F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Analisi tecnica: la McLaren lavora per aumentare la downforce posteriore

Non essendo riuscito a montare la nuova paratia dell'ala posteriore McLaren in Cina a causa dei problemi al motore Honda, Alonso ha potuto sperimentare la nuova soluzione in Bahrain che poi è stata analizzata anche nei successivi test.

Analisi tecnica: la McLaren lavora per aumentare la downforce posteriore

La McLaren soffre, ma non si vuole arrendere all’incapacità della Honda di darle un motore competitivo. Del team di Woking resta interessante l'ala posteriore che è rimasta fedele al concetto presentato dalla squadra dall'inizio della stagione, interpretando in modo molto largo il nuovo regolamento che impone delle paratie laterali svergolate, più strette sotto e più larghe sopra.

Utilizzando sapientemente delle soffiature sulle paratie laterali della MCL32, abbiamo assistito ad una continua evoluzione del concetto che permette alla McLaren di ampliare l’area di riempimento dell’ala posteriore.

In alto nel tondo a destra è possibile vedere la paratia usata prima del Bahrain con quattro profili e tre soffiaggi che scendono dalla parte superiore, mentre la forma arcuata era lasciata al supporto di entrata e di uscita.

La paratia rivista (nel tondo a sinistra), invece, presentava un paio di slot in più molto lunghi (freccia a destra), riprendendo un concetto che si era visto l’anno scorso al GP d’Austria durante le prove libere della scorsa stagione (sotto), mentre ora dei piccoli supporti di metallo evitano che ci possano essere troppe deformazioni a creare nocive turbolenze.

E’ curioso notare che è stato aggiunto un soffiaggio anche al bordo d’entrata curvo della paratia (freccia a sinistra).

McLaren MP4-31 rear wing (trialed but not raced)
McLaren MP4-31: la paratia provata in Austria nelle prove libere ma mai utilizzata in gara

Disegno by: Giorgio Piola

La McLaren, infatti, già l’anno scorso aveva lavorato sodo sul posteriore della MP4-31 nel tentativo di aumentare il carico e la trazione. Il responsabile aerodinamico, Peter Prodromou, aveva cercato di accrescere il flusso sotto al profilo principale dell’ala cercando un migliore riempimento d’aria grazie ai vistosi soffiaggi verticali nella paratia laterale, ma gli scuotimenti delle frange non avevano reso efficace questa soluzione che era stata bocciata dopo i test.

McLaren MCL32 T wing and rear endplate details
McLaren MCL32: ecco la T-wing e la paratia laterale con i curiosi soffiaggi

Disegno by: Giorgio Piola

Per cercare di migliorare l’efficienza dell’ala posteriore è stata introdotta anche la T-wing (sopra) dotata di due elementi in carbonio, utile a far riattaccare i flussi della pinna sulla parte superiore del profilo.

Mentre questi cambiamenti dovrebbero incrementare la downforce dell'ala posteriore, è importante notare che la squadra farà anche delle modifiche alle ali per ridurre la resistenza all’avanzamento.

Testing times

Oliver Turvey, McLaren MCL32
Turvey nei test in Bahrain con la McLaren MCL32 dotata di tubi di Pitot e sensori visibili su diverse pati della monoposto

Photo by: LAT Images

Che la McLaren sia in difficoltà soprattutto per l’inadeguatezza del motore Honda è un fatto ormai assodato per tutti, ma ciò non impedisce all'equipe di Woking di cercare di migliorare le sue prestazioni in materia di aerodinamica e nella comprensione di come funzionano le nuove gomme Pirelli.

La MCL32 nei test ad Al Sakhir che hanno seguito il GP del Bahrain è stata strumentata dall’adozione di vistosi tubi di Pitot e rastrelli di sensori. Si tratta di analisi fatti per capire qual è l’efficienza delle superfici aerodinamiche e per monitorare come la deformazione degli pneumatici possa cambiare l’andamento dei flussi.

Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
La McLaren MCL32 dotata della telecamera a infrarossi nel diffusore

Photo by: Sutton Motorsport Images / sutton-images.com

Il team McLaren, infatti, ha installato un sensore anche nel diffusore posteriore per verificare qual è la deformazione delle gomme posteriori quando sono sotto carico. Questa che si vede dovrebbe essere una fotocamera a infrarossi, utile a rilevare come cambiano le temperature della gomma al variare della forma della spalla in funzione del carico.

condivisioni
commenti
Renault: fiduciosi di poter risolvere i problemi sul passo gara

Articolo precedente

Renault: fiduciosi di poter risolvere i problemi sul passo gara

Prossimo Articolo

Hamilton: "Avere Williams e McLaren in lotta per il titolo sarebbe magico"

Hamilton: "Avere Williams e McLaren in lotta per il titolo sarebbe magico"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021