Caso motori: Yamaha ritira la richiesta di intervenire

Stando a quanto raccolto da Motorsport.com, il team di Iwata ha rinunciato alla domanda di intervento sui suoi motori a causa delle remore manifestate dagli altri costruttori con Honda in prima linea.

Caso motori: Yamaha ritira la richiesta di intervenire

Alla storia legata ai motori Yamaha 2020 si aggiunge un altro, importante capitolo. Stando a quanto appreso da Motorsport.com, nella giornata di ieri Yamaha ha ritirato la sua richiesta di aprire i propri motori per risolvere i problemi di affidabilità che l'hanno colpita nelle prime gare della stagione 2020.

Il team di Iwata aveva chiesto agli altri costruttori il permesso di sbloccare i propri motori colpiti da un problema di produzione delle valvole. Questo movimento, sosteneva yamaha, sarebbe stato fatto per motivi di sicurezza, ossia unica prerogativa del regolamento per poter intervenire sui motori sigillati.

una settimana dopo, però, alla nuova riunione dei costruttori avvenuta ieri, la Casa giapponese ha deciso di ritirare la sua richiesta. Motorsport.com ritiene che le argomentazioni presentate da Yamaha agli altri costruttori non siano state sufficientemente convincenti.

Come vi abbiamo detto giorni fa, la fonte del problema che ha rotto i motori di Valentino Rossi e Franco Morbidelli a Jerez de la Frontera e che ha portato Maverick Vinales a ricorrere alle 5 unità motrici disponibili per questa stagione secondo regolamento, si trova nelle valvole del motore della M1. Ma non in tutti.

Si è scoperto che Yamaha ha usato due diversi fornitori di valvole per coprire le 20 moto prodotte per il percorso 2020 (5 per moto, per 4 moto in griglia).

Le analisi dei motori che si sono guastati hanno concluso che le valvole di uno o entrambi i fornitori sono i pezzi che si rompono. Gli altri membro della MSMA (associazione dei costruttori) hanno chiesto a Yamaha un documento in cui il fornitore supponeva che queste parti avessero effettivamente un difetto di fabbricazione. Ma questo non è arrivato.

Di conseguenza, e visti gli ostacoli posti dalle altre Case (soprattutto Honda), Yamaha ha deciso di ritirare la sua richiesta.

Logicamente, da ora in poi, Yamaha dovrà correre e far ruotare i motori che sono rimasti a disposizione dei propri piloti, che sono già al di sotto del potenziale massimo.

Normalmente, le unità meno "sicure" verrebbero utilizzate nel corso delle prove libere, mentre quelle nuove e più affidabili sarebbero usate per qualifiche e gara.

Guarda il Gran Premio BMW M di Stiria live su DAZN. Attiva ora

condivisioni
commenti
Morbidelli: "Ho sbagliato a chiamare Zarco mezzo assassino"
Articolo precedente

Morbidelli: "Ho sbagliato a chiamare Zarco mezzo assassino"

Prossimo Articolo

MotoGP, Stiria, Libere 1: Miller nella doppietta Ducati

MotoGP, Stiria, Libere 1: Miller nella doppietta Ducati
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021