Analisi Test F1 di Barcellona: bene la Ferrari, dubbi sulla Mercedes che si copre

Dopo quattro giorni di test invernali è difficile fare delle valutazioni sui tempi: Renault (Hulkenberg) e Toro Rosso (Albon e Kvyat) svettano davanti all'Alfa Romeo (Raikkonen). La Ferrari usando gomme più dure ha ottenuto le prestazioni della Mercedes con mescole più morbide.

Analisi Test F1 di Barcellona: bene la Ferrari, dubbi sulla Mercedes che si copre

Nico Hulkenberg non sapeva se essere contento, oppure no. Di solito chi risulta il più veloce nei test invernali di Barcellona, poi non vine il mondiale. In realltà il pilota tedesco è tornato a casa soddisfatto della Renault R.S.19 che, specie negli ultimi due giorni, si è rivelata più consistente del previsto, permettendo a Nico di andare in testa alla classifica riassuntiva, davanti alla sorprendente Toro Rosso STR14 di Alexander Albon e del redivivo Daniil Kvyat.

Non crediate che le nuove regole aerodinamiche possano aver stravolto i valori dello scorso anno, semplicemente la tabella dei tempi è molto condizionata dalle mescole che le singole squdre hanno utilizzato e dalla quantità di carburante effettivamente immessa nel serbatoio. E, allora, prende valore la prestazione di Kimi Raikkonen con l'Alfa Romeo C38 che è considerata una delle monoposto più interessanti da tenere d'occhio in quello che sarà il gruppo di centro.

La prima valutazione da fare a livello generale è che le regole 2019 hanno penalizzato molto poco le nuove monoposto: ci si aspettava una regressione dei tempi che era stata valutata in 1"5 e, invece, già nella prima sessione invernale si è arrivati a fare meglio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, lasciando intendere che il gap è minore di mezzo secondo, senza che nessuno abbia estremizzato una sessione da qualifica.

La domanda che tutti si fanno è: qual è il potenziale di Ferrari, Mercedes e Red Bull? Valtteri Bottas sostiene che la Rossa abbia un vantaggio di mezzo secondo sulla W10. E Christian Horner valuta la RB15 migliore della freccia d'argento.

Le medaglie invernali non contano, ma la sensazione generale è che la SF90 sia veramente nata bene se si considera che la Rossa con le gomme gialle (C3) ha girato quasi come la Mercedes che nell'ultima giornata ha calzato anche le rosse (C5): il salto di due mescole dovrebbe valere più di un secondo che in pista, invece, non si è visto.

La W10 faticava a mandare in temperatura le gomme in mattinata con Lewis Hamilton, mentre al pomeriggio il finlandese ha sempre girato con un certo quantitativo di carburante a bordo, per cui la gomma rossa non riusciva a completare il giro tirato, visto che la C5 non è certo il pneumatico adatto al nuovo asfalto catalano.

La squadra di Maranello ha deciso di non inseguire la squadra di Brackley con Charles Leclerc: il monegasco ha concluso la sua seconda giornata di test senza che venisse stravolto il programma di lavoro.

La sorpresa negativa è stata la Racing Point, relegata poco avanti alla Williams, la squadra che ha fatto debuttare la FW42 con due giorni e mezzo di ritardo. La squadra di papà Stroll è parsa in difficoltà con la RP19 guidata da Sergio Perez e Lance Stroll. La nuova monoposto di Silverstone è molto acerba. Che l'iniezione di soldi abbia rovinato un gruppo di lavoro abituato a dare il meglio con budget risicati?

Ecco il delta di tempo fra le mescole Pirelli

Le  sono state 0"8/1"0 più veloci delle
Le  sono state 0"7 più veloci delle
Le  sono state 0"6 più veloci delle

Le  sono state 0"6 più veloci delle

Il riassunto dei tempi nei quattro giorni

Pilota Team Motore Giorno 1 Giorno 1 Giorno 1 Giorno 1
Germany Hülkenberg Renault

1:20.980

1:19.837

1:18.800

1:17.393

Thailand Albon Toro Rosso  

1:19.301

 

1:17.637

Russian Federation Kvyat Toro Rosso

1:19.464

 

1:17.704

 
Finland Räikkönen Alfa Romeo

1:19.462

 

1:17.762

 
Australia Ricciardo Renault

1:20.983

1:19.886

1:18.164

1:17.785

Finland Bottas Mercedes

1:20.127

1:19.535

1:20.693

1:17.857

United Kingdom Hamilton Mercedes

1:20.135

1:19.928

1:20.818

(proto)

1:17.977

Monaco Leclerc Ferrari  

1:18.247

 

1:18.046

Germany Vettel Ferrari

1:18.161

 

1:18.350

 
United Kingdom Norris McLaren  

1:18.553

 

1:18.431

Italy Giovinazzi Alfa Romeo  

1:19.312

 

1:18.511

Spain Sainz McLaren

1:18.558

 

1:19.354

 
France Grosjean Haas

1:19.159

 

1:19.189

1:18.563

Denmark Magnussen Haas  

1:19.206

 

1:18.720

France Gasly Red Bull  

1:19.814

 

1:18.780

Netherlands Verstappen Red Bull

1:19.426

 

1:18.787

 
Brazil Fittipaldi Haas  

1:21.849

1:19.249

 
Canada Stroll Racing Point  

1:20.433

 

1:19.664

Mexico Pérez Racing Point

1:19.944

 

1:20.102

 
United Kingdom Russell Williams    

1:25.625

1:20.997

Poland Kubica Williams      

1:21.542

condivisioni
commenti
Motorsport Report: la Williams è irregolare? La Ferrari riproduce l'effetto del mozzo forato!

Articolo precedente

Motorsport Report: la Williams è irregolare? La Ferrari riproduce l'effetto del mozzo forato!

Prossimo Articolo

Key direttore tecnico McLaren dal 25 marzo. Toro Rosso lo sostituisce con Egginton

Key direttore tecnico McLaren dal 25 marzo. Toro Rosso lo sostituisce con Egginton
Carica commenti
Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa Prime

Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa

John Watson è stato il primo pilota a provare la neonata Jordan 191 trovandola subito eccellente. L'ex pilota racconta in prima persona tutte le sensazioni dei primi passi del team di Eddie Jordan in Formula 1.

GP Russia: Norris, prima pole della carriera! Prime

GP Russia: Norris, prima pole della carriera!

Lando Norris riporta la McLaren in pole position e si prende la prima posizione nelle qualifiche del GP di Russia di Formula 1. Al suo fianco l'inglese trova la Ferrari di Carlos Sainz. Terzo il solito sorprendente Russell, davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Formula 1
25 set 2021
Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Formula 1
25 set 2021
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021
Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Formula 1
24 set 2021
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021