

La classifica iridata ora quindi vede sempre al comando Fabio Quartararo, che ha portato a 10 punti il suo margine su Mir. Si riavvicina invece Dovizioso, a -18, con un punto in più rispetto a Vinales.

Negativa poi anche la domenica degli altri due piloti italiani in gara: Pecco Bagnaia ha perso tantissime posizioni al via e non è mai riuscito a trovare il ritmo giusto sul bagnato, chiudendo 13esimo, giusto davanti all'Aprilia di Aleix Espargaro (Bradley Smith è caduto quando era nel trenino con Alex Marquez). Ritirato invece Franco Morbidelli, scivolato alla curva 4.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Italy Danilo Petrucci Ducati 26 45'54.736     142.1 25
2 Spain Alex Marquez Honda 26 45'56.009 1.273 1.273 142.1 20
3 Spain Pol Espargaro KTM 26 45'56.447 1.711 0.438 142.1 16
4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 26 45'58.647 3.911 2.200 141.9 13
5 France Johann Zarco Ducati 26 45'59.046 4.310 0.399 141.9 11
6 Portugal Miguel Oliveira KTM 26 45'59.202 4.466 0.156 141.9 10
7 Japan Takaaki Nakagami Honda 26 46'00.657 5.921 1.455 141.8 9
8 Germany Stefan Bradl Honda 26 46'10.333 15.597 9.676 141.3 8
9 France Fabio Quartararo Yamaha 26 46'11.423 16.687 1.090 141.3 7
10 Spain Maverick Viñales Yamaha 26 46'11.631 16.895 0.208 141.3 6
11 Spain Joan Mir Suzuki 26 46'11.716 16.980 0.085 141.3 5
12 South Africa Brad Binder KTM 26 46'22.057 27.321 10.341 140.8 4
13 Italy Francesco Bagnaia Ducati 26 46'28.087 33.351 6.030 140.4 3
14 Spain Aleix Espargaro Aprilia 26 46'33.912 39.176 5.825 140.2 2
15 Spain Iker Lecuona KTM 26 46'45.823 51.087 11.911 139.6 1
  Spain Alex Rins Suzuki 26 47'08.926 1'14.190 23.103 138.4  
  Australia Jack Miller Ducati 19 34'05.262 7 Laps 7 Laps 139.9  
  Italy Franco Morbidelli Yamaha 18 33'02.733 8 Laps 1 Lap 136.7  
  United Kingdom Cal Crutchlow Honda 17 30'15.420 9 Laps 1 Lap 141.0  
  Spain Tito Rabat Ducati 14 26'18.935 12 Laps 3 Laps 133.5  
  United Kingdom Bradley Smith Aprilia 8 14'30.672 18 Laps 6 Laps 138.4  
  Italy Valentino Rossi Yamaha 0          
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio di Francia: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio di Francia: Gara

Prossimo Articolo

Alex Marquez: "Marc, tranquillo, sono già qui!"

Alex Marquez: "Marc, tranquillo, sono già qui!"
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021