La crisi della Honda affossa Pol Espargaro

Le difficoltà della Honda in MotoGP hanno portato Pol Espargaro ha fare uno dei debutti peggiori nella storia della HRC.

La crisi della Honda affossa Pol Espargaro

Pol Espargaro ha lasciato la KTM alla fine del 2020 per unirsi alla Repsol Honda. Il pilota di Granollers era alla ricerca di nuove sfide per fare un altro passo avanti nella sua carriera. Prima di salire per la prima volta sulla RC213V, aveva che "l'obiettivo principale di questa stagione era solo salire sul podio, per cercare di vincere gare o il titolo in futuro".

Nove gare più tardi, la realtà è ben diversa. "Polyccio" è 12esimo in campionato con 41 punti e due ottavi posti come migliori risultati. Il pilota catalano ha trovato una moto molto più critica del previsto, che lo ha già portato a cadere 13 volte, più che nelle precedenti quattro stagioni con la KTM.

I numeri di Pol dopo nove gare lo rendono il terzo peggior pilota ad aver esordito in Repsol Honda in termini di punti. Dietro di lui ci sono solo Sete Gibernau e Jorge Lorenzo. Nel 1998, lo spagnolo, in sella alla NSR 500 bicilindrica (Mick Doohan aveva una V4), aveva 34 punti, ma era salito sul podio una volta. Nel 2019, il maiorchino aveva solo 19 punti ed aveva saltato due gare per infortunio.

Infatti, anche il predecessore di Espargaro, ovvero Alex Marquez, aveva più punti di lui oggi. Il pilota di Cervera aveva messo insieme 47 punti ed aveva già conquistato il suo primo podio in MotoGP a Le Mans.

I piloti della Honda Repsol con meno punti nelle prime nove gare

Anno Piloti Punti
2019 Jorge Lorenzo 19
1998 Sete Gibernau 34
2021 Pol Espargaró 41
2020 Alex Márquez 47
2001 Tohru Ukawa 53
2003 Nicky Hayden 57

Il debutto di Espargaro con la Honda ha interrotto la tendenza di crescita che ha seguito da quando era entrato in KTM. Solo nei primi due anni con il marchio di Mattighofen aveva meno punti di ora dopo nove gare. Nel 2017 aveva 14 punti rispetto ai 32 dell'anno successivo.

Il #44 veniva poi da un 2020 decisamente brillante, concluso al quinto posto nel Mondiale. Dopo nove Gran Premi aveva già conquistato una pole position e due podi.

Punti di Pol Espargaro dopo nove gare in MotoGP

Anno Moto Punti
2014 Yamaha 67
2015 Yamaha 64
2016 Yamaha 72
2017 KTM 14
2018 KTM 32
2019 KTM 56
2020 KTM 73
2021 Honda 41

 

condivisioni
commenti
Gresini Racing dona una nuova sala di simulazione all'Ospedale Maggiore di Bologna

Articolo precedente

Gresini Racing dona una nuova sala di simulazione all'Ospedale Maggiore di Bologna

Prossimo Articolo

Ezpeleta: "Il caso di Rossi molto diverso da quello di Lorenzo in Honda"

Ezpeleta: "Il caso di Rossi molto diverso da quello di Lorenzo in Honda"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021