Vergne: "Mi fa ridere che la Toro Rosso abbia richiamato Hartley"

L'ex pilota di Formula 1 Jean-Eric Vergne è stato ironico riguardo all'ingaggio di Brendon Hartley da parte della Toro Rosso, in riferimento al fatto che il neozelandese in passato era stato escluso dai programmi giovani Red Bull.

Vergne: "Mi fa ridere che la Toro Rosso abbia richiamato Hartley"
Jean-Eric Vergne, Techeetah
Jean-Eric Vergne, Techeetah, festeggia sul podio con Lucas di Grassi, Audi Sport ABT Schaeffler
Jean-Eric Vergne, Techeetah, spruzza lo champagne sul podio
Lucas di Grassi, Audi Sport ABT Schaeffler, Alex Lynn, DS Virgin Racing, e Jean-Eric Vergne, Techeetah
Brendon Hartley, Toro Rosso, in the drivers parade
Ingegneri Toro Rosso al lavoro sulla monoposto di Brendon Hartley, Toro Rosso STR13 Honda, in griglia, mentre il pilota esce dalla vettura
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Jean-Eric Vergne, Techeetah, parla durante la conferenza stampa

Parlando ad una conferenza stampa organizzata in vista dell'ePrix di Parigi, Vergne ha commentato l'accordo raggiunto tra Hartley e la Toro Rosso, arrivato appunto ad otto anni dalla prima rottura tra le due parti.

"Mi fa ridere che la Toro Rosso abbia richiamato Hartley, dato che lui è quello che la Red Bull aveva licenziato per darmi il suo volante nella World Series Renault" ha detto Vergne.

"Trovo che questa situazione sia piuttosto divertente".

Vergne ha aggiunto che probabilmente anche un altro ex pilota Toro Rosso, oggi suo rivale in Formula E, come Sebastien Buemi, avrebbe avuto delle difficoltà: "Probabilmente verrebbe licenziato dopo un anno, senza opzioni nei top team, perché la macchina non è abbastanza buona".

Il pilota francese, che comanda la classifica della Formula E 2017/2018 per i colori della Techeetah, si è anche detto convinto che il suo ingresso nella serie "full electric" lo abbia anche fatto maturare.

"Il passaggio in Formula E è stato il momento più difficile della mia carriera, perché avevo lasciato la F.1" ha detto. "Ma con il senno di poi, penso che sia stato il punto di svolta della mia carriera".

"In qualsiasi situazione difficile o negativa, ci sono elementi positivi su cui lavorare. Si tratta solo di provare a tirarli fuori".

"Penso di essere stato fortunato ad arrivare in Formula E al momento giusto e a cambiare rapidamente la mia mentalità. Oggi penso che sia la cosa migliore che potesse capitarmi".

Vergne fa le cose diversamente dopo la F.1

Vergne ha anche discusso di recente della sua carriera a "The Flying Lap" di Motorsport.tv.

Il 27enne ha spiegato come sia cambiato il suo approccio dopo la sua uscita dalla F.1 ed ha riflettuto anche sulla sua parentesi nel Circus.

"Guardando indietro, avrei potuto gestire le cose in modo diverso" ha detto. "Ho passato 12 mesi difficili, cercando di capire come avrei potuto cambiarle".

"E alla fine ho cambiato molte cose nel modo in cui mi approccio a questo sport. Il lato positivo è che credo di aver imparato molto da quello che mi è successo, quindi penso che in Formula E non mi troverò mai in una situazione dolorosa come in F.1".

"Fuori dalla macchina ora vedo tutto con un occhio diverso ed in maniera più globale. Sono arrivato in Formula 1 forte e fiducioso, ma alcune persone mi hanno completamente distrutto".

"Ho concluso ottavo la mia prima gara (nel 2014) e la squadra mi ha fatto tante feste quando sono tornato ai box. Io però gli ho detto: 'Ehi, era solo un ottavo posto, non è quello che voglio'".

"Se tornassi indietro, è sicuramente qualcosa che cambierei, sarei felice dell'ottavo posto. Credo che questo sia stato uno dei punti di forza di Ricciardo: è sempre stato felice, indipendentemente da quello che gli è successo".

condivisioni
commenti
Mercedes: la "scaldata" al motore di Hamilton non ha fatto danni

Articolo precedente

Mercedes: la "scaldata" al motore di Hamilton non ha fatto danni

Prossimo Articolo

L'Alfa non è solo un adesivo, con Sauber ci sarà uno scambio tecnico

L'Alfa non è solo un adesivo, con Sauber ci sarà uno scambio tecnico
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021