Alex Marquez gonfia il petto: "Mi sono meritato la Honda"

Il più giovane dei fratelli Marquez ha spiegato che non si è sentito maltrattato da chi pensa che non meriti di essere nella formazione ufficiale della HRC e afferma: "Ho fatto il mio lavoro e mi sono guadagnato di essere alla Repsol Honda".

Alex Marquez gonfia il petto: "Mi sono meritato la Honda"

Il 13 agosto 2019, quando non era ancora stato incoronato Campione del Mondo, Alex Márquez ha annunciato il suo rinnovo con il team Marc VDS per continuare un'altra stagione in Moto2, quindi la sua decisione di rimanere nella classe intermedia è stata ferma.

Tuttavia, l'inaspettato annuncio del ritiro di Jorge Lorenzo ha lasciato un posto vacante nel team Honda factory per il 2020, spingendo Alex a fare finalmente il salto alla classe regina al fianco del fratello Marc Márquez.

La notizia è stata accolta con opinioni divise tra chi ha pensato che fosse un passo meritato per essere campione della Moto2, e chi ha pensato che il posto fosse una cortesia da parte della Honda al fratello.

In questo senso, Alex ha assicurato questa domenica a DAZN: "Non mi sono sentito maltrattato" da quella divisione di opinioni. "Sono calmo. Mi sono guadagnato il mio posto nel team Honda".

"Ci sono persone che pensano che sia un regalo e so che il mio compagno è il Campione del Mondo Moto2, non mio fratello" ha detto Marc dopo la notizia.

"Marc mi ha sempre protetto molto. Ha vinto otto titoli, rendendo normale vincere tante gare, fare tanti salvataggi, è eccezionale tutto quello che fa. E questo significa che la gente la vede come una cosa normale che ottenga tutto questo, quando in realtà non è così" ha spiegato Alex.

"Personalmente cerco di concentrarmi sulle mie cose, le persone che lo capiscono sanno davvero cosa serve per vincere un titolo, per vincerne due - per farlo in Moto3 e Moto2".

Due Mondiali che lo sostengono a pieno titolo nella Honda Repsol. Ma Alex non si ferma qui, poiché il più giovane dei Márquez tiene alte le sue aspirazioni.

"Ho avuto la fortuna di realizzare sempre quello che mi ero prefissato di fare. Il Campionato Spagnolo, il Campionato del Mondo Moto3 e il Campionato del Mondo Moto2 mi sono costati tanto, ma con il lavoro ci sono riuscito. Io credo in questo: il talento senza lavoro è inutile. Io vivo giorno per giorno, lavorando sodo, migliorando per arrivare alle gare con calma, sapendo che non ho potuto fare altro perché ho dato il cento per cento".

Leggi anche:

Anche se non ha ancora potuto debuttare nella classe regina a causa del COVID19, per Alex il grande sogno non può che essere quello di diventare un giorno un campione di MotoGP.

"E' chiaro, essere campione di MotoGP è l'ultimo passo, sicuramente il più difficile, che solo gli eletti possono raggiungere, è così. Se non sei Marc Márquez, per vincere in MotoGP devi considerate molti fattori e tutti devono muoversi nella tua direzione. È il mio sogno e ho intenzione di lavorare, ci vorrà tutto il tempo necessario, ma voglio ottenere un posto in griglia per poter lottare per il titolo".

Oltre a Marc, che ha difeso il diritto di Alex di stare sulla Honda, anche Valentino Rossi ha affermato: "Bisogna tenere presente che il fratello di Márquez è il campione della Moto2, è un pilota veloce, quindi perché no? La Honda non gli regala niente" ha detto l'italiano lo scorso novembre.

"Non mi sono mai sentito maltrattato o pensato che ci sia qualcuno che non apprezzi quello che faccio", ha detto Alex.

"E' chiaro che ci saranno molte persone che penseranno che sono stato messo sulla Honda perché sono il fratello di Marc. Alla fine, quando si vince in Moto2 e Moto3 non sembra avere importanza, soprattutto a causa della moda che si è diffusa qualche anno fa di cercare di arrivare molto velocemente in MotoGP. In Moto2 e Moto3 ci sono i piloti del futuro, c'è un cambio generazionale, molti piloti stanno per andare in pensione e quelli verranno su" ha aggiunto.

"Ero il campione del mondo della Moto2, la Honda aveva bisogno di un pilota in quel momento e mi hanno chiamato. Non c'è più niente di strano. Sono tranquillo perché ho fatto il mio lavoro in pista e mi sono guadagnato un posto nel team Repsol Honda oggi" ha concluso il pilota di Cervera.

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
1/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
2/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
3/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
4/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
5/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
6/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
7/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc and Alex Marquez, Repsol Honda Team
Marc and Alex Marquez, Repsol Honda Team
8/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
9/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
10/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
11/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
12/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
13/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
14/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
15/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
16/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
17/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
18/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
19/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
20/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
21/25

Foto di: Repsol Media

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
22/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
23/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
24/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Marquez, Repsol Honda Team
Alex Marquez, Repsol Honda Team
25/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP Virtuale: Bagnaia sbaglia e Vinales ne approfitta a Jerez
Articolo precedente

MotoGP Virtuale: Bagnaia sbaglia e Vinales ne approfitta a Jerez

Prossimo Articolo

Rins: “Fa un po’ rabbia vedere che Miller può allenarsi in moto”

Rins: “Fa un po’ rabbia vedere che Miller può allenarsi in moto”
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021