Jordan King approda in Indycar con la Ed Carpenter Racing

condivisioni
commenti
Jordan King approda in Indycar con la Ed Carpenter Racing
Di: Tom Errington
Tradotto da: Matteo Nugnes
04 gen 2018, 16:04

Jordan King farà il suo esordio in Indycar nella stagione 2018, difendendo i colori della Ed Carpenter Racing sui circuiti stradali e su quelli cittadini.

Spencer Pigot, Ed Carpenter Racing Chevrolet
Jordan King, MP Motorsport
Jordan King, MP Motorsport
Ed Carpenter, Ed Carpenter Racing Chevrolet
Jordan King, MP Motorsport
Jordan King, MP Motorsport

Questo vuol dire che il britannico, che nel 2017 ha corso in Formula 2, sarà al via di 11 appuntamenti della serie statunitense. Nei rimanenti, ovvero quelli sugli ovali, toccherà invece al titolare della squadra Ed Carpenter calarsi nell'abitacolo.

King completa quindi la line-up della squadra, dopo che al termine della stagione 2017 era già stata annunciata la promozione a tempo pieno di Spencer Pigot, chiamato a prendere il posto di JR Hildebrand.

King aveva già esplorato la possibilità di correre in Indycar anche nella scorsa stagione, infatti Carpenter ha rivelato che lo aveva già incontrato a Sonoma nel 2016.

"Siamo molto lieti di dargli il benvenuto nella famiglia ECR e di poterlo schierare sulla Dallara-Chevrolet #20 sugli stradali e sui cittadini" ha dichiarato Carpenter.

"Ho incontrato Jordan per la prima volta a Sonoma nel 2016, perché stava già valutando le sue opportunità in Indycar".

"E' un pilota molto motivato, intelligente ed affamato, quindi esattamente quello che stavamo cercando. In Europa ha già avuto successo, quindi non vedo l'ora di vedere di cosa è capace su una Indycar".

Dal canto suo, Jordan è convinto che entrare in una squadra come la Ed Carpenter Racing lo aiuterà ad ambientarsi rapidamente in Indycar.

"Sono entusiasta di approdare in Indycar" ha detto King. "Dopo aver vinto a Silverstone nel 2017 ed aver guidato anche una F.1, il 2017 non è andato come avrei sperato".

"Per questa nuova stagione non vedo l'ora di cominciare a lavorare con la Ed Carpenter Racing per raggiungere i nostri obiettivi comuni. Penso che insieme disponiamo delle capacità per fare bene".

"Condividere la vettura #20 con Ed mi offre la grande opportunità di imparare sia da lui che dalla squadra. Correre sugli stradali e sui cittadini mi consentirà invece di mettere in pratica ciò che ho imparato in Europa".

Prossimo Articolo
Carlin: "La stagione 2018 in IndyCar sarà dura per noi"

Articolo precedente

Carlin: "La stagione 2018 in IndyCar sarà dura per noi"

Prossimo Articolo

Quattro gare in Indycar con la Juncos per René Binder

Quattro gare in Indycar con la Juncos per René Binder
Carica commenti

Su questo articolo

Serie IndyCar
Piloti Jordan King
Team Ed Carpenter Racing
Autore Tom Errington