Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
105 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
148 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
162 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
175 giorni

F1: perché il mondiale sia valido servono 8 GP

condivisioni
commenti
F1: perché il mondiale sia valido servono 8 GP
Di:
24 mar 2020, 15:03

Il mondo della F1 ancora non vede uno spiraglio per ripartire dopo la pandemia di Coronavirus, ma la speranza è quella di tornare al più presto in pista. Chase Charey si augura di allestire un calendario con 15-18 gare, ma per assegnaree i titoli ne bastano molto meno.

Dopo i convenevoli di rito e le rassicurazioni sullo stato di salute, la prima domanda è sempre la stessa: “Si sa qualcosa in merito al calendario?”.

Nessuno tra gli addetti ai lavori della Formula 1 fa eccezione, e non è solo una necessità logistica o una curiosità. Oggi chiedere informazioni sul “calendario” è un atto di speranza, una data che inconsciamente aiuta a vedere la fine dell’emergenza che la quasi totalità del pianeta sta vivendo.

Al momento non c’è un calendario che annuncia i Gran Premio del Mondiale di Formula 1 2020, o meglio, ce ne sono parecchi in attesa di capire quale tra quelli ipotizzati si sposerà meglio con le condizioni in cui si ritroverà il panorama internazionale ad inizio estate.

Il rappresentante di Liberty Media, Chase Carey, ha fatto il punto sulla situazione nella serata di ieri. “Ci aspettiamo che la stagione possa prendere il via in estate – ha chiarito Carey - con un calendario rivisto che includerà dalle 15 alle 18 gare. Come precedentemente annunciato, l’aver anticipato in questo periodo la chiusura estiva ci consentirà di poter essere in pista nelle settimane tradizionalmente utilizzate per le ferie, e potremo posticipare la fine della stagione oltre il 29 novembre, data nella quale originariamente era collocata l’ultima gara della stagione ad Abu Dhabi”.

Il mondo della Formula 1 si è compattato in un momento difficile, facendo tutto ciò che al momento può fare, ovvero prepararsi a partire nel momento in cui la situazione internazionale migliorerà. Il tutto con grande elasticità e disponibilità, cosa che non bisogna mai dare per scontata in Formula 1.

Oggi però è diverso, tutti remano nella stessa direzione in attesa di un segnale per ripartire. Se sarà l’Asia ad uscire per prima dall’incubo Covid-19, il Mondiale scatterà da lì, per poi proseguire dove ci sarà l’autorizzazione a scendere in pista da parte dei paesi ospitanti. Al momento il Circus può solo stare alla finestra, ed attendere.

“Non è possibile fornire un calendario più specifico a causa della instabilità della situazione attuale – ha spiegato Carey - ma monitoriamo le condizioni in ciascuno delle nostre nazioni ospitanti, nonché le problematiche relative ai viaggi per recarsi in questi paesi. Ci aspettiamo di avere informazioni più dettagliate il mese prossimo”.

C’è grande elasticità anche sulla possibilità di estendere le prove del calendario 2020 in un periodo in cui solitamente il Mondiale è già terminato.

Il mese di dicembre vedrà la Formula 1 in Medio Oriente con la doppia trasferta Bahrain-Abu Dhabi, questo sembra un punto fermo.

C’è chi ipotizza anche un’estensione a gennaio (ma sarebbe sempre parte del Mondiale 2020) se la ripresa dovesse andare oltre il mese di agosto, ma al momento è solo una delle possibilità sul tavolo.

Per i team non ci sarà lo stress legato alla realizzazione della nuova monoposto, quindi le energie non dovranno essere frammentate tra lavoro in pista ed in sede, quindi non è impossibile pensare di vedere in pista le squadre in un momento in cui si assistere solitamente alle presentazioni delle nuove vetture.
“Siamo fiduciosi che riusciremo a superare tutto questo – ha concluso Carey – arriveranno presto giorni migliori e, quando arriverà il moneto, ci assicureremo che tutti coloro che hanno investito in questo sport, ad ogni livello, si sentano premiati”.

La volontà di voler dare al 2020 un Mondiale è chiarissima. Non ci saranno “super season” e, si spera, neanche una stagione cancellata. Ai fini regolamentari un Mondiale per essere valido deve avere una classifica con almeno otto gare, e al momento c’è la volontà ferrea di assicurare all’albo d’oro di Formula 1 un campione del Mondo anche nel 2020.

Scorrimento
Lista

Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1 parla con la stampa

Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1 parla con la stampa
1/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Chase Carey, CEO di F1

Chase Carey, CEO di F1
2/20

Foto di: Jack Ke

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19
3/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1
4/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli pance Mercedes F1 W11

Dettagli pance Mercedes F1 W11
5/20

Foto di: Giorgio Piola

Esteban Ocon, Renault F1 Team, indossa una mascherina protettiva in risposta alla pandemia da Coronavirus

Esteban Ocon, Renault F1 Team, indossa una mascherina protettiva in risposta alla pandemia da Coronavirus
6/20

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, in conferenza stampa

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, in conferenza stampa
7/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team con un membro del Team Renault

Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team con un membro del Team Renault
8/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Presentazione 188Bet con Ross Brawn, Amministratore delegato degli sport motoristici, FOM

Presentazione 188Bet con Ross Brawn, Amministratore delegato degli sport motoristici, FOM
9/20

Foto di: Glenn Dunbar

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
10/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas F1 Team

Kevin Magnussen, Haas F1 Team
11/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas F1 Team

Kevin Magnussen, Haas F1 Team
12/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport e Toyoharu Tanabe, F1 Technical Director, Honda

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport e Toyoharu Tanabe, F1 Technical Director, Honda
13/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Pit board per Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Pit board per Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
14/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-20
15/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20
16/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
17/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Ferrari SF1000 dettagli tecnici

Ferrari SF1000 dettagli tecnici
18/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop
19/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
20/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
F1 senza Monaco? Non è la prima volta!

Articolo precedente

F1 senza Monaco? Non è la prima volta!

Prossimo Articolo

McLaren: i membri in quarantena in Australia tornano a casa

McLaren: i membri in quarantena in Australia tornano a casa
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero