Bottas in pole, ma sarà sacrificato agli ordini di squadra

Il finlandese ha dato dimostrazione della sua velocità con un giro perfetto mentre stava tirando la scia a Hamilton: Valtteri nel GP d'Italia ha colto la decima pole position, ma è consapevole che dovrà sottostare alle logiche di marchio, dovendo retrocedere in griglia per la sostituzione del motore che lo porta alla prima penalità.

Bottas in pole, ma sarà sacrificato agli ordini di squadra

Che Valtteri Bottas abbia conquistato la pole position del Gran Premio d’Italia lo dice l’enfasi con cui il finlandese ha risposto al suo ingegnere: “Yes, yes, yes!”. Riccardo Musconi, ingegnere di pista di Bottas, gli ha comunicato di aver concluso al comando la sessione di qualifica disputata oggi a Monza, che di fatto gli varrà la partenza in prima posizione nella Qualifying Race di domani ma niente di più, in termini di classifiche e albo d’oro.

Al netto di format e nomi nuovi (attenzione, il trofeo assegnato a Valtteri per il miglior tempo è denominato ‘Speed King Award’, e non Pole Position) alla fine per fortuna c’è la sostanza, ovvero che Bottas ha ottenuto oggi a Monza una soddisfazione professionale che nessuna titolazione gli può negare.

Ovviamente Bottas in Q3 è uscito dai box davanti a Lewis Hamilton, con il compito di offrire la scia al compagno di squadra, e nel primo ‘run’ Bottas ha girato in 1’20”388 contro il crono di 1’19”949. Poco dopo Valtteri si è aperto via-radio con il suo ingegnere:
“Se trovo una scia posso abbassare più di tre decimi”.

I piani Mercedes erano ovviamente molto rigidi, ed anche col secondo ed ultimo set di gomme Bottas è uscito dai box davanti a Hamilton, lanciandosi per il giro veloce. Senza averlo pianificato, Valtteri si è però trovato dietro la McLaren di Daniel Ricciardo, che lo precedeva di circa sei secondi, e la differenza è stata enorme, visto che il miglioramento è stato di quasi sei decimi, permettendogli di strappare in extremis il miglior tempo di un soffio su Lewis.

“Complimenti a Valtteri – ha commentato Hamilton - ha fatto un mega giro, è andato più veloce e non sono riuscito a eguagliarlo, è un risultato che merita”.

La felicità di Bottas è emersa anche quando appena sceso dalla monoposto è corso ad abbracciare i suoi meccanici, quelli della macchina ‘77’ con cui lavora da anni. Quanto questo risultato fosse imprevisto anche dalla stessa Mercedes è sembrato chiaro dalle espressioni della squadra, che dava per scontato il miglior tempo di Hamilton.

“Ho visto un Valtteri molto ‘libero’ – ha commentato Toto Wolff – conosce il suo futuro e sicuramente è più rilassato”.

Domani però sarà un’altra storia, perché Bottas dovrà mettersi a disposizione della squadra.
“È difficile, in generale, imporre degli ordini di squadra – ha confermato Wolff- perché a tutti noi non piace e preferiamo che i risultati siano solo frutto del merito. Ma domenica Valtteri scatterà dal fondo della griglia, quindi domani vediamo come va la partenza, e se ci sarà bisogno di uno scambio di posizioni presumibilmente lo faremo”.

In casa Mercedes c'è un’aria familiare, respirata per anni, ma oggi non più di casa come in passato. Sanno che domani nella Sprint Qualifying il risultato da portare in porto sarà l’uno-due, ma Max Verstappen è lì, pronto ad approfittare della minima sbavatura.

“Possiamo essere felici di dove siamo – ha concluso Wolff – ma c’è ancora la parte del bicchiere mezzo vuoto, che vuol dire portare a casa il risultato”.

Domani Hamilton potrà contare sulle sue capacità, su una monoposto che su un circuito a basso carico come Monza è tornata ad una forma ‘Mondiale’, e su un Bottas in gran spolvero pronto a sacrificarsi per la causa. Al netto dei verdetti della Sprint Qualifying, domenica Lewis sarà solo, e probabilmente al suo fianco ci sarà sempre lui, Max Verstappen.

condivisioni
commenti
Sainz: "Più forti del 2020, ma questo non ci basta"

Articolo precedente

Sainz: "Più forti del 2020, ma questo non ci basta"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: Mercedes domina il venerdì di Qualifica a Monza

Fotogallery F1: Mercedes domina il venerdì di Qualifica a Monza
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021