Leclerc: "Ci abbiamo provato, ma il graining mi ha beffato"

Leclerc e la Ferrari hanno provato un azzardo nel finale che non ha pagato. Il comportamento anomalo delle intermedie ha tratto in inganno il monegasco che nei giri conclusivi ha perso il terzo gradino del podio.

Leclerc: "Ci abbiamo provato, ma il graining mi ha beffato"

Un azzardo che non ha funzionato. Charles Leclerc ha accarezzato la possibilità di concludere il Gran Premio di Turchia sul primo gradino del podio, ma la strategia studiata in corso d’opera con il muretto box non ha pagato.

Leclerc ha disputato quasi tutta la gara in terza posizione, avendo sempre nel mirino la Red Bull di Max Verstappen, ma quando si è trattato di scegliere se entrare ai box a 20 giri dalla fine, ed accontentarsi così della terza piazza, o rischiare l’azzardo e provare il tutto per tutto, il monegasco si è lasciato ingolosire dalla seconda opzione.

Leclerc è rimasto in pista con gomme intermedie ormai usurate mentre Bottas, Verstappen e Perez avevano già effettuato il pit per montare Pirelli verdi nuove. Charles si è così trovato momentaneamente in prima posizione, ma le performance offerte dalle nuove coperture hanno consentito al finlandese della Mercedes di avere vita facile e sopravanzarlo senza particolari problemi.

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Photo by: Jerry Andre / Motorsport Images

Evaporata l’illusione della vittoria, Leclerc è entrato ai box al giro 47 per poi tornare in pista davanti a Perez ma le intermedie nuove non hanno offerto subito un livello di aderenza ottimale e Charles ha visto così svanire anche il terzo gradino del podio.

A fine gara il monegasco è apparso deluso per un risultato che comunque non cancella una prestazione importante. Leclerc, infatti, è riuscito a ben figurare nonostante un assetto scarico che mal si sposava con le condizioni di aderenza precaria offerte dal tracciato.

Charles ha spiegato perché abbia deciso di ritardare il pit. La volontà, sia del pilota che del team, era quella di arrivare a fine gara senza soste, ma il comportamento anomalo offerto dalle intermedie ha reso tutto complicato.

“Ci abbiamo provato fino alla fine. Queste intermedie hanno lavorato in modo molto strano perché quando la maggior parte dei piloti hanno effettuato la sosta noi siamo riusciti a girare più forte per i primi 7 – 8 giri dopo la sosta”.

“Abbiamo pensato che forse non sarebbe stato necessario fermarci, ma dopo questo lasso di tempo, eliminato il graining, le intermedie nuove garantivano prestazioni superiori. Ci siamo fermati perché perdevamo troppo tempo, ma ormai era troppo tardi perché poi ho accusato del graining sulle gomme nuove”.

Leggi anche:

Subito dopo la sosta ci si attendeva un Leclerc in grado di difendersi senza problemi da Perez, ma il graining al posteriore ha messo in crisi il monegasco.

“Quando sono uscito dal box ho sentito che avevo poco grip al posteriore. Quando ho avuto graining anche all’anteriore la situazione si è equilibrata, ma ormai avevo più di 5 secondi di ritardo da Perez”.

Nonostante la delusione per un podio sfumato nel finale, Leclerc ha comunque parlato di una Ferrari competitiva sull’asfalto dell’Istanbul Park.

“Sicuramente è stata una vettura molto competitiva nel primo stint, mentre nel secondo non posso dare un giudizio perché le gomme non erano nella condizione ideale. È stato un weekend positivo in generale, ma il finale di gara mi ha lasciato deluso”.

condivisioni
commenti
Sainz: "Non ci possiamo lamentare oggi, anche se il pit stop..."

Articolo precedente

Sainz: "Non ci possiamo lamentare oggi, anche se il pit stop..."

Prossimo Articolo

Binotto: “Abbiamo azzardato per provare a vincere”

Binotto: “Abbiamo azzardato per provare a vincere”
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021