Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Gara in
22 Ore
:
12 Minuti
:
31 Secondi
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
26 giorni
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
FP1 in
111 giorni
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
FP1 in
124 giorni
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
138 giorni

Wolff esclusivo: "La forza della Mercedes? Non c'è tolleranza per la politica interna"

condivisioni
commenti
Wolff esclusivo: "La forza della Mercedes? Non c'è tolleranza per la politica interna"
Di:
4 lug 2019, 10:42

Il team principal della Mercedes ha rilasciato una lunga intervista a Motorsport.com, nella quale ha sottolineato l'importanza della stabilità interna al team per i successi a raffica e come è stata raggiunta. Ma non solo, perché ha affrontato tanti temi caldi della F1...

Ci sono molti aspetti che colpiscono di Toto Wolff. A 47 anni ha un palmares che lo rende il team principal più vincente del paddock, ma non è solo questione di cifre. La visione del motorsport di Wolff è totale, negli otto anni trascorsi al timone del team Mercedes non ha solo vinto titoli Mondiali a raffica, ma ha acquisito una profonda conoscenza del mondo della Formula 1 in tutti i suoi aspetti. Il tutto senza perdere di vista il mercato dei giovani piloti, le categorie minori e le serie alternative al Circus, dal WEC alla Formula E.

Il suo è un curriculum praticamente perfetto, con un passato da pilota, da manager nel mondo della finanza, da socio di grandi aziende di motorsport, come la HWA, fino all’esperienza in Williams (come azionista) che lo ha poi traghettato in Mercedes. Chiacchierare con Wolff vuol dire poter spaziare nel mondo dei motori nel suo insieme, anche se ovviamente è la Formula 1 l’argomento principe di questa intervista.

Toto è anche, se non soprattutto, un abile comunicatore, e quando nei test pre-campionato a Barcellona espresse la sua preoccupazione per lo stato di forma della Mercedes, tutti gli credettero. Poi, però, la squadra ha fatto sue le prime otto gare in calendario, facendo sorgere il dubbio: ci ha presi in giro o era sincero?

Facciamo un passo indietro e torniamo ai test pre-stagionali. Eravate davvero preoccupati dai riscontri arrivati dalle prime prove?
“Si, ero preoccupato, ma non tanto nel test 1. Nella prima settimana avevamo visto una Ferrari impressionante, la loro monoposto sembrava davvero buona, ma sapevamo che nel secondo test sarebbe arrivato un pacchetto di novità che avrebbe cambiato volto alla nostra vettura. La preoccupazione è arrivata quando abbiamo iniziato le prime prove con la W10 aggiornata: i valori non erano correlati, e così è stato per i primi due giorni. Poi nella terza giornata le cose sono iniziate ad andare nella giusta direzione, e il quarto giorno abbiamo eguagliato i tempi della Ferrari. Nelle ultime ore di prove abbiamo avuto per la prima volta la sensazione che ci fosse un quadro ragionevole, ma allo stesso tempo era chiaro che per noi la Ferrari era il punto di riferimento”.

Nella storia di questa prima parte di stagione credi che sia stata maggiormente determinante la vostra crescita o i problemi dalla Ferrari?
“Se parliamo di performance posso solo giudicare il nostro lavoro, ed è ciò che facciamo tutti nel team: concentrarci su noi stessi. L’obiettivo è sempre lo stesso: rendere la tua macchina più veloce. In un mondo perfetto si lavora, si va in pista ed arrivano i risultati, ma non è sempre così, abbiamo visto che anche noi abbiamo avuto vari imprevisti. In Bahrain la Ferrari aveva la monoposto più veloce, e avrebbero dovuto vincere la gara con Leclerc. Charles, prima del suo incidente in qualifica, era il pilota più veloce in pista anche a Baku, ed anche a Montreal Sebastian era in testa fino alla penalità. Quindi il bilancio oggi potrebbe essere diverso, ed anche se non lo è, sappiamo che in tutte le prossime gare dovremo lottare per aggiungere punti alla nostra classifica”.

Come riuscite a gestire il rischio di appagamento che può sopraggiungere dopo aver vinto così tanto?
“Quando riflettiamo sulle nostre prestazioni spesso mi sento dire…’Ma dai! Il campionato ve lo giocate in casa’. Ma abbiamo una precisa mentalità sotto questo aspetto, ed è una continua ricerca di miglioramento che nasce dallo scetticismo di potercela fare facilmente. Non è un gioco psicologico, è di base un rispetto per la performance dei nostri avversari, con la consapevolezza che in qualsiasi momento può cambiare tutto. Aver vinto otto Gran Premi di fila o cinque mondiali consecutivi non ti da garanzia di nulla, in questo sport si riparte sempre da zero. Questa è la mentalità della squadra, un approccio presente negli anni che ci ha sempre consentito di essere onesti con noi stessi. È un implacabile inseguimento della perfezione che non esiste”.

Quando una squadra vince tanto, come nel caso della Mercedes, le figure chiave ricevono sempre ottime offerte di lavoro dalla concorrenza. Come avete fatto a mantenere un’invidiabile stabilità di personale nell’arco di molti anni?
“So che molte nostre persone, anche in ruoli chiave, ricevono ottime offerte, e lo so perché me lo dicono. Credo che siamo stati in grado di creare un ambiente in cui un professionista può apprezzare il suo lavoro. E, ci tengo a dirlo, nella squadra non c’è politica, ho tolleranza zero per la politica interna. Possiamo farla con l’esterno, negoziando e dicendo la nostra ai vari tavoli delle regole, ma internamente no, ripeto: su questo fronte non c’è tolleranza. Ci vuole una totale trasparenza reciproca, se c’è un problema si lavora per risolverlo, non per puntare il dito su un colpevole. Se qualcuno commette un errore, cerchiamo di capire i motivi che l’hanno determinato e come evitarlo in futuro, se necessario agendo anche sulla persona che ha bisogno di supporto. In fin dei conti è un approccio semplice, e questa mentalità funziona da tempo nella nostra squadra, in tutte le aree. Quando ad esempio passo nel reparto dei disegnatori, vedo molti giovani che si sono uniti a noi nel corso degli anni, affiancando chi è nel team da più tempo, e la mentalità che viene trasmessa è sempre questa, senza eccezioni”.

Per molto tempo alla Mercedes è stata riconosciuta la paternità della miglior power unit del paddock, e solo quest’anno avete convinto tutti di aver la miglior monoposto. Sorpreso?
“Credo che il nostro telaio sia molto buono da parecchio tempo, ma è gratificante aver finalmente convinto anche gli addetti ai lavori della bontà del nostro progetto. Per molti anni abbiamo sentito dire che la power unit era l’arma che ci consentiva di sopravanzare la concorrenza, ma ritengo che sia stato davvero così solo all’inizio dell’era ibrida. Abbiamo lavorato sempre al massimo per portare in pista una buona monoposto, e oggi sono contento che questo lavoro venga finalmente riconosciuto. È una soddisfazione in più per chi lavora in quell’area”.

Cosa ne pensi dell’incontro che è stato fatto nel paddock austriaco per proporre il cambiamento degli pneumatici attualmente in uso?
“Avreste dovuto sentito le discussioni fatte in quel meeting. Ho sentito dire che i pneumatici attuali sono pericolosi! E perché sono pericolosi? Perché Gasly non riesce a scaldarli… La Pirelli e la FIA hanno confermato che non c'è niente di sbagliato nelle gomme che stiamo utilizzando, e che soprattutto non sono pericolose. Sono pneumatici più robusti rispetto a quelli che abbiamo utilizzato nel 2018, quindi non credo che avrebbe avuto senso montare le gomme dello scorso anno sulle monoposto attuali senza poter fare dei test! Sarebbe stato un rischio, ma c’era chi avrebbe preferito prendersi questo azzardo piuttosto che confermare la situazione attuale. Questo non è modo di pensare considerando che la Formula 1 è l'apice delle corse automobilistiche. Vogliamo tutti il ​​miglior spettacolo possibile, ma se vogliamo cambiare puntiamo almeno su qualcosa di migliorativo, non su scelte che rischiano di peggiorare la situazione”.

Non credi che un dominio come il vostro sia il vero rischio per la Formula 1?
“No. Ovviamente il mio cuore è al 100% con Mercedes, e il mio obiettivo è quello di ottimizzare le nostre prestazioni in pista, senza eccezioni. Ma dentro di me c’è anche l’appassionato di motorsport, che chiede corse entusiasmanti e spera di assistere a campionati con il risultato in bilico fino all’ultima curva dell’ultima gara. Dobbiamo esaminare tutti gli aspetti, e capire come possiamo migliorare le normative sportive e tecniche al fine di arrivare a Gran Premi più combattuti. È un cambiamento che va studiato a valutato nel lungo periodo, perché ogni squadra si concentrerà sui suoi vantaggi a breve termine, succede sempre così. Fondamentalmente la F1 si basa su una meritocrazia assoluta: il miglior pilota al volante della migliore macchina vince. Se si cambia questo concetto allora si sta cambiando il DNA della Formula 1. Quindi, quello che sto dicendo è: diamo un'occhiata ai regolamenti che entreranno in vigore nel 2021 e cerchiamo di migliorare ciò che oggi non sta funzionando bene, lasciando com’è ciò che è buono e senza intaccare i valori di base di questo sport”.

Credi che ci possano anticipare dei cambiamenti per la stagione 2020?
“Se ci sono degli aspetti che si possono migliorare in modo professionale, e con un risultato che non comporti dei rischi, allora vanno valutati”.

Ciclicamente si torna a parlare delle customer-car. Come la vedi a questo proposito?
“Capisco che alcuni dei team indipendenti difendano il concetto di una Formula 1 intesa come campionato costruttori, e che eventuali monoposto clienti possano cambiare l’equilibrio tecnico attuale. Credo sia positivo vedere nuove strutture arrivare in Formula 1, come è stato il caso della Haas, è una decisione che abbiamo preso anni fa sapendo che avrebbe comportato molti vantaggi. Ci sono benefici commerciali da una parte, e tecnici da un’altra. Capisco che a qualcuno non piaccia l’idea di una customer-car pura, perché rappresenta una potenziale minaccia per chi realizza una propria monoposto, ma dall'altra parte c’è chi ne trae dei benefici. Ho imparato che ponendo all’attenzione un progetto, ci possono essere due opinioni differenti che dai rispettivi punti di vista sono coerenti al 100%”.

Quando è trapelata la voce di una tua possibile candidatura ai vertici della Liberty sono emersi malumori in diversi team. Come rispondi?
“Davvero si sono lamentati? Ma chi ha fatto il mio nome? Forse qualcuno ha creato questa storia per scatenare un po' di polemica…è interessante perché nulla di ciò che è stato detto è vero. Non mi sono mai candidato a quel ruolo, e oggi sono in un contesto che mi soddisfa molto qui in Mercedes. Mi piace il mio ruolo, rappresento uno dei migliori brand del mondo, mi è concessa l'autonomia per dirigere la squadra nel massimo interesse possibile per il gruppo Mercedes, e le relazioni sono ottime. Intendo le relazioni all'interno della squadra, il rapporto con i miei amici della Daimler, e tutto questo è stato rafforzato anno dopo anno. E poi…mi piace la competizione, e qui c’è competizione. Tutto ciò che leggete, in merito alla domanda che mi hai fatto, non viene da me e non riflette la situazione reale”.

Tra le indiscrezioni che girano nel paddock ad un certo punto è trapelata la voce di un possibile stop del programma Mercedes in Formula 1 al termine del 2020.
“Credo che tutto sia nato perché qualcuno ha letto su dei media che il gruppo Daimler sta investendo molto su un programma di tecnologie alternative, con nuove efficienze che tra l’altro ritengo corrette. Il mondo delle vetture stradali sta virando verso l’elettrico, e quindi la conseguenza è che la Formula 1 potrebbe precipitare. La verità è che Formula 1 è la vetrina commerciale più grande per la Mercedes-AMG, rappresenta la sua più grande piattaforma pubblicitaria che genera 3 miliardi di valore a livello globale, e questo non è solo il valore ricavato dal ritorno mediatico in cui si dice che Mercedes vince, ma da un livello superiore, ovvero da come Mercedes viene riconosciuta. Se confrontiamo la percezione odierna del marchio rispetto a 15 anni fa, vediamo che oggi Mercedes è un’auto sportiva, un’auto ad alte prestazioni, e penso che abbiamo contribuito a questa immagine. Ovviamente l’aspetto più importante è avere una gamma di ottime vetture stradali, ma penso che abbiamo dato un buon contributo, e riassumendo credo che la Formula 1 sia tenuta in grande considerazione all’interno del gruppo Daimler”.

Torniamo alla pista: che futuro avete pianificato per Esteban Ocon?
“Tutti riconoscono il talento di Esteban, e credo davvero che dovrebbe avere un posto fisso in Formula 1 perché è uno dei migliori talenti della sua generazione. Purtroppo lo scorso anno siamo stati vittime di una situazione di mercato molto particolare, e abbiamo bisogno di mettere le cose in chiaro per permettergli di perseguire la sua carriera in un modo che rispetti l'investimento e il supporto che Mercedes gli ha dato, ovviamente senza chiudere porte aperte da chi ha mostrato interesse nei suoi confronti”.

Intendi dire che siete disposti a svincolarlo dal contratto Mercedes?
“Se sarà in un’altra squadra verrà svincolato a prescindere, non sarà più un pilota Mercedes perché se guidi per un altro team sarai chiamato a dare il meglio per quel team”.

Che piani ci sono invece per Bottas?
“L'anno scorso Valtteri mi ha detto che non ha problemi con i rinnovi di un anno, anche se ovviamente non gli piacciono, alla fine in tutta la sua carriera ha sempre avuto dei rinnovi per una stagione. Penso che meriti un posto in Formula 1, sa che dipende da lui e dalle sue prestazioni e sa che ci piace molto. Nel primo quarto di stagione è andato molto forte, deve solo continuare a fare ciò che ha dimostrato di saper fare, e su questo punto siamo d’accordo entrambi”.

Russell ti ha impressionato? I media polacchi sostengono che abbia una power unit più prestazionale di quella di Kubica…
“Veramente? Anche io sono di origine polacca, perché non dovrei sostenere Kubica? Russell mi ha impressionato perché ritengo Robert ancora un buon pilota. George ha confermato ciò che gli abbiamo visto fare nelle formule minori, non credo che ci siano molti ragazzi che hanno vinto GP3 e Formula 2 in due stagioni consecutive e in entrambi i casi da esordiente in entrambe. Se Russell continuerà a crescere, migliorando come personalità e come pilota, ha la mentalità giusta per essere un pilota Mercedes, come Esteban, e credo che entrambi abbiano davanti a loro un bel futuro”.

Come pensate di potergli dare una macchina migliore?
“Williams ha solo bisogno di migliorare. Abbiamo un pilota di talento che merita di lottare per posizioni migliori, e anche Robert lo merita”.

Avete sempre un piano ‘B’ pronto nella gestione dei vostri piloti dopo lo shock dello stop di Rosberg a fine 2016?
“Sì. Avevamo anche un piano B anche allora, perché teoricamente non era da escludere che uno di loro (Nico o Lewis) avrebbe potuto fermarsi. Bisogna sempre avere dei piani alternativi…B e anche C, è necessario essere sempre pronti. Questo è un contesto precario, semplicemente per il fatto che un pilota potrebbe avere un problema fisico, è necessario avere sempre soluzioni alternative.

Avete fatto tesoro dell’esperienza vissuta con Nico?
“Quando vivi quelle esperienze ti rendi conto che tutto può accadere, in qualsiasi momento. E quando mi chiamò per dirmi che si sarebbe fermato…beh, era l'ultima cosa che avrei mai pensato potesse dirmi, ma lo ha detto”.

Scorrimento
Lista

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
1/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
2/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
3/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
4/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, alla parata dei piloti

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, alla parata dei piloti
5/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
6/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terza posizione, spruzza Champagne dal podio

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, terza posizione, spruzza Champagne dal podio
7/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG, durante la conferenza stampa dei Team Principal

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG, durante la conferenza stampa dei Team Principal
8/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
9/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
10/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
11/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
12/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG
13/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG

Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
14/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
15/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
16/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
17/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
18/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG, abbraccia Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG, abbraccia Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
19/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Jean Todt, Presidente FIA, con Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG, nel garage Mercede, per le Qualifiche

Jean Todt, Presidente FIA, con Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG, nel garage Mercede, per le Qualifiche
20/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Test Pirelli: per Giovinazzi 110 giri al Red Bull Ring con l'Alfa Romeo prima della pioggia

Articolo precedente

Test Pirelli: per Giovinazzi 110 giri al Red Bull Ring con l'Alfa Romeo prima della pioggia

Prossimo Articolo

Analisi Tecnica Ferrari SF90: com'è cambiata al GP d'Austria

Analisi Tecnica Ferrari SF90: com'è cambiata al GP d'Austria
Carica commenti