GP Austria: il giudizio è bugiardo per Mercedes e Ferrari!

La Mercedes ha dimostrato superiorità nelle prestazioni ma debolezza nell'affidabilità, mentre la Ferrari può contare su un mulo più che su un Cavallino e raccoglie punti preziosi. Ma il verdetto del Red Bull Ring è bugiardo, perché...

GP Austria: il giudizio è bugiardo per Mercedes e Ferrari!

Ventiquattr’ore dopo i verdetti delle qualifiche, leggere la classifica emersa al termine dei 71 giri di Spielberg potrebbe far nascere il dubbio di aver preso i risultati di qualche edizione precedente del Gran Premio d’Austria.

L’unica costante tra sabato e domenica è stato Valtteri Bottas, poleman e vincitore della prima gara stagionale, grazie ad un mix di velocità e freddezza che gli ha consentito di gestire al meglio una gara tutt’altro che semplice. Nove ritirati, tre safety car, penalità, allarmi tecnici che hanno tenuto banco nelle conversazioni via-radio, un mix che fa sorgere un dubbio: il Gran Premio d’Austria ha definito delle gerarchie o i riscontri sono da prendere con le pinze?

Sul fronte della performance il verdetto è chiaro: la Mercedes W11 è la monoposto più veloce del lotto, e il margine sugli inseguitori sembra ricordare quello degli anni di dominio assoluto delle ormai ex Stelle d’Argento, come il 2014 o il 2016. Ma nonostante il primo successo stagionale (la doppietta è sfuggita per l’errore commesso da Hamilton in bagarre con Albon), c’è allarme anche in casa Mercedes.

La monoposto va forte, molto forte, ma al momento è un purosangue che fa le bizze. C’è una power unit che non ha smentito gli allarmi dei test di Barcellona, che al contrario sono stati confermati da un doppio ritiro (Russell e Stroll) causato proprio da problemi al motore.

Già dopo lo stop della Racing Point il box Mercedes ha informato i suoi due piloti che non era il caso di dare fuoco alle polveri, imponendo l’utilizzo di mappature più tranquille con il disappunto di Hamilton, ansioso di poter avere l’okay per l’assalto a Bottas.

Il temuto problema delle temperature ha aleggiato sul box fino alla bandiera a scacchi, ma non è stato il solo motivo di preoccupazione.
“La situazione è stata piuttosto grave – ha confermato Toto Wolff - i problemi sono iniziati sulla monoposto di Valtteri, poi anche su quella di Lewis”.

Gli ingegneri sono stati allarmati da valori fuori scala: “Non sapevamo davvero cosa fosse - ha proseguito Wolff - sappiamo che era in qualche modo un problema legato alle vibrazioni della macchina, per questo abbiamo chiesto ai piloti di stare lontano da cordoli, ma ad certo punto abbiamo temuto di non finire la gara con entrambe le vetture”.

Ad un certo punto anche il cambio ha fatto le bizze, con problemi in upshift, ma questo preoccupa meno Wolff:
“Abbiamo un grande gruppo di lavoro, gestito da Simon Cole, che si occupa dell’affidabilità in pista, e risolveranno il problema in tempo per il prossimo fine settimana. Alcuni dei problemi di affidabilità visti qui provengono dai cordoli, i piloti devono capire quanto possono usarli perché oltre a possibili danni alle sospensioni c’è sempre il rischio che le vibrazioni possano innescare altri problemi”.

Wolff non accenna all’allarme temperature, ma è probabilmente il problema maggiore oggi per la Mercedes.

Il Mondiale 2020 sarà quasi un campionato estivo, e non è da escludere che le alte temperature possano essere una costante, almeno nella prima metà del calendario.

Tra cinque giorni le due W11 saranno nuovamente in pista a Spielberg, e c’è molta curiosità sulle contromisure che saranno prese dalla Mercedes, che potrebbe decidere per una modalità conservativa della power unit o un maggiore dimensione delle prese d’aria. Per interventi di portata maggiore ci vorrà più tempo.

Il caldo non è invece un problema per la Ferrari, che anche grazie alle temperature elevate registrate nella domenica di Spielberg, ha ottenuto un risultato decisamente oltre le aspettative. La piazza d’onore di Leclerc è ossigeno per tutto il team, soprattutto considerando la battuta d’arresto della Red Bull, ma da domani ci sarà da preparare il prossimo weekend e la prospettiva è ancora quella di un fine settimana in salita.

Il secondo posto di Leclerc è arrivato per diversi motivi: un’ottima affidabilità in una giornata in cui essere affidabili non era semplice, una gara che ha azzerato i gap tre volte con la safety car, e l’ottima gestione del pilota monegasco che ha saputo cogliere l’attimo.

Il prossimo weekend arriveranno a Spielberg degli aggiornamenti per la SF1000 e la speranza è quella di trovare subito riscontri positivi. Resta però l’analisi di Mattia Binotto a tenere tutti con i piedi per terra, ovvero l’80% del gap accusato questo weekend a Spielberg è stato dovuto alla mancanza di performance sui rettilinei.

L’aerodinamica può arrivare in soccorso, ma fino ad un certo punto, poi servono cavalli che al momento sembrano essere il maggior problema sia per la Ferrari che per Haas e Alfa Romeo.

La Ferrari oggi ha raccolto il massimo dalla sua affidabilità, ma dati alla mano senza problemi degli avversari Leclerc difficilmente sarebbe andato oltre la quinta posizione. Potrebbe essere una carta, quella della solidità, che potrebbe pagare anche tra sette giorni, ma nel lungo periodo chi ha problemi di affidabilità troverà la quadra e si tornerà a parlare di performance.

Per questo motivo le indicazioni che arriveranno dagli aggiornamenti saranno importanti, per la classifica, per il morale e per avere la certezza che la direzione è quella giusta, in attesa che si riesca a trovare qualche cavallo in più quando sarà possibile rimettere le mani sui motori. Correre in difesa oggi ha pagato, ma non è una strategia per costruire un futuro all’altezza delle aspettative.

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance, esce dalla sua vettura dopo aver conquistato la Pole Position
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance, esce dalla sua vettura dopo aver conquistato la Pole Position
1/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia dopo essersi assicurato la pole position
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia dopo essersi assicurato la pole position
2/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
3/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
4/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
5/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
6/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
Toto Wolff, Direttore Esecutivo, Mercedes AMG
7/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Mercedes F1 W11
Mercedes F1 W11
8/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
9/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

I titolari della prima fila Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, e il poleman Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, parlano dopo le qualifiche
I titolari della prima fila Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, e il poleman Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, parlano dopo le qualifiche
10/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
15/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, festeggia dopo la gara
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, festeggia dopo la gara
16/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
17/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
18/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
19/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
20/20

Foto di: Ferrari

condivisioni
commenti
Fotogallery F1: l'appassionante GP d'Austria 2020

Articolo precedente

Fotogallery F1: l'appassionante GP d'Austria 2020

Prossimo Articolo

Verstappen beffato dall'anti-stallo: "Il podio era nostro"

Verstappen beffato dall'anti-stallo: "Il podio era nostro"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021