Binotto: "Oggi i 20 cavalli che ci mancano si sono visti tutti"

Mattia Binotto, team principal della Ferrari, ha commentato il risultato delle Rosse al GP d'Italia, ovvero il quarto posto di Leclerc e il sesto di Sainz.

Binotto: "Oggi i 20 cavalli che ci mancano si sono visti tutti"

Per la Ferrari il tanto temuto Gran Premio d'Italia è andato in archivio con un buon quarto posto di Charles Leclerc e il sesto di Carlos Sainz Jr. Un buon bottino di punti, se non fosse per la non scontata doppietta ottenuta dalla McLaren dopo - quello sì clamoroso - incidente alla Prima Variante tra Lewis Hamilton e Max Verstappen, avvenuto al giro 26.

Per la Rossa un buon weekend, perché torna a casa con un buon risultato sulla pista che in questa parte del Mondiale temeva di più. Ma il risultato colto dalla McLaren ha reso tutto più difficile e amaro.

Al termine del Gran Premio d'Italia, Mattia Binotto ha commentato la gara di casa del Cavallino Rampante ai microfoni di Sky Sport, rendendo immediatamente onore agli avversari ma non alzando bandiera bianca. Anche la Ferrari crede di avere ancora piste su cui poter dire la propria: la lotta per il terzo posto nel Mondiale Costruttori non è ancora finita. Anzi, forse sta arrivando allo zenit.

Mattia, come giudichi il risultato della Ferrari ottenuto al Gran Premio d'Italia?
"Quarto e sesto posto è un risultato discreto. Complimenti alla McLaren, perché oggi ha fatto il pieno, quindi bravi loro. Noi siamo stati vulnerabili sulla ripartenza dopo la Safety Car, siamo stati superati e direi che anche questo ci sta perché sappiamo che la velocità di punta è il nostro punto debole, così come la potenza".

La doppietta ottenuta dalla McLaren può essere una mazzata per la Ferrari?
"Dal punto di vista della classifica Costruttori quello di oggi non è certamente un buon risultato, però poi dobbiamo anche guardare alle aspettative iniziali. Come ritmo gara alla fine siamo sempre riusciti a essere abbastanza vicini ai vincitori, quindi questo è l'aspetto migliore del weekend".

Sui rettilinei la Ferrari ha sofferto come nelle previsioni di inizio weekend. E nel resto della pista?
"Il passo era buono e soprattutto il secondo settore, alla Roggia, le Lesmo, bene. Noi soffrivamo in uscita dall'Ascari. Sul rettilineo successivo perdevamo velocità, inclusa la Parabolica per poi arrivare fino alla Curva 1. Nei 2 rettilinei eravamo vulnerabili in questo fine settimana e questo lo abbiamo pagato in occasione della ripartenza dopo la Safety Car".

Con questa doppietta della McLaren, il terzo posto nel Mondiale Costruttori è ancora possibile?
"Intanto brava la McLaren, che si è adattata bene a questa pista. Il risultato attuale sì, si può ribaltare. Non è detto che da qui alla fine non possano esserci piste dove potremo fare meglio noi. Noi diamo sempre il massimo, ma ci sono alcune piste su cui contiamo particolarmente. Ci arriveremo, speriamo di fare bene".

I 20 cavalli in meno rispetto alla concorrenza hanno fatto la differenza...
"Oggi si sono visti i 20 cavalli di differenza dagli altri. Lo sappiamo, ci sono, non ci deve far perdere morale perché ci stiamo lavorando per la prossima stagione. Non dobbiamo perdere fiducia, anzi. Dobbiamo lavorare in vista della prossima stagione e siamo già a buon punto. Abbiamo fatto una gara solida, è andato tutto bene. Complessivamente è andata bene".

condivisioni
commenti
Chinchero: "Il crash? Grande responsabilità di Max"
Articolo precedente

Chinchero: "Il crash? Grande responsabilità di Max"

Prossimo Articolo

Sainz: "La prima Monza con la Ferrari è stata frustrante"

Sainz: "La prima Monza con la Ferrari è stata frustrante"
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021