Michelisz: "Il miglior tempo nei test non significa nulla"

condivisioni
commenti
Michelisz:
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
31 ott 2015, 08:07

L'ungherese è stato subito velocissimo a Buriram, ma non si fida. La pista però gli piace tantissimo.

Norbert Michelisz, Honda Civic WTCC, Zengo Motorsport
Il vincitore di gara 2 Norbert Michelisz, Honda Civic WTCC, Zengo Motorsport
Norbert Michelisz, Honda Civic WTCC, Zengo Motorsport
Norbert Michelisz, Honda Civic WTCC, Zengo Motorsport
Norbert Michelisz, Honda Civic WTCC, Zengo Motorsport
Norbert Michelisz, Honda Civic WTCC, Zengo Motorsport

L'ungherese Norbert Michelisz è stato il più rapido nei test mattutini del FIA WTCC in Thailandia. Ecco le prime impressioni del pilota della Honda-Zengő Motorsport.

Il miglior tempo nei test fa ben sperare per il prosieguo del weekend?
"In realtà non significa molto. Anche a Shanghai concludemmo la prima sessione secondi, ma in qualifica non entrammo nemmeno in Q2. Abbiamo una zavorra di 40Kg e viste le caratteristiche del tracciato non è un bene per noi. Mi aspetto tante difficoltà, anche se ottenere il miglior tempo con un margine di 1" sul quinto e sesto è un buon auspicio per il prosieguo del weekend. Però tutti potranno migliorare.

Che impressioni ti ha fatto il circuito?
"Ci dobbiamo tornare tutti gli anni! E' largo, è un misto fra Argentina e Motegi, vedremo sicuramente delle belle gare. Da pilota mi è piaciuta molto la curva 4, molto veloce e impegnativa. Ma ci sono altre varianti di media velocità molto interessanti, dove l'auto deve arrivare al limite. E' una sfida per tutti, ma molto divertente."

Stamattina non era molto caldo, ma le temperature si alzeranno; come le gestirai?
"Berrò molto, per correre in posti del genere devi prepararti giorni prima, arrivando a bere anche 5 o 6 litri d'acqua. Io faccio così."

Prossimo articolo WTCC

Su questo articolo

Serie WTCC
Evento Buriram
Location Chang International Circuit
Piloti Norbert Michelisz
Team Zengő Motorsport
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Intervista