Dovizioso: "Podio frutto della mia determinazione"

Con il terzo posto di oggi a Jerez, Dovizioso ha mandato un messaggio importante a Ducati e alla concorrenza. Sull'infortunio di Marquez ha detto: "Marc quando deve recuperare, diventa ancora più forte".

Dovizioso: "Podio frutto della mia determinazione"

Andrea Dovizioso ha mandato un messaggio forte e a tanti destinatari. A Jerez de la Frontera ha vissuto un weekend difficile, faticando ad adattare la sua Ducati alla nuova gomma posteriore della Michelin, ma anche per il grande caldo.

Eppure, il forlivese è venuto fuori alla grande ed è riuscito ad andare a conquistarsi un posto sul podio che fino ad un paio di giri dal termine non sembrava un obiettivo facile.

Il primo messaggio lo ha sicuramente inviato alla Ducati, che all'inizio del weekend aveva parlato della necessità di vedere le motivazioni del forlivese prima di mettere la firma sul rinnovo per il 2021. E uno che lotta così fino all'ultimo metro di gara, sicuramente non è uno a cui mancano le motivazioni.

Il secondo invece a chi dovrà lottare con lui per il Mondiale, perché è vero che le due Yamaha di Fabio Quartararo e Maverick Vinales sono sembrate uno step più avanti, ma lo è altrettanto che il tracciato andaluso è storicamente indigesto alla Ducati e a Dovizioso. Basta pensare che questo è il suo primo podio nella classe regina su questa pista.

E assume ancora più valore nel giorno dell'infortunio di Marc Marquez, che sicuramente metterà il campione del mondo nella condizione di dover essere lui l'inseguitore in questo 2020 e non l'inseguito.

"Mi aspettavo di essere competitivo, anche se in gara lo siamo stati meno di quanto avrei sperato. Eravamo un gruppone, quindi sarebbe potuto succedere di tutto tra gomme nuove e temperatura alta" ha detto Dovizioso ai microfoni di Sky Sport MotoGP.

"In gara però ho fatto la differenza solo perché ho usato la testa e sono rimasto calmo. Non sono mai riuscito ad andare forte, sono stato solo costante e non ho mollato quando gli altri non ce la facevano più" ha aggiunto.

Il ducatista ha sottolineato poi il grande lavoro fisico fatto per recuperare dall'operazione alla clavicola di appena qualche settimana fa, ma anche quello svolto nel box insieme ai ragazzi del team.

"Devo dire grazie anche al lavoro che abbiamo fatto nelle ultime due settimane, perché non era facile arrivare con una clavicola appena operata, ma non ho avuto problemi. Abbiamo fatto un grande lavoro anche questo weekend, perché non siamo mai stati veloci e siamo partiti anche dietro".

"Quando non hai la velocità, riuscire a rimanere lì tutta la gara è la cosa più difficile. Se hai un po' di margine ti puoi gestire, invece con questo caldo è stato un disastro ed ho veramente poche energie".

Un accenno all'infortunio di Marc Marquez e all'impatto che potrebbe avere sulla stagione ovviamente non poteva mancare.

"Decisivo no, influente si. Marc quando deve recuperare, diventa ancora più forte. E Fabio ha solo dimostrato quello che tutti pensavamo che fosse capace di fare. Questa è stata una gara particolare e lo sarà anche la prossima. La temperatura è troppo alta e le condizioni estreme".

"Credo e spero che ci troveremo in situazioni diverse quando andremo su altre piste. Io sono stra-contento del podio, perché è arrivato solo con il lavoro del team e con la mia determinazione. Però non siamo veloci, quindi non basta".

Alla fine comunque si torna sempre su questo punto, ovvero che la velocità della Ducati al momento non basta per pensare di ambire al titolo. Anche se Andrea resta convinto che ci sia ancora il margine per fare uno step nelle prossime gare.

"Sicuramente possiamo migliorare la nostra prestazione, perché in questo momento ci manca la velocità, che è quello che serve per attuare un certo tipo di strategie. Diciamo che quando è arrivato a prendermi Marc, vedere la velocità che aveva è stato un po' disarmante".

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il vincitore Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team
Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/15

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Guaio Honda: anche Crutchlow deve operarsi allo scafoide

Articolo precedente

Guaio Honda: anche Crutchlow deve operarsi allo scafoide

Prossimo Articolo

Tegola Marquez: frattura completa dell'omero, dovrà operarsi

Tegola Marquez: frattura completa dell'omero, dovrà operarsi
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021