Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

La squadra del Cavallino precipita dal terzo posto nel mondiale Costruttori al quinto perché a Barcellona raccoglie solo il settimo posto di Sebastian Vettel. Il tedesco si è imposto sul muretto Ferrari che lo voleva richiamare al box per il secondo pit stop e ha ottenuto un piazzamento che gli dà morale. Il problema è che la Rossa, oltre a non avere le prestazioni, difetta anche di affidabilità. E allora il quadro si fa difficile.

Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

“Sapevamo che Barcellona non è una pista a noi favorevole”. Mattia Binotto si pone in modalità ‘parafulmine’, ma dopo il weekend di Montmelò è difficile fare scudo al momento ‘no’ della Ferrari.

Il settimo posto finale di Vettel, arrivato grazie ad una gara in cui la gestione gomma oculata ha giocato un ruolo cruciale, fotografa perfettamente il momento del Cavallino. Nessuno poteva ipotizzare qualcosa in più di una quarta posizione, ma il weekend di Montmelò ha detto ancora meno del previsto. Una sola monoposto in Q3, una sola vettura sul traguardo, un giro di ritardo rispetto al vincitore.

Ad inizio stagione il tallone d’Achille del progetto SF1000 era stato identificato nella mancanza di potenza della power unit, ma gara dopo gara ciò che emerge è che non c’è solo un gap di potenza.

I cavalli sono indiscutibilmente meno di quelli della concorrenza (soprattutto nei confronti della Mercedes) ma manca anche altro. La monoposto non è all’altezza del compito che le è affidato e la mancanza di affidabilità inizia a preoccupare (oggi Leclerc è stato bloccato da un guasto elettrico, dopo il cedimento a Silverstone di una power unit su Vettel).

Manca performance, e questo si traduce nelle necessità di lavorare al massimo possibile sul fronte del setup, cercando di spremere il cento per cento dalla monoposto. Impresa riuscita brillantemente a Silverstone e premiata con due risultati importanti, ma se manca anche pochissimo di quel cento per cento, il rischio è quello di finire parecchio indietro.

I millesimi che sono costanti a Leclerc tre posizioni in qualifica hanno costretto Charles ad una corsa molto più difficile del previsto, ma il monegasco è riuscito a completare ben 30 giri con il set di soft montate al via, precedendo Vettel al cambio gomme di pochi secondi.

Con un set di medie Leclerc avrebbe completato la corsa potendosi permettere di spingere ragionevolmente, ma un problema ad una centralina lo ha bloccato. A cosa avrebbe potuto ambire il monegasco senza l’imprevisto che ha messo fine alla sua corsa?

Il quarto posto, citato da Binotto come target possibile, non sembrava essere un traguardo così certo per Leclerc, considerando che avrebbe dovuto recuperare dieci secondi e Perez (passandolo in pista visto che il messicano era sulla stessa strategia) e difficilmente avrebbe potuto avere ragione di Stroll.

Per come si è svolta la corsa, Leclerc avrebbe potuto provare ad insidiare Sainz puntando alla sesta posizione, e il settimo posto di Vettel non è poi molto distante.

Il muretto del Cavallino ha pensato anche di richiamare ai box Seb per la seconda sosta, e sarebbe stata una scelta di cui gli strateghi si sarebbero pentiti non poco, visto che il tedesco è stato in grado di coprire 36 giri con le soft.

Non è un dato che sorprende più di tanto, visto che Leclerc ha coperto 30 giri con la stessa mescola e con un carico maggiore di carburante, dando un’indicazione importante sulla possibilità di riuscire a coprire la distanza con un singolo pit-stop.

I sei punti conquistati da Vettel a Montmelò, che hanno gratificato un po' il tedesco dopo il momento ‘no’ di Silverstone, non sono comunque riusciti a respingere l’attacco di Racing Point e McLaren nella classifica Costruttori, graduatoria che oggi vede la Ferrari in quinta posizione. Sarà un confronto, quello per il terzo posto finale, destinato a durare a lungo e dagli esiti tutt’altri che scontati.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
1/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
3/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari
Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari
9/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza
10/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il muretto dei box Ferrari
Il muretto dei box Ferrari
11/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Articolo precedente

Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Prossimo Articolo

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021