Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
54 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
58 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
97 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
107 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
114 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
128 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
142 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
170 giorni
02 set
Prossimo evento tra
177 giorni
09 set
Prossimo evento tra
184 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
198 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
205 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
226 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
269 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
278 giorni

I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Dopo il ritiro patito nel primo giro, Senna ha osservato la gara da bordo pista. In quel momento ha capito che secondo lui sulla Benetton si adottava un dispositivo irregolare.

I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Senna aveva conquistato la pole position, la numero 64 della sua carriera, grazie al suo tempo nelle qualifiche di venerdì. Questa è stata una fortuna per due motivi: sabato la pista era molto più lenta e si è girato alla curva Revolver, ottenendo solamente il 24° tempo in quella sessione.

Anche il compagno di squadra Damon Hill era finito in testacoda alla stessa curva ed il suo tempo più veloce nella sua prima manche era stato molto lontano da quello che aveva fatto venerdì.

Senna disse in quel momento: "Nel corso del primo run la macchina andava bene, il motore, tutto funzionava bene, era un giro ragionevole, l'aderenza era buona, ma non so davvero cosa sia successo. E' strano che sia successo lo stesso ad entrambi, e davvero non capisco perché”.

"Ho avuto una buona direzionalità in curva, quindi non dovrebbe essere stato affatto un problema. E' stato deludente e frustrante, ma è stato meglio che accadesse oggi e non domani”.

Schumacher, nel frattempo, era deluso di non aver potuto lottare per la pole, ma era entusiasta delle sue possibilità di gara.

"Ho aspettato fino alla fine nella speranza che la pista fosse più veloce e quando finalmente sono uscito la pista era ricoperta d'olio".

"Un vero peccato, perché avevamo migliorato ulteriormente l'assetto. Ma almeno parto dalla prima fila della griglia - il distacco da Senna è minore rispetto al Brasile - e non vedo l'ora che arrivi domani perché stamattina abbiamo trovato un buon set-up per la gara”.

Schumacher è stato protagonista di una partenza sorprendente dalla prima fila, alimentando così i sospetti sulle irregolarità della Benetton, e si è trovato subito davanti ad un Senna autore di una partenza imperfetta. Giunti in curva 1 Senna ha scelto di non sfidare Schumacher, ma probabilmente avrebbe dovuto osare qualcosa di più visto che la McLaren di Hakkinen lo ha colpito da dietro in mezzo alla curva spedendolo in testacoda.

Dopo essere finito nella ghiaia, la gara di Senna è stata completata da Nicola Larini, sostituito dell'infortunato Jean Alesi alla Ferrari, che lo ha raggiunto nella ghiaia e andando a colpire la sua Williams mentre scivolava all'indietro. L'impatto ha rotto la sospensione anteriore destra della vettura di Senna.

Senna ha raccontato: "È stato un inizio normale, ma non brillante. Ho avuto troppo pattinamento  così Michael ha preso il comando. Alla prima curva eravamo vicini ed era possibile tentare una manovra di sorpasso, ma sarebbe stato molto rischioso, così ho deciso di rimanere secondo e di essere sicuro”.

"Poi, quando ero in curva, Mika è arrivato da dietro, mi ha colpito e mi ha spedito fuori. Successivamente altre auto hanno fatto un testacoda e poi Larini è arrivato e mi ha colpito. In quel momento mi sono dovuto ritirare".

Dell'incidente con Senna, il suo ex compagno di squadra della McLaren (dalla fine del '92) Hakkinen ha detto: "È un peccato che abbia toccato Ayrton, ma ha frenato tardi, come ha fatto Michael davanti a lui. Non ho potuto evitarlo".

Purtroppo per Senna non c’è stata nessuna bandiera rossa che gli avrebbe consentito di ripartire, dato che i commissari hanno rapidamente ripulito la pista.

Senna non è tornato subito ai box ma ha incontrato il team manager della Williams Ian Harrison. Ayrton ha scelto di guardare la gara a bordo pista per qualche minuto. A seguito di questo, Harrison ha poi detto che Senna era "assolutamente sicuro" che ci fosse qualcosa di disdicevole che la Benetton stava facendo.

In quel periodo la Benetton era stata esonerata dalla FIA a seguito di un'indagine sul suo potenziale utilizzo del controllo di trazione in quella stagione, in quanto non si era potuto dimostrare che la squadra aveva utilizzato un tale sistema nei weekend di gara.

Tuttavia era stato scoperto un sistema di launch control era nascosto nel suo software, ma il team aveva sostenuto con successo che non era possibile accedervi al di fuori dei test.

Al termine del primo giro, Schumacher poteva vantare un margine di 2,6’’ su Hakkinen ed ha poi vinto la gara con un vantaggio di ben 1’15’’ sulla Ferrari di Gerhard Berger della Ferrari e sulla Jordan di Rubens Barrichello, mentre Hakkinen ha abbandonato al 19° giro con un problema al cambio idraulico.

Schumacher è stato raggiante dopo aver ottenuto la sua seconda vittoria della stagione e dopo aver trionfato sul terreno di casa di Senna in Brasile.

"Penso che siamo stati un po' sfortunati a non ottenere la pole position, ma sapevo che il nostro assetto di gara era buono", ha detto Schumacher. "Ovviamente, la partenza sarebbe stata fondamentale. Avevo fatto tutto il possibile per rendere la pista il più pulita possibile, anche se partivo dal lato sporco della griglia”.

"Avevo provato qualche partenza e quel lavoro ha dato i suoi frutti. Sono riuscito a frenare Senna alla prima curva e poi ho guardato negli specchietti e ho visto che era fuori strada. Ero preoccupato che fermassero la gara e devo ammettere che mi sono sentito sollevato quando non ho visto bandiere rosse alla fine del primo giro”.

"Da quel momento in poi, sapevo che avevamo un'ottima possibilità di vincere, non solo perché il nostro principale concorrente era stato eliminato, ma perché la Benetton-Ford è davvero, davvero buona".

La gara successiva sarebbe stata Imola…

Ayrton Senna, Williams FW16

Ayrton Senna, Williams FW16
1/5

Foto di: Sutton Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, il secondo classificato Gerhard Berger, il terzo

Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, il secondo classificato Gerhard Berger, il terzo
2/5

Foto di: LAT Images

Rubens Barrichello, Jordan 194-Hart

Rubens Barrichello, Jordan 194-Hart
3/5

Foto di: LAT Images

Ayrton Senna, Williams FW16 Renault

Ayrton Senna, Williams FW16 Renault
4/5

Foto di: LAT Images

Race winner Michael Schumacher, Benetton

Race winner Michael Schumacher, Benetton
5/5

Foto di: LAT Images

condivisioni
commenti
Soluzioni vietate come il DAS: F-Duct McLaren del 2010

Articolo precedente

Soluzioni vietate come il DAS: F-Duct McLaren del 2010

Prossimo Articolo

Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1

Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Pacifico
Sotto-evento Domenica, la gara
Piloti Michael Schumacher , Ayrton Senna
Team Williams
Autore Charles Bradley
F1 Stories: Da Toleman ad Alpine, un viaggio con base ad Enstone Prime

F1 Stories: Da Toleman ad Alpine, un viaggio con base ad Enstone

Toleman, Benetton, Renault, Lotus, ancora Renault e Alpine. Cinque squadre legate da un solo nome: Enstone. Andiamo a rivivere la loro storia

Formula 1
7 mar 2021
Williams FW43B: come uscire dalla sindrome di essere ultima Prime

Williams FW43B: come uscire dalla sindrome di essere ultima

La Williams è pronta ad affrontare il nuovo mondiale 2021. Lo dimostra, presentando la FW43B, la monoposto che rappresenta la speranza della rinascita del team fondato da Sir Frank Williams...

Formula 1
6 mar 2021
Ocon è pronto ad affrontare il duello interno con Alonso? Prime

Ocon è pronto ad affrontare il duello interno con Alonso?

Il pilota francese ha vissuto un 2020 dai due volti ed è riuscito a crescere nel finale di stagione. Esteban dovrà mantenere questo slancio se vorrà tenere a bada un agitatore di uomini come Fernando Alonso.

Formula 1
6 mar 2021
Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea Prime

Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea

La presentazione più attesa della Formula 1 era sicuramente quella della Aston Martin e i cambiamenti dicono che c'è molto di più di una fantastica livrea, perché l'idea è quella di creare solide fondamenta, più che ripartire da un team già avviato.

Formula 1
5 mar 2021
Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021 Prime

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021

La Haas affronterà il 2021 senza portare alcun aggiornamento aerodinamico sulla sua monoposto. Il team ha deciso di puntare tutto sul 2022, preservando le risorse economiche. Sarà la scelta giusta?

Formula 1
5 mar 2021
Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande? Prime

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande?

L'Aston Martin AMR21 è la monoposto che segna il rientro del costruttore inglese in Formula 1. I punti di contatto con Mercedes W11 e W12 sono evidenti, a prima vista, ma andando nello specifico vediamo come certe soluzioni abbiano preso direzione propria. Sarà la monoposto che permetterà a Sebastian Vettel di potersi rilanciare dopo ultime stagioni opache in Ferrari?

Formula 1
4 mar 2021
Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso? Prime

Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso?

L'Alpine A521 succede alla Renault R.S.20, andando a riprenderne molti dei punti di forza senza tuttavia evolverli. Andiamo a conoscere più da vicino il team di Enstone che riporta in F1 Fernando Alonso e che, in questa stagione, sarà diretto da Davide Brivio

Formula 1
4 mar 2021
F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica Prime

F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica

Il 3 marzo del 1992 ci lasciava Lella Lombardi, l'unica donna a conquistare punti nella storia della Formula1. Riviviamo la sua storia, la sua impresa, e il suo più grande amore: le corse.

Formula 1
3 mar 2021