Perché Binder deve servire come esempio e non come monito

I dubbi legati all'arrivo di Darryn Binder in MotoGP, che si sono accentuati dopo che un incidente causato dal sudafricano ha deciso il Mondiale in Moto3, nascondono un problema più profondo, quello dell'eccessiva aggressività dei piloti giovani.

Perché Binder deve servire come esempio e non come monito

Se c'è una cosa che è chiara, è che Binder ha commesso un errore a Portimao domenica scorsa quando ha tentato di superare Dennis Foggia. Il tentativo di sorpasso era già folle di per sé, ma si tratta di un'azione resa ancora più grave dalle conseguenze che ha avuto, perché ha deciso la lotta per il Mondiale a favore di Pedro Acosta.

Logicamente, il pilota del Team Leopard era furioso, ma indirettamente l'errore di calcolo del #40 ha anche impedito allo spagnolo di vincere il titolo con stile, senza interferenze da parte di terzi. Binder è un habitué di questo tipo di contrattempi, che in più di un'occasione ha portato ad un penalità.

E' difficile trovare un soprannome migliore per il ragazzo rispetto a quello che ha già: "Divebomb", che in termini sportivi può essere interpretato come kamizake. In questo caso, i commissari hanno deciso di squalificarlo dalla gara, ma la sensazione generale è che la penitenza sia lontana dal peccato commesso.

Una volta che gli animi sono tornati alla normalità, le voci più rilevanti del campionato hanno dato la loro opinione su ciò che è successo e, cosa più importante, sugli echi lasciati da tutto il trambusto. Il punto di vista dei piloti della MotoGP è stato particolarmente rilevante, perché tra pochi mesi se la dovranno vedere con Binder in pista.

Il Sepang Racing Team (SRT), rinominato RNF, nel 2022 lo promuoverà direttamente dalla Moto3 alla MotoGP, in un doppio salto mortale con piroetta che ricorda quello già fatto da Jack Miller nel 2015. Tuttavia, ci sono due grandi differenze degne di nota tra i due episodi. Il più importante è che Miller è salito nella classe regina senza passare dalla Moto2 perché Honda ha visto in lui un talento speciale. D'altra parte, l'arrivo di Binder può essere interpretato solo come una risposta alle esigenze finanziarie di RNF.

Questa è una delle debolezze di una competizione che, a causa dei suoi costi elevati, condiziona direttamente le alternative per le squadre indipendenti quando arriva il momento di firmare i loro piloti. Un portavoce autorevole di SRT quantifica il capitale che porterà Binder alla struttura il prossimo anno in mezzo milione di euro, una cifra che è stata definitiva per la sua firma.

Una volta confermata l'uscita di Petronas come main sponsor, molti membri della squadra hanno deciso comunque di non proseguire. Razlan Razali, il proprietario, li sta sostituendo con persone di fiducia, per lo più provenienti dalla Malesia. Il fatto che Yamaha abbia deciso di impegnarsi solo per un anno (2022) è un'altra indicazione della mancanza di fiducia che il progetto infonde in coloro che devono fornire le moto di Binder ed Andreaa Dovizioso.

Leggi anche:

Motivati da quanto accaduto a Foggia, la maggior parte dei piloti di MotoGP hanno dato la loro versione della storia, dopo che gli è stato domandato se la presenza del nuovo arrivo sulla griglia li possa mettere a disagio. "Non esiste un nome per Darryn Binder. Ci sono piloti aggressivi che sono cambiati. Per esempio Zarco, che era uno dei più conflittuali. Ora è ancora aggressivo, ma molto meno. Dopo il brutto incidente che ha avuto in Austria (con Franco Morbidelli), è cambiato", ha detto Aleix Espargaro a Motorsport.com.

"Non è la prima volta che Binder fa una manovra del genere. La cosa più importante è che questo tipo di azione sia penalizzata. Non nella gara in questione, ma che chi è colpevole perda uno o due Gran Premi", concorda Joan Mir. "Succede troppo spesso che un pilota possa entrare in curva senza pensare alle conseguenze", ha continuato Pol Espargaro.

In un momento in cui la FIM si è rimboccata le maniche nel tentativo di arginare i crescenti livelli di aggressività che hanno preso piede nelle categorie inferiori e nei campionati junior, il debutto di Binder in MotoGP va nella direzione opposta all'inerzia che sta cercando di creare. Una delel possibili soluzioni, probabilmente la più popolare, è l'introduzione di una superlicenza simile a quella che devono ottenere i piloti di Formula 1.

In F1, i criteri presi in considerazione per la concessione della superlicenza sono principalmente sportivi, per cui il richiedente deve dimostrare di aver ottenuto determinati risultati nelle categorie inferiori. L'introduzione di questa formula eviterebbe casi come quello di Binder, che nei suoi sette anni nel Mondiale è stato in grado di conquistare appena una vittoria (Barcellona 2020), sei podi e tre pole position. Infatti, fino ad un paio di mesi fa non si era mai allenato in sella ad una moto di grande cilindrata, con il debutto avvenuto a Brno in un test privato in sella ad una Yamaha R1.

"Abbiamo bisogno di una superlicenza. Una sorta di certificazione che dimostra che sei pronto per la MotoGP. Abbiamo visto troppe cadute causate da Binder", ha detto Pecco Bagnaia. "Quello che è ovvio è che dovrebbe essere più difficile correre in MotoGP", ha aggiunto Aleix Espargaro. "Il problema", sostiene suo fratello Pol, "è che sarà difficile vietare questo tipo di ingaggio, perché siamo in un libero mercato".

Il più giovane dei fratelli di Granollers colpisce nel segno, poiché è ancora una volta evidente che i criteri di selezione di alcune squadre danno priorità alla quantità di denaro che può portare il nuovo arrivato rispetto al potenziale rendimento dal punto di vista sportivo.

E questo, per Binder, raddoppia il problema che ha dovuto affrontare da quanto è stato annunciato da RNF a Misano. "Non è tutta colpa di Darryn. Il ragazzo ora ha un sacco di pressione per dimostrare che merita di essere in MotoGP. E questo può portarlo a commettere errori", ha detto Mir.

Binder ora ha poco più di una settimana prima di salire su quella che sarà la sua moto per il 2022 ai test di Jerez. Per il suo bene e per quello degli altri, è meglio che se la prenda con più calma possibile. Questo sarà l'unico modo per dimostrare che tutti coloro che mettono in discussione il suo debutto in MotoGP hanno torto.

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
1/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
2/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
3/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
4/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
5/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
6/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
7/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
8/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
9/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
10/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
11/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
12/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
13/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
14/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
15/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
16/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
17/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
18/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
19/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
20/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
21/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
22/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
23/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
24/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
25/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
26/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
27/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
28/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
29/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
30/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
31/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
32/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
33/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
34/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
35/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
36/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
37/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
38/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
39/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
40/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
41/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
42/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
43/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
44/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
45/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
46/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
47/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
48/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
49/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
Darryn Binder, Petronas Sprinta Racing
50/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Paura Marquez: il problema alla vista potrebbe anche fermarlo
Articolo precedente

Paura Marquez: il problema alla vista potrebbe anche fermarlo

Prossimo Articolo

MotoGP | Aprilia torna a vestire i colori (RED) a Valencia

MotoGP | Aprilia torna a vestire i colori (RED) a Valencia
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021