Shanghai, Libere 3: con il freddo dominano le Ferrari

condivisioni
commenti
Shanghai, Libere 3: con il freddo dominano le Ferrari
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
14 apr 2018, 04:29

Vettel è il più veloce nel terzo turno di prove libere del GP della Cina davanti a Raikkonen con le Mercedes staccate: Bottas è a sette decimi e Hamilton a un secondo. Ricciardo rompe il turbo, mentre Verstappen è quarto con la Red Bull

Due Ferrari davanti a tutti nella terza sessione di prove libere del GP della Cina: Sebastian Vettel è stato il più veloce con la gomma Ultrasoft in 1'33"018 su una pista che a inizio turno era umida sull'asfalto e bagnata sui cordoli e sull'erba sintetica dopo la forte pioggia nella notte. A Shanghai c'è una Rossa molto "calda" su un tracciato particolarmente freddo (12 gradi di aria e 15 gradi di pista) anche per un vento molto fastidioso e variabile che ha condizionato i piloti.

Alle spalle del leader del mondiale, che ha messo insieme un giro quasi perfetto, c'è Kimi Raikkonen autore di 1'33"469, staccato di oltre quattro decimi dal compagno tedesco che conferma la buona forma della SF71H, visto che Valtteri Bottas con la migliore Mercedes è terzo con sette decimi da recuperare dalle Rosse.

In grande crisi è parso Lewis Hamilton perché l'inglese accusa un secondo da Vettel con una W09 nervosa come non mai: l'inglese è stato protagonista di molti errori e un doppio testacoda nel quale ha spiattellato le gomme anteriore.

La freccia d'argento non riesce a sfruttare le gomme Ultrasoft con le basse temperature cinesi e così è Max Verstappen che si prende la quarta piazza con la Red Bull: l'olandese con 1'33"969 è comunque a oltre nove decimi dalla Ferrari che sembra in grado di fare una grande differenza su tutti, mostrando anche delle velocità massime nettamente superiori alla concorrenza.

Brutta mattinata per Daniel Ricciardo che ha completato solo quattro giri prima che la sua Red Bull sia stata costretta a essere parcheggiata alla Curva 15 in una nuvola di fumo per il cedimento del turbo sulla power unit Renault: la squadra di Milton Kaynes è riuscita ad andare a recuperare la RB14 dell'australiano mentre a tutti gli altri piloti era stata imposta la Virtual Safety Car dalla direzione di gara per sostituire il motore danneggiato. Evidentemente non ha giovato il fatto che la Renault abbia concesso ai suoi team forniti l'opportunità di sfruttare qualche cavallo in più con un'elettronica più spinta.

Ricciardo, fra l'altro, aveva iniziato la sessione in ritardo per i dubbi sul cambio che erano stati fugati dopo i controlli: inizio di stagione particolarmente difficile per Daniel che è bersagliato dai problemi, visto che in Bahrain si è fermato quasi subito in gara per un black out della power unit per un problema alla batteria causato dalla MGU-K.

La rivelazione della sessione è stato Kevin Magnussen con la Haas: il danese si è portato al sesto posto con 1'34"329 ottenuto con le gomme a mescola Soft, dimostrando che potrebbe essre possibile uscire dalla Q2 con gli pneumatici gialli. Se le cose sono andate bene a Magnussen non si può dire altrettanto per Romain Grosjean che è ultimo con appena sei giri percorsi per il disco freno posteriore destro che è andato a fuoco, costringendo poi il francese a una luna riparazione nei box.

E così sono spuntate le Force India di Sergio Perez e Esteban Ocon, settima e ottava, risalire le posizioni che contano con una VJM11 che fa fatica a vedere in pista i dati che gli arodinamici avevano constatato  al CFD e in galleria del vento.

Nona piazza per Carlos Sainz con la Renault, davanti a Sergey Sirotkin che ha saputo tirare fuori dalle secche delle ultime posizioni la Williams: il russo è entrato nella top ten, mentre Lance Stroll è rimasto n 17esima piazza.

Meno brillante del previsto Nico Hulkenberg con la seconda Renault e non hanno impressionato nemmeno le McLaren con Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne  che hanno viaggiato di conserva al 112esimo e 13esimo posto. Il belga ha anche accusato dei problemi alla telemetria che lo hanno costretto a una sosta ai box imprevista.

Male la Toro Rosso con Brendon Hartley 14esimo davanti all'eroe del Baharain solo 16esimo: fra le due STR13 c'è Daniel Ricciardo. Per Charles Leclercs 18esimo con la Sauber C37 c'è solo la magra soddsfazione di aver messo dietro Marcus Ericsson...

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 14 1'33.018     210.965
2 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 21 1'33.469 0.451 0.451 209.947
3 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 16 1'33.761 0.743 0.292 209.293
4 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 14 1'33.969 0.951 0.208 208.830
5 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 14 1'34.057 1.039 0.088 208.635
6 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 25 1'34.329 1.311 0.272 208.033
7 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 14 1'34.445 1.427 0.116 207.778
8 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 16 1'34.456 1.438 0.011 207.753
9 55 spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 20 1'34.582 1.564 0.126 207.477
10 35 russia Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 13 1'34.741 1.723 0.159 207.128
11 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 16 1'34.841 1.823 0.100 206.910
12 14 spain Fernando Alonso  McLaren Renault 13 1'34.851 1.833 0.010 206.888
13 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 16 1'34.977 1.959 0.126 206.614
14 28 new_zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 20 1'34.991 1.973 0.014 206.583
15 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 4 1'35.061 2.043 0.070 206.431
16 10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 16 1'35.079 2.061 0.018 206.392
17 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 16 1'35.375 2.357 0.296 205.752
18 16 monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 14 1'35.497 2.479 0.122 205.489
19 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 13 1'35.679 2.661 0.182 205.098
20 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 6 1'35.756 2.738 0.077 204.933

 

Prossimo Articolo
Carica commenti