Binotto: “Abbiamo azzardato per provare a vincere”

Ferrari abbandona la Turchia con un quarto e un ottavo posto di Leclerc e Sainz. Due risultati che celano la grande prestazione della Rossa di Maranello – e l’efficienza della nuova power unit - in un weekend in cui da sorpresa si è rivelata conferma...

Binotto: “Abbiamo azzardato per provare a vincere”

Un fine settimana dall’esito un po’ amaro. Partita con la possibilità di mettere i piedi sul podio, la Ferrari ha tentato l’azzardo nel momento in cui la SF21 numero 16 di Charles Leclerc si è trovata in testa al Gran Premio. Un rischio, quello di non rientrare per il cambio gomme, che non ha premiato.  

Eppure, la sensazione che la Rossa potesse portare a casa un buon risultato era pesantemente presente. Prima con le prove libere, poi con la qualifica e il "regalo" della penalità di Hamilton che ha permesso al monegasco del Cavallino di partire dalla terza casella. Un via pulitissimo per lui, lontano dai pericoli, e un buon passo gara. Fino a quando non inizia il valzer dei pit stop e tutti entrano, tranne Leclerc e il campione in carica che decidono di azzardare e stare in pista.

"Sicuramente abbiamo creduto alla vittoria e al podio. C'è amarezza. Ci credevamo - ha commentato il team principal di Maranello Mattia Binotto - ci abbiamo provato ed è stato coraggioso da parte nostra, perché eravamo comodamente terzi ma abbiamo rischiato potendo pagarla chiudendo quarti e così è andata. In realtà siamo tornati in pista terzi, poi però Perez ci ha superati". 

Carlos Sainz Jr, Ferrari SF21, Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21

Carlos Sainz Jr, Ferrari SF21, Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Nonostante tutto, però, la domenica di Istanbul non è da buttare via. Sainz, partito dal fondo della griglia, è stato autore di un’incredibile rimonta e, sorpasso dopo sorpasso, è riuscito a chiudere in una dignitosa ottava piazza. Sin dal primo giro, lo spagnolo risale la china con grinta e precisione, a differenza dell'antagonista McLaren che, con Daniel Ricciardo è rimasta bloccata nelle retrovie. Questa nuova PU Ferrari, funziona. 

"Sono contento della gara di Carlos e della sua rimonta. Ha mostrato che il passo c'era. Peccato per il pit stop, altrimenti avrebbe potuto chiudere davanti. Bene la power unit, ora ci sta aiutando sul giro secco e in gara. Ora possiamo fare i sorpassi. Da qui a fine stagione entrambi i piloti potranno usufruire di quella power unit. Speriamo di non dovere più scontare penalità". 

Come altri piloti, anche Charles Leclerc ha sofferto dell’usura delle gomme, fattore che ha influito sul suo non riuscire all’andare oltre al quarto posto finale. Ecco come Binotto ha spiegato la situazione: "Abbiamo avuto graining sul posteriore per entrambi, soprattutto per Charles. Lui ha dovuto spingere subito perché aveva Perez dietro e ha dovuto spingere. È arrivato il graining e poi ha dovuto ripulirlo e ha perso prestazione in quel frangente. È successa la stessa cosa anche a Hamilton. Quando è tornato in pista non ha potuto salvaguardare le gomme, gestire le temperature". 

È evidente, quanto la nuova power unit abbia avuto un ruolo importante nella tappa turca. Un segnale importante in ottica Costruttori, con il terzo posto che potrebbe non essere un miraggio, ma un dato di fatto. 

Leggi anche:

"La macchina ora ci permette di fare buone rimonte e sorpassi. Ci manca un quarto di bicchiere, ma ci stiamo lavorando. Ci lavoriamo un passo alla volta. Non abbiamo la bacchetta magica, ma stiamo lavorando su ogni aspetto. Usciamo da questa gara soddisfatti, questo è il mio pensiero". 

Ora, l'obiettivo è tirare fuori gli artigli nella battaglia oltreoceano. Che, vista l'imprevedibilità che sta regalando questo campionato sino ad oggi, si prospetta tutt'altro che scontato.

condivisioni
commenti
Leclerc: "Ci abbiamo provato, ma il graining mi ha beffato"
Articolo precedente

Leclerc: "Ci abbiamo provato, ma il graining mi ha beffato"

Prossimo Articolo

Podcast, Chinchero: "Ferrari protagonista. Brava a provarci"

Podcast, Chinchero: "Ferrari protagonista. Brava a provarci"
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021