Ferrari: a Imola si consolidano i progressi della SF1000

Rispetto al quarto posto in Portogallo, il quinto di Leclerc a Imola potrebbe sembrare un passo indietro, ma la Scuderia su una pista meno adatta alle sue caratteristiche come l'Enzo e Dino Ferrari, ha dimostrato di aver assimilato i miglioramenti della Rossa. Anche Vettel ha mostrato un'inversione di tendenza, vanificata da un pit stop disastroso.

Ferrari: a Imola si consolidano i progressi della SF1000

L’aritmetica non dice tutto. Confrontando i verdetti del Gran Premio del Portogallo, concluso da Charles Leclerc al quarto posto, con quelli del weekend di Imola, può sembrare che la Ferrari rispetto ad una settimana fa abbia fatto un passo indietro.

Il quinto posto del monegasco è in realtà una conferma dei progressi visti a Portimao sulla SF1000, che anche su una pista diversa ed in condizioni differenti, è tornata a giocarsela con quelli che oggi sono i suoi avversari diretti, sia in gara che nella classifica Costruttori.

“Credo che si possa dire a ragion veduta che i progressi che si sono visti nelle ultime gare si stiano consolidando – ha commentato Mattia Binotto - anche e soprattutto sul passo di gara, su piste e in condizioni differenti fra loro. È un fatto importante sia per questo finale di stagione che in vista della prossima”.

L’appetito di tifosi ed appassionati cresce in fretta, e non bisogna dimenticare dove si trovava la Ferrari nel Gran Premio del Mugello, poco più di un mese fa. I passi avanti ci sono stati, soprattutto laddove la SF1000 faticava di più, ovvero sul passo gara. A dispetto della classifica finale, anche Sebastian Vettel ha fornito alla squadra delle indicazioni molto positive. Il tedesco ha disputato la sua migliore gara stagionale, con un ritmo molto costante e veloce che lo ha portato dalla quattordicesima posizione al via a lottare per l’ottava piazza.

Poi è arrivato il cambio gomme. “Seb ha disputato una bella gara – ha ribadito Binotto - e ci dispiace molto per il problema al pit-stop che lo ha estromesso dalle prime dieci posizioni della classifica e ci ha fatto perdere punti preziosi”.

Vettel ha capitalizzato molto bene la possibilità di partire con gomme medie, confermatasi la mescola migliore nella gara di oggi, con le quali Seb ha percorso ben 39 giri ad un ritmo molto buono.

“Le gomme funzionavano ancora molto bene anche dopo diversi giri – ha spiegato Vettel - Direi che oggi il passo è stato buono, specie nel primo stint, poi purtroppo abbiamo perso molto tempo al pit stop e questo ha guastato la nostra gara. Chiaramente non è il risultato che vogliamo ma questa volta credo nemmeno quello che ci meritiamo. In macchina mi sono sentito a mio agio, anche se più che in gara quest’anno i problemi a livello di sensazioni sono soprattutto in qualifica”.

A fine gara Seb ha rassicurato via-radio i meccanici: “Non preoccupatevi per il pit-stop, e grazie a Claudio, sei un gentleman”. Il ‘Claudio’ citato da Vettel è Claudio Bersini, uno dei meccanici del Cavallino prossimo alla pensione, che Seb ha voluto omaggiare con un ricordo.

La Ferrari esce da Imola con dieci punti arrivati grazie alla quinta posizione di Leclerc, un risultato che non cambia la situazione nella classifica Costruttori ma che risponde ai risultati degli avversari diretti.
“È un risultato che mi soddisfa – ha confermato Charles - credo che fosse il massimo possibile oggi. Ci aspettavamo un primo stint molto difficile ma in realtà ci siamo dimostrati piuttosto competitivi. Al pit stop abbiamo montato gomme Hard e con quelle eravamo probabilmente un po’ più veloci di Ricciardo, che era davanti a me, ma non abbastanza per tentare il sorpasso. Di fatto mi sono ritrovato bloccato dietro di lui”.

La safety car che ha congelato la corsa a quindici giri dal termine, ha fatto considerare la possibilità di una seconda sosta per montare un set di gomme soft.
“Ne abbiamo discusso con Charles – ha spiegato Binotto - sapevamo che il riavvio con le hard usate sarebbe stato complicato. Ma dall'altra parte non abbiamo perso posizioni rimanendo in pista, e penso che sia stata la decisione giusta anche se molto semplice da prendere”.

La Ferrari aveva confermato già in prova di avere delle difficoltà nel mandare in temperatura le gomme, anche quando ha montato dei set freschi, quindi l’eventualità di un pit-stop non avrebbe dato la garanzia a Leclerc di poter rimontare posizioni nelle tornate conclusive.

“È stato molto difficile ma penso che abbiamo fatto la scelta giusta – ha confermato Leclerc - al restart dopo la Safety Car ho faticato più di Kvyat che aveva gomme nuove e stava rimontando, e ho dovuto cedergli il passo. Direi che oggi ho spinto dall’inizio alla fine e che siamo stati abbastanza competitivi per tutta la gara, e sono anche soddisfatto di come siamo stati capaci di gestire le gomme”.

condivisioni
commenti
Fotogallery F1: Mercedes sette volte campione a Imola

Articolo precedente

Fotogallery F1: Mercedes sette volte campione a Imola

Prossimo Articolo

Russell fa mea culpa: "Ho fatto un errore stupido"

Russell fa mea culpa: "Ho fatto un errore stupido"
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021