Leclerc: "Mangiamo le gomme e non sappiamo perché"

Dopo aver ottenuto la pole a Monaco e Baku, Charles Leclerc è stato autore di una gara incolore conclusa in quindicesima posizione a causa di un degrado eccessivo delle coperture di difficile spiegazione.

Leclerc: "Mangiamo le gomme e non sappiamo perché"

Che il tracciato del Paul Ricard avrebbe rappresentato una sfida complicata per la Ferrari era cosa nota, ma andare via dalla Francia senza nemmeno un punto è un risultato che nemmeno il più pessimista si sarebbe mai immaginato.

Carlos Sainz e Charles Leclerc hanno disputato un gran premio di sofferenza, ed hanno concluso l’appuntamento del Le Castellet rispettivamente in undicesima e quindicesima posizione.

Soprattutto il monegasco oggi è apparso irriconoscibile. Già ad inizio weekend Charles non era mai stato allo stesso livello di performance del compagno di team, ma la fatica vista oggi in gara ha fatto tornare alla memoria i fantasmi del 2020.

Charles ha subito accusato un elevato degrado delle Pirelli medie, ed è stato il primo pilota ad aprire il walzer dei pit stop passando subito alla gomme hard. Anche con le mescole più dure, però, Leclerc non è riuscito ad essere incisivo ed il team ha così cercato di mettere una pezza diversificando la strategia con Sainz chiamando Charles al pit per una seconda sosta.

Nonostante le gomme medie usate, la situazione non è cambiata e Leclerc ha completato la gara fuori dalla zona punti subendo anche l’onta del doppiaggio.

“Oggi è stata una gara molto difficile. Adesso tocca a noi analizzare  capire perché abbiamo faticato così tanto. Sia Carlos che io abbiamo fatto moltissima fatica”.

Leclerc ha spiegato come il problema maggiore, oggi, sia stato l’elevato consumo gomme. Se ieri, in qualifica, era stato il sottosterzo a frenare il monegasco, in gara si sono rivisti quei problemi di usura eccessiva già manifestati in occasione della tre giorni di test in Bahrain.

“Abbiamo provato una strategia differente montando le medie cercando così di fare qualcosa di diverso, ma anche lavorando sui manettini e cambiando le impostazioni non sono riuscito a risolvere i problemi. Abbiamo consumato le gomme troppo velocemente”.

Riusciranno i tecnici della Scuderia a far tornare a brillare la SF21 come nelle ultime due uscite di Monaco e Baku? Leclerc si è mostrato pessimista a riguardo.

“Nel breve periodo questo problema di consumo gomme non credo sarà risolvibile. E’ un nostro handicap che si è amplificato al Paul Ricard, ma abbiamo fatto davvero tanta fatica”.

Charles spera che a Maranello riescano a comprendere il perché di questo consumo eccessivo. Trovare la chiave per risolvere questo deficit sarà fondamentale anche in ottica 2022.

“Servirà del tempo, ma dobbiamo capire cosa ci sta rallentando per partire bene la prossima stagione”.

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
1/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
2/14

Foto di: Drew Gibson/LAT

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
3/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
4/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
5/14

Foto di: Drew Gibson/LAT

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
6/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
7/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C41, Charles Leclerc, Ferrari SF21
Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C41, Charles Leclerc, Ferrari SF21
8/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
9/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
10/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
11/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
12/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
13/14

Foto di: Drew Gibson/LAT

Charles Leclerc, Ferrari SF21
Charles Leclerc, Ferrari SF21
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Sainz: "Stracciati da chi ieri ha preso mezzo secondo da noi!"
Articolo precedente

Sainz: "Stracciati da chi ieri ha preso mezzo secondo da noi!"

Prossimo Articolo

Perez: "Allungare il primo stint ha permesso il podio"

Perez: "Allungare il primo stint ha permesso il podio"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021