Morbidelli: "Ho sbagliato a chiamare Zarco mezzo assassino"

Franco Morbidelli sembra comunque convinto che alla fine i commissari sportivi della MotoGP penalizzeranno Johann Zarco per il terribile incidente di cui sono stati protagonisti nel GP d'Austria.

Morbidelli: "Ho sbagliato a chiamare Zarco mezzo assassino"

Il pilota della Yamaha Petronas si è visto tagliare la strada da quello della Ducati Avintia mentre iniziavano la frenata per la curva 3 e il contatto ha mandato entrambi nella ghiaia a velocità spaventosa.

La moto di Zarco è poi rimbalzata in pista, passando sopra alla testa di Maverick Vinales alla curva 3, mentre quella di Morbidelli ha evitato di un soffio sia lo spagnolo che Valentino Rossi mentre scivolava in pista.

Morbidelli se l'è cavata solo con graffi e contusioni, mentre Zarco si è fratturato lo scafoide ed è stato operato mercoledì, quindi domani dovrà stare a guardare, in attesa di farsi visitare e capire se potrà essere dichiarato fit.

Entrambi hanno partecipato ad un'udienza con i commissari sportivi della FIM per discutere dell'incidente, ma il verdetto è ancora incerto, anche se Morbidelli ritiene che il francese non rimarrà impunito.

"Dobbiamo vedere" ha detto Morbidelli quando gli è stato chiesto come avrebbe reagito di fronte ad una mancata sanzione. "Non credo che non lo penalizzeranno".

Morbidelli infatti è convinto che le immagini dell'incidente parlino da sole (durante l'incontro gli è stata mostrata una nuova angolazione) e crede che l'intento di Zarco fosse proprio quello di andare a coprire la sua linea.

"E' chiaro che Johann ha preso una linea strana, una linea che nessuno ha mai preso nemmeno una volta nel fine settimana" ha aggiunto.

"Era super stretto alla curva 3 solo per cercare di tagliare e sorpassarmi. Quando penso che l'obiettivo fosse quello di fare meno strada per passare, pensando poi alla frenata in un secondo momento".

Leggi anche:

"Il problema è che in questo modo non mi ha sorpassato completamente ed ha continuato ad allargarsi dopo la curva, quindi non siamo riusciti ad evitare la collisione".

"Io non ho potuto evitarla perché non potevo andare oltre sulla destra, perché non c'era spazio e sarei finito sull'erba".

L'Avintia Racing ha dichiarato nel suo comunicato stampa di domenica scorsa che Zarco aveva frenato più tardi rispetto al suo punto di staccata abituale. Cosa che secondo lui dimostra la sua innocenza, anche se Morbidelli non è d'accordo.

"Quando ci siamo scontrati, stavamo già frenando da un po' di tempo. Quando ho toccato Johann, probabilmente erano già 50 metri che stavo frenando".

"Il problema è che Johann ha cambiato la sua linea in maniera estremamente innaturale, non lasciandomi spazio durante la frenata".

"Presentare il fatto che ha frenato due metri dopo rispetto a dove frenava di solito non significa nulla, perché la linea era sbagliata, l'approccio alla curva era sbagliato, la manovra di sorpasso era sbagliata e l'uscita era sbagliata".

A caldo, Morbidelli aveva definito Zarco un "mezzo assassino", ma oggi ha approfittato dell'occasione per scusarsi, ammettendo di aver usato delle parole troppo forti.

"Mi spiace per il modo in cui ho chiamato Johann dopo la gara. Era un'affermazione troppo forte" ha detto.

"Resta il fatto che Johann ha commesso un errore. Resta il fatto che l'errore di Johann, o la sua azione, avrebbe potuto finire molto peggio di come è finita".

"Ma è comunque un errore. Non conosco i suoi sentimenti, non sono nella sua testa e non posso giudicare quello che gli passa per la testa. Posso solo giudicare le sue azioni".

Guarda il Gran Premio BMW M di Stiria live su DAZN. Attiva ora

La moto di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, dopo l'incidente

La moto di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, dopo l'incidente
1/14

Foto di: MotoGP

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Johann Zarco, Avintia Racing

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Johann Zarco, Avintia Racing
2/14

Foto di: MotoGP

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Johann Zarco, Avintia Racing

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Johann Zarco, Avintia Racing
3/14

Foto di: MotoGP

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Johann Zarco, Avintia Racing

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Johann Zarco, Avintia Racing
4/14

Foto di: MotoGP

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, e la moto di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, e la moto di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
11/14

Foto di: MotoGP

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/14

Foto di: MotoGP

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

L'incidente di Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rossi: "Grande spavento, ma non cambio idea: corro nel 2021"

Articolo precedente

Rossi: "Grande spavento, ma non cambio idea: corro nel 2021"

Prossimo Articolo

Caso motori: Yamaha ritira la richiesta di intervenire

Caso motori: Yamaha ritira la richiesta di intervenire
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021