Verstappen: "Hamilton è molto bravo, ma non è Dio!"

L'olandese è convinto di poter attaccare l'esacampione della Mercedes se avrà una monoposto che resterà a non più di un paio di decimi dalla freccia d'argento. Max è consapevole che per lottare per il titolo dovrà rivedere anche l'approccio ai corpo a corpo: "Lewis sa quando prendersi un rischio e quando non ne vale la pena".

Verstappen: "Hamilton è molto bravo, ma non è Dio!"

Commentando il mondiale di Formula 1 che si appresta ad iniziare, uno storico addetto ai lavori ha lanciato un messaggio chiaro: “Aspettiamoci una grandissima stagione, dico sul serio, sarà un Mondiale talmente bello da rendere inspiegabile il perché a fine anno si butterà tutto nel cestino per passare al nuovo corso”.

Sono in tanti a credere che il Mondiale 2020 sarà molto tirato, ed in attesa di scoprire le nuove monoposto e i successivi primi riscontri in pista, ci pensano i piloti ad iniziare i confronti verbali.

Già dalle ultime gare dello scorso anno Max Verstappen aveva iniziato ad inviare frecciatine velenose all’indirizzo di Lewis Hamilton, e l’olandese sembra voler iniziare il 2020 con lo stesso piglio.

“Lewis è molto bravo – ha commentato - sicuramente uno dei migliori piloti, ma non è Dio. Forse Dio è gli è vicino, ma non è lui”.

Dichiarazione condivisibile, anche se Hamilton non ha mai vantato dote divine. Il succo è che Verstappen è convinto di poter battere l’esacampione e ha le idee chiare su come farlo.
“Certo che posso batterlo – ha proseguito Max - ovviamente molto dipende dalla competitività della monoposto, devi almeno essere nelle condizioni di poter mettere il tuo rivale sotto pressione: se ci riesci allora gli complichi parecchio la vita. Se, invece, non ha una pressione particolare, può permettersi di guidare al 97-98% e non commettere mai errori, o forse potrà capitare una volta nell’arco di una stagione. Pensando al prossimo Mondiale, se riusciremo ad essere da subito a due decimi (dalla Mercedes) allora il discorso cambierà rispetto agli ultimi anni, sei li che puoi provare a giocartela ed è ciò che mi auguro”.

“Abbiamo visto che quando si ha la possibilità di potersela giocare possono essere tante cose a fare la differenza – ha chiarito il pilota della Red Bull - lo scorso anno è stato così in Brasile ed anche in Germania, dove le condizioni hanno esaltato il lavoro del team. Da parte mia non vedo l’ora di iniziare la stagione, sono certo che potremo dire la nostra”.

Se la Red Bull si rivelerà una monoposto in grado di lottare per il Mondiale, per Verstappen arriverà l’ultimo esame della sua carriera: dimostrare di essere in grado di convertire il suo potenziale velocistico in punti nell’arco di tutta la stagione, smussando gli angoli e mettendo definitivamente da parte la fama (ormai poco giustificata) di cavallo pazzo.

Lo scorso anno era stato Hamilton ad attaccare in modo sottile ma molto chiaro l’olandese: “Quando in pista mi confronto con Max so che devo lasciare sempre più spazio rispetto a quando mi capita di duellare con altri piloti”.

Ma Verstappen non ci sta più: “Ricordate il Brasile dello scorso anno? Ci siamo confrontati in modo duro ma pulito. So di essere aggressivo, è il mio approccio perché voglio sempre ottenere il miglior risultato, ma quando si combatte per un titolo la mentalità è diversa".

"Quando mi sono confrontato con Lewis non eravamo più in lotta per il Mondiale, quindi era chiaro che si provava solo a vincere. Lui (Hamilton) è molto bravo nel giudicare quando può prendersi un rischio e quando non ne vale la pena, ed è un aspetto cruciale dell’economia di una stagione”.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 ,Max Verstappen, Red Bull Racing
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 ,Max Verstappen, Red Bull Racing
1/18

Foto di: Erik Junius

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, si congratula con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, dopo la gara
Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, si congratula con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, dopo la gara
2/18

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia sul podio
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia sul podio
3/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, sulla griglia dopo le qualifiche
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, sulla griglia dopo le qualifiche
4/18

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia dopo aver preso la pole
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia dopo aver preso la pole
5/18

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

La monoposto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, adornnata dal numero 1 del Campione del Mondo, per le FP1
La monoposto di Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, adornnata dal numero 1 del Campione del Mondo, per le FP1
6/18

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo clasificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, primo classificato, festeggia sgommando
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo clasificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, primo classificato, festeggia sgommando
7/18

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, saluta i fan dopo la gara
Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, saluta i fan dopo la gara
8/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, e Max Verstappen, Re Bull Racing, secondo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, e Max Verstappen, Re Bull Racing, secondo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
9/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
10/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, si congratula con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, per aver preso la pole
Max Verstappen, Red Bull Racing, si congratula con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, per aver preso la pole
11/18

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull RB15
Max Verstappen, Red Bull RB15
12/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing
13/18

Foto di: Erik Junius

Max Verstappen, Red Bull RB15
Max Verstappen, Red Bull RB15
14/18

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull RB15
Max Verstappen, Red Bull RB15
15/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing
16/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggiano sul podio
Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggiano sul podio
17/18

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15 e Sebastian Vettel, Ferrari SF90 all'inizio della gara
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB15 e Sebastian Vettel, Ferrari SF90 all'inizio della gara
18/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Cowell: "Deliberati i motori Mercedes per l'Australia"
Articolo precedente

Cowell: "Deliberati i motori Mercedes per l'Australia"

Prossimo Articolo

Camilleri: "La Ferrari investe di più per vincere in F1"

Camilleri: "La Ferrari investe di più per vincere in F1"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021