Esclusivo: Giovinazzi racconta il debutto sul simulatore della Ferrari!

Dopo il leggendario successo in GP2 a Monza (ha vinto la gara in cui è partito ultimo) a Giovinazzi si sono aperte le porte della Ferrari: il pilota della Prema ha provato oggi il simulatore di Maranello. Ecco le sue impressioni dopo la... prima in Rosso!

Esclusivo: Giovinazzi racconta il debutto sul simulatore della Ferrari!
Il logo Ferrari
Polesitter Antonio Giovinazzi PREMA Racing
Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
La grid girl di Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
Podio: il secondo classificato Antonio Giovinazzi, Prema Racing
Antonio Giovinazzi, Prema Racing nella F1 Gamezone

E’ un momento magico per Antonio Giovinazzi. Il fine settimana di Monza non gli ha regalato “solo” una vittoria da ricordare che gli ha permesso di portarsi a soli dieci punti dal leader della GP2 Series, Pierre Gasly.

Il pilota di Martina Franca ha lasciato ieri sera il circuito brianzolo puntando dritto a Maranello. Nella giornata di oggi c’era ad attenderlo un test al simulatore della Ferrari, il “ragno”, come viene chiamato dagli addetti ai lavori. Un riconoscimento al suo talento da parte della Scuderia, e per Giovinazzi è stata un’opportunità che lo ha emozionato anche più di una vittoria.

“Emozionato? Parliamo della Ferrari, di Maranello, come si fa a non essere emozionati? – ha raccontato Giovinazzi – è stata un’opportunità bellissima. Non avevo mai provato un simulatore di Formula 1, e nei primi giri avevo la testa che mi girava un po’. Ma mi sono ritarato subito, e devo dire che alla fine è una bella sensazione quella che si prova guidando un simulatore di questo tipo”.

Una giornata intensa quella di Giovinazzi, con la mattinata trascorsa sul circuito di Monza, ed il pomeriggio su quello di Singapore. Miracoli del mondo digitale.
“Ho provato due tracciati dalla caratteristiche molto differenti, un circuito permanente e un cittadino – ha spiegato Antonio – e mi sono trovato molto bene. Sono strumenti incredibili, e ora capisco quanto siano utili per preparare una gara. Ma su tutto ha prevalso la felicità per questa opportunità. Ora tornerò a preparare il finale di stagione che mi attende in GP2, ma non posso che ringraziare la Ferrari per questa giornata fantastica”.

Un test virtuale è solo un test, ma in questo caso si carica di significati. Il primo è che in casa Ferrari osservano, e quando vedono qualcosa che va oltre la buona prestazione, come nel caso di Giovinazzi, si interessano.

Un test virtuale è solo un test, ma intanto ci si conosce, c’è modo di farsi un’opinione, non per sentito dire, ma in modo diretto. Nel caso del ventiduenne pilota del team Prema, c’è anche un altro elemento che si carica di significati: Giovinazzi è italiano, come lo è Antonio Fuoco, da anni presente nel programma Driver Academy di Maranello.

Per molto tempo si è parlato della mancanza di aiuti, di chance, per i rappresentanti del nostro vivaio nazionale. Ma se c’è una cosa che ha insegnato la scuola Red Bull, è che bisogna dimostrare di valere un investimento. Fare qualcosa di speciale, e Giovinazzi lo ha fatto.

Non solo puntando al titolo da esordiente nel suo primo anno in GP2, ma anche con rimonte incredibili a Baku e a Monza. E, in modo non casuale, è arrivato il riconoscimento della Ferrari. Poi si vedrà...

condivisioni
commenti
Renault: saltato Perez, ora i francesi puntano su Sainz

Articolo precedente

Renault: saltato Perez, ora i francesi puntano su Sainz

Prossimo Articolo

Verstappen: "La brutta partenza? Un errore del team"

Verstappen: "La brutta partenza? Un errore del team"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021