Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

La squadra del Cavallino precipita dal terzo posto nel mondiale Costruttori al quinto perché a Barcellona raccoglie solo il settimo posto di Sebastian Vettel. Il tedesco si è imposto sul muretto Ferrari che lo voleva richiamare al box per il secondo pit stop e ha ottenuto un piazzamento che gli dà morale. Il problema è che la Rossa, oltre a non avere le prestazioni, difetta anche di affidabilità. E allora il quadro si fa difficile.

Ferrari: senza prestazioni, né affidabilità

“Sapevamo che Barcellona non è una pista a noi favorevole”. Mattia Binotto si pone in modalità ‘parafulmine’, ma dopo il weekend di Montmelò è difficile fare scudo al momento ‘no’ della Ferrari.

Il settimo posto finale di Vettel, arrivato grazie ad una gara in cui la gestione gomma oculata ha giocato un ruolo cruciale, fotografa perfettamente il momento del Cavallino. Nessuno poteva ipotizzare qualcosa in più di una quarta posizione, ma il weekend di Montmelò ha detto ancora meno del previsto. Una sola monoposto in Q3, una sola vettura sul traguardo, un giro di ritardo rispetto al vincitore.

Ad inizio stagione il tallone d’Achille del progetto SF1000 era stato identificato nella mancanza di potenza della power unit, ma gara dopo gara ciò che emerge è che non c’è solo un gap di potenza.

I cavalli sono indiscutibilmente meno di quelli della concorrenza (soprattutto nei confronti della Mercedes) ma manca anche altro. La monoposto non è all’altezza del compito che le è affidato e la mancanza di affidabilità inizia a preoccupare (oggi Leclerc è stato bloccato da un guasto elettrico, dopo il cedimento a Silverstone di una power unit su Vettel).

Manca performance, e questo si traduce nelle necessità di lavorare al massimo possibile sul fronte del setup, cercando di spremere il cento per cento dalla monoposto. Impresa riuscita brillantemente a Silverstone e premiata con due risultati importanti, ma se manca anche pochissimo di quel cento per cento, il rischio è quello di finire parecchio indietro.

I millesimi che sono costanti a Leclerc tre posizioni in qualifica hanno costretto Charles ad una corsa molto più difficile del previsto, ma il monegasco è riuscito a completare ben 30 giri con il set di soft montate al via, precedendo Vettel al cambio gomme di pochi secondi.

Con un set di medie Leclerc avrebbe completato la corsa potendosi permettere di spingere ragionevolmente, ma un problema ad una centralina lo ha bloccato. A cosa avrebbe potuto ambire il monegasco senza l’imprevisto che ha messo fine alla sua corsa?

Il quarto posto, citato da Binotto come target possibile, non sembrava essere un traguardo così certo per Leclerc, considerando che avrebbe dovuto recuperare dieci secondi e Perez (passandolo in pista visto che il messicano era sulla stessa strategia) e difficilmente avrebbe potuto avere ragione di Stroll.

Per come si è svolta la corsa, Leclerc avrebbe potuto provare ad insidiare Sainz puntando alla sesta posizione, e il settimo posto di Vettel non è poi molto distante.

Il muretto del Cavallino ha pensato anche di richiamare ai box Seb per la seconda sosta, e sarebbe stata una scelta di cui gli strateghi si sarebbero pentiti non poco, visto che il tedesco è stato in grado di coprire 36 giri con le soft.

Non è un dato che sorprende più di tanto, visto che Leclerc ha coperto 30 giri con la stessa mescola e con un carico maggiore di carburante, dando un’indicazione importante sulla possibilità di riuscire a coprire la distanza con un singolo pit-stop.

I sei punti conquistati da Vettel a Montmelò, che hanno gratificato un po' il tedesco dopo il momento ‘no’ di Silverstone, non sono comunque riusciti a respingere l’attacco di Racing Point e McLaren nella classifica Costruttori, graduatoria che oggi vede la Ferrari in quinta posizione. Sarà un confronto, quello per il terzo posto finale, destinato a durare a lungo e dagli esiti tutt’altri che scontati.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, torna in garage
1/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in pit lane
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
3/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari
Max Verstappen, Red Bull Racing, saluta Sebastian Vettel, Ferrari
9/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, precede Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, Lando Norris, McLaren MCL35, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, e il resto delle auto alla partenza
10/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il muretto dei box Ferrari
Il muretto dei box Ferrari
11/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"
Articolo precedente

Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Prossimo Articolo

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021