Gomme Pirelli 2017: 24 giorni di test da agosto per Ferrari, Red Bull e Mercedes

La Mercedes farà girare nei test di Slverstone Wehrlein con una freccia d'argento 2014 per fare sviluppi su mescole e costruzioni, ma le gomme larghe si vedranno in pista solo a partire dal mese prossimo

Nei test di Silverstone la Mercedes porterà una seconda freccia d'argento che sarà guidata da Pascal Wehrlein: mentre Esteban Ocon si occuperà dello sviluppo della W07 Hybrid, il pilota tedesco che è in prestito alla Manor, sarà chiamato a guidare la monoposto campione del mondo 2014, vale a dire la W05 Hybrid, mettendosi a disposizioni dei tecnici della Pirelli per portare avanti la sperimentazione delle gomme per il 2017.

Il team di Brackley insieme a Ferrari e Red Bull è quello che ha accettato di farsi carico dello sviluppo degli pneumatici larghi che saranno introdotti l'anno prossimo. Wehrlein, quindi, girerà con coperture prototipali per la verifica del modello che è stato studiato in simulazione, perché fisicamente il primo "vero" treno di gomme larghe da utilizzare in pista non è ancora esistente.

I tre top team, infatti, a partire dal mese di agosto (la prima a scendere in pista dovrebbe essere la Red Bull Racing con una RB10 del 2015) avranno ciascuno a disposizione otto giorni di test che saranno svolti in esclusiva per la Pirelli. La Casa milanese aveva ottenuto 25 giorni dalla FIA, ma per equità fra i team ha deciso di ripartire in parti uguali l'attività. Nella lista figurano anche le gomme da bagnato che potranno essere testate ak Paul Ricard a Fiorano o ad Abu Dhabi.

Per l'occasione le monoposto verranno adeguate alle esigenze di poter montare le Pirelli larghe (devono essere riviste le sospensioni) e adotteranno soluzioni aerodinamiche anche vietate dal regolamanto FIA (come le minigonne) per simulare un aumento del carico aerodinamico che è valutato nel 20%, dal momento che non potranno deliberare una vettura ibrida che si ispiri alle nuove regole, onde non concedere dei vantaggi ad una squadra nell'ambito della ricerca aerodinamica.

I tecnici diretti da Paul Hembery hanno già elaborato un modello matematico delle gomme 2017 che hanno girato alle squadre, mentre i team hanno condiviso i loro "numeri" sulle monoposto virtuali del prossimo anno. Per la prima volta, quindi, si sta verificando uno scambio diretto di dati che dovrebbe facilitare il campito della Pirelli nella definizione di gomme adeguate a monoposto che dovranno essere circa 3" più veloci della attuali Formula 1.

Tutte i risultati dei test saranno condivisi con tutte le equipe del Circus, in modo tale che la soglia di conoscenza possa essere uguale per tutti.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP d'Austria
Sub-evento Giovedì
Circuito Red Bull Ring
Piloti Pascal Wehrlein
Team Mercedes
Articolo di tipo Ultime notizie