F1, Bahrain, Libere 3: Verstappen beffa Hamilton

L'olandese porta la Red Bull in vetta alla lista dei tempi della terza sessione di prove del GP del Bahrain: Max riesce a stare davanti a Hamilton e Bottas con la Mercedes. Quarto è Albon con la Red Bull riparata dopo il botto di ieri. Bene Sainz quinto con la McLaren davanti a Gasly e Norris. Si conferma in difficoltà la Ferrari che è 13esima con Vettel e 15esima con Leclerc.

F1, Bahrain, Libere 3: Verstappen beffa Hamilton

Pochi giri per i piloti nella terza sessione di prove libere del GP del Bahrain: i team hanno ritenuto poco significative le condizioni climatiche di questo turno disputato con il sole, mentre la qualifica si disputerà con la notte, per cui non aveva molto senso spendere troppi chilometri in una situazione poco utile. La notizia del giorno è che la supremazia non è delle Mercedes che si sono fatte sorprendere dalla Red Bull di Max Verstappen. L'olandese ha portato la RB16 a 1'28"355 con le gomme soft: Max ha ottenuto la sua prestazione con il flap mobile che sbandierava pericolosamente mentre era aperto.

Verstappen sembra in grado di sfidare le Mercedes con la RB16 dotata del nuovo pacchetto aerodinamico che sembra funzionare bene dopo le ultime regolazioni: Lewis Hamilton ha lasciato 263 millesimi al pilota di Milton Keynes e il sette volte campione del mondo ha lasciato Valtteri Bottas a un decimo.

Le frecce nere non hanno entusiasmato come sempre, ma la sensazione è che non abbiano cercato il limite che, invece, scopriremo in qualifica. Interessante il quarto tempo di Alexander Albon: l'anglo-thailandese ha dimostrato di aver superato gli effetti del brutto incidente di ieri nella seconda sessione di libere quando ha distrutto la sua RB16 che è stata ricostruita nella notta dai meccanici Red Bull. Il motore e il telaio si erano salvati per cui la vettura è stata ricostruita dopo una notte di lavoro nel box.

Consistente anche Carlos Sainz con la McLaren che si è portato al quinto posto davanti al sorprendente Pierre Gasly con l'AlphaTauri: il francese dispone della F1 con il più accentuato angolo di Rake (assetto picchiato), mentre Red Bull, Ferrari e Racing Point hanno sensibilmente ridotto l'inclinazione del corpo vettura rispetto all'asfalto.

Lando Norris è settimo con la seconda MCL35 seguito da Daniil Kvyat positivo con la monoposto di Faenza. Chiudono la top 10 le due Racing Point un po' in ombra rispetto ai tempi di ieri: Lance Stroll ha fatto anche meglio di Sergio Perez di 12 millesimi di secondo.

Male la Ferrari che è 13esima dietro alle due Renault di Daniel Ricciardo e Esteban Ocon. Sebastian Vettel paga un secondo e mezzo dalla vetta ed è lontana anche dai migliori che puntano a essere la terza forza. Il tedesco ha chiuso un giro pulito, mentre Charles Leclerc è solo 15esimo perché nel suo tentativo ha avuto un bloccaggio nella staccata dell'ultima curva nella quale ha lasciato qualcosa.

La SF1000 patisce i quattro rettilinei di Al Sakhir e sono riemersi i guai che sembravano scompartsi. Non deve stupire, quindi, se fra le Rosse si è infilato l'ottimo Antonio Giovinazzi 14esimo con l'Alfa Romeo.

Non bene Kimi Raikkonen19esimo con la C39: il finlandese è finito dietro alle due Haas di Romain Grosjean e Kevin Magnussen.

Positivo George Russell 16esimo con la Williams, visto che Nicholas Latifi chiude la lista dei tempi con l'altra FW43.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Netherlands Max Verstappen Red Bull 11 1'28.355     220.510
2 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 12 1'28.618 0.263 0.263 219.856
3 Finland Valtteri Bottas Mercedes 14 1'28.721 0.366 0.103 219.600
4 Thailand Alexander Albon Red Bull 12 1'29.018 0.663 0.297 218.868
5 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 12 1'29.455 1.100 0.437 217.798
6 France Pierre Gasly AlphaTauri 16 1'29.472 1.117 0.017 217.757
7 United Kingdom Lando Norris McLaren 8 1'29.567 1.212 0.095 217.526
8 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 17 1'29.585 1.230 0.018 217.482
9 Canada Lance Stroll Racing Point 13 1'29.660 1.305 0.075 217.300
10 Mexico Sergio Perez Racing Point 12 1'29.672 1.317 0.012 217.271
11 Australia Daniel Ricciardo Renault 9 1'29.684 1.329 0.012 217.242
12 France Esteban Ocon Renault 11 1'29.691 1.336 0.007 217.225
13 Germany Sebastian Vettel Ferrari 15 1'29.859 1.504 0.168 216.819
14 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 10 1'29.970 1.615 0.111 216.552
15 Monaco Charles Leclerc Ferrari 14 1'30.183 1.828 0.213 216.040
16 United Kingdom George Russell Williams 16 1'30.559 2.204 0.376 215.143
17 France Romain Grosjean Haas 16 1'30.652 2.297 0.093 214.923
18 Denmark Kevin Magnussen Haas 12 1'30.759 2.404 0.107 214.669
19 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 16 1'30.823 2.468 0.064 214.518
20 Canada Nicholas Latifi Williams 19 1'30.917 2.562 0.094 214.296
condivisioni
commenti
LIVE Formula 1, Gran Premio del Bahrain: Libere 3

Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio del Bahrain: Libere 3

Prossimo Articolo

F1, GP Bahrain: Soft gomme non da gara e nemmeno da... qualifica?

F1, GP Bahrain: Soft gomme non da gara e nemmeno da... qualifica?
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021