Hamilton: guidare con l'intermedia come se fosse slick

Andiamo a scoprire quale è stata la strategia che ha portato i primi due piloti classificati nel GP della Turchia a completare la distanza con un solo pit stop, puntando sulle gomme intermedie per arrivare fino alla bandiera a scacchi, confidando che le scanalature si sarebbero consumate, trasformando il pneumatico in una sorta di slick capace di durare fino alla fine.

Hamilton: guidare con l'intermedia come se fosse slick

Le condizioni in cui si è svolto il Gran Premio di Turchia hanno messo a dura prova piloti, strateghi ed ingegneri. Una prova generale che ha esaltato la capacità di leggere una gara difficilissima, che alla fine ha detto molto legittimando Lewis Hamilton e la Mercedes vincitori con merito.

Eppure al ventesimo dei cinquantotto giri in programma Hamilton si trovava in quinta posizione, a 23 secondi dal leader Lance Stroll, e l’impressione generale è stata che Lewis fosse in modalità “campionato” dopo l’avvio disastroso di Valtteri Bottas. Il settimo titolo, di fatto, era già nelle tasche di Hamilton.

L'impressione si è rivelata errata. L’avvio di gara non è stato privo di difficoltà per Lewis e la Mercedes, ma era un ostacolo previsto dal box campione del Mondo.

La W11 è la monoposto che sviluppa in assoluto il maggior carico aerodinamico, un vantaggio notevole nella gestione delle gomme ma non nel tempo necessario per raggiungere la temperatura d’esercizio degli pneumatici posteriori, come emerso già nel corso delle qualifiche, dove Hamilton e Bottas hanno faticato molto più del previsto. Il sistema DAS in questi casi non può far nulla:

“È come provare a spegnere un incendio con una bottiglia d’acqua - ha commentato un addetto ai lavori – se hai a che fare con una fiammella puoi intervenire e risolvere il problema, altrimenti serve a poco”.

In più il DAS agisce solo sull’asse anteriore, mentre il problema di warm-up è stato per lo più su quello posteriore.

Una volta ‘accese’ le gomme Hamilton ha impostato un passo veloce ma non irresistibile, e non perché la W11 non potesse avere un ritmo migliore, bensì per preservare la temuta gomma anteriore destra.

Le condizioni della pista hanno reso impossibile stimare la quantità di giri percorribile con un set di pneumatici, perché impossibile era prevedere quanto la pista si sarebbe asciugata. Con un treno di gomme da bagnato si può coprire la distanza di un Gran Premio nel caso in cui la pioggia continui a cadere, ma qualora la traiettoria ideale diventi più asciutta, dopo pochi giri gli pneumatici diventano inutilizzabili.

A metà gara Lewis ha puntato sul singolo pit-stop

A metà gara le gomme intermedie (che tutti hanno montato tra il sesto ed il dodicesimo giro) hanno evidenziato problemi di graining, a cominciare dal leader Stroll che nel corso dello stint ha spinto parecchio (peccando un po' d’inesperienza) ma anche a causa delle caratteristiche della Racing Point, che rispetto alla W11 campione del Mondo mette più energia sugli pneumatici come mostrato in modo evidente in qualifica.

È in questa fase che Hamilton e la Mercedes hanno deciso che non avrebbero effettuato il secondo pit-stop.

Lewis ha più volte chiesto di provare a fare qualcosa vista la sua posizione di classifica, che in genere è un messaggio chiaro per provare a variare la strategia rispetto a chi è davanti.

La valutazione fatta dalla Mercedes si è basata sulle condizioni dell’asfalto, rimasto sì umido, ma che giro dopo giro ha ovviamente visto ridursi la quantità d’acqua soprattutto in traiettoria.

Dopo il primo pit-stop, il set di intermedie ha avuto tempo per scaldarsi progressivamente senza ‘strappi’ alla gomma, essendoci ancora acqua in pista, ma venticinque giri dopo la situazione era differente e il rischio che nel warm-up il pneumatico nuovo si danneggiasse era concreto.

In quest’ultimo caso oltre ad esserci un degrado più veloce si pregiudica anche la possibilità di poter coprire gli ultimi giri con una gomma diventata progressivamente slick, come abbiamo visto fare a Hamilton e Perez. Se il warm-up non è corretto il degrado è molto più veloce e compromette la parte finale del ciclo di vita della gomma.

Il secondo pit solo per il rischio pioggia

Gli ultimi dieci giri di Hamilton e Perez sono stati tutt’altro che sereni, ma non per problemi legati alla sicurezza della gomma, quanto per la possibilità che nelle due tornate conclusive arrivasse la pioggia, eventualità data come possibile dai radar.

A tre giri dal termine la Mercedes ha valutato con Hamilton la possibilità di fermarsi per cautelarsi da questo rischio, perché se la pista si fosse bagnata la gomma ormai finita di Lewis non gli avrebbe consentito di restare in pista. Una possibilità che Lewis ha messo da parte, certo di poter gestire le ultime due tornate senza troppa ansia.

Alla fine Lewis ha tagliato il traguardo da vincitore completando ben 50 dei 58 giri in programma con un set di intermedie, dando prova di una grande capacità di gestione che nella giornata di ieri è stata determinante per la vittoria.

Una dote evidenziata anche da Perez (che di giri ne ha fatti 48), e non è un caso che i due soli piloti ad aver effettuato una sola sosta si sono ritrovati sui due gradini più alti del podio.

condivisioni
commenti
F1: Mario Isola positivo al COVID-19 ma asintomatico
Articolo precedente

F1: Mario Isola positivo al COVID-19 ma asintomatico

Prossimo Articolo

Bottas: "La mia Mercedes tirava a sinistra"

Bottas: "La mia Mercedes tirava a sinistra"
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021