Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Gara
ELMS Barcelona

ELMS: Vittoria schiacciante del G-Drive Racing alla 4 Ore di Barcellona

L'equipaggio composto da Vergne, Rusinov e Van Uitert ha tagliato il traguardo con 1 giro di vantaggio sulla Oreca #39. Il LMGTE poker Ferrari con vittoria per la #51 del Luzich Racing.

#26 G-Drive Racing Aurus 01 Gibson: Roman Rusinov, Job Van Uitert, Jean-Eric Vergne

La vettura #26 del G-Drive Racing ha conquistato una vittoria schiacciante alla 4 Ore di Barcellona, con Jean Eric Vergne che ha tagliato il traguardo con un giro di vantaggio sugli inseguitori. La Oreca #39 del team Graff ha conquistato il secondo gradino del podio grazie a Tristan Gommendy bravo a sopravanzare la vettura del Duqueine Engineering di Richard Bradley nei minuti conclusivi. L’ultimo gradino del podio è andato alla #37 del Cool Racing.

Alla partenza della prima gara in notturna dell’ELMS Antonin Borga ha passato la vettura di Paul Lafargue in pole seguito da Roman Rusinov in terza posizione, mentre in LMP3 Mikkel Jensen ha mantenuto la pole precedendo Damiano Fioravanti. In LMGTE Wei Lu, sulla Ferrari #66 del JMW Motorsport, è stato bravo nel risalire subito dalla quarta alla prima posizione con Sergio Pianezzola alle sue spalle, ma l’italiano è riuscito a passare daccapo al comando pochi giri dopo.

La prima Full Course Yellow è arrivata quasi all’inizio quando John Farano è andato a colpire le barriere in curva 5. Molti team hanno scelto di effettuare la corsa, mentre in LMGTE alla Ferrari #66 sono stati dati 10 secondi di pit stop penalty per aver superato in regime di bandiere gialle ed è così retrocessa in terza posizione.

La seconda FCY è stata dichiarata a seguito di un’altra vettura finita nella ghiaia. Rusinov ha scelto di entrare in corsia box e cedere il volante a Van Uitert. L’olandese è tornato in pista con un ritardo di 15 secondi dall’Oreca #30.

Allo scoccare delle due ore di gara, la vettura del G-Drive Racing ha potuto vantare un gap di ben 31 secondi sulla Oreca di Nicolas Jamin, mentre in LMGTE la Ferrari di Nielsen godeva di ben 27 secondi di vantaggio sulla Porsche di David Heinemeier-Hansson.

La safety car è entrata in pista quando Timothe Buret è andato a sbattere violentemente contro le barriere in curva 3. Alla ripartenza Jonathan Hirschi ha insidiato Lapierre per il terzo posto. Hirschi è riuscito a passare alla staccata di curva 1, ma Lapierre non ha mollato ed i due hanno percorso affiancati parecchie curve.

La terza FCY è giunta quando la Ligier #11 è finita in testacoda dopo un contatto ed il motore ha iniziato a fumare. Jens Petersen è stato costretto al ritiro. Alla ripartenza la #3 di Mike Guasch è stata beffata dalla Norma di Francois Herau.

Allo scoccare dell’ultima ora di gara un’altra FCY ha neutralizzato le operazioni. La vettura del G-Drive Racing, con Vergne alla guida, ha goduto un vantaggio di 1 minuto sulla Oreca di Richard Bradley.

La #17 ha preso la via dei pit ed ha consentito alle #3 e #2 di prendere il comando di classe, ma Nigel Moore, alla guida della Ligier dell’Inter Europol, ha iniziato a recuperare rapidamente. Moore è stato in grado di superare i due rivali e prendere la vetta, ma è stato punito con un drive through per una collisione con la Norma #10.

Moore è così retrocesso in terza piazza dopo aver scontato la penalità, ma poco dopo è riuscito a risalire di una posizione per poi mettersi alla caccia di Erdos. Una volta passato il rivale, Moore ha mantenuto la prima posizione sino alla bandiera a scacchi precedendo Matthiue Lahaye, bravo a prendersi la seconda posizione nei secondi finali, e Tommy Erdos.

In LMGTE vittoria per la Ferrari #51 del Luzich Racing con Alessandro Pier Guidi che è riuscito a tagliare il traguardo con 41 secondi di vantaggio sulla Ferrari del JMW Motorsport e sull’altra Ferrari dello Spirit of Race. La vettura del Kessel Racing ha consentito alla Ferrari di posizionare quattro vetture nei primi quattro posti di classe.

La vittoria assoluta è andata al G-Drive Racing. L’equipaggio è riuscito ad ottenere un successo schiacciante tagliando il traguardo con un giro di vantaggio sulla Oreca #39 condotta da Tristan Gommendy. Il terzo gradino del podio è stato conquistato dal Cool Racing.

Azione in notturna
#9 Realteam Racing Norma M 30 Nissan: Esteban Garcia, David Droux
#83 Kessel Racing Ferrari F488 GTE: Manuela Gostner, Rahel Frey, Michelle Gatting
#83 Kessel Racing Ferrari F488 GTE: Manuela Gostner, Rahel Frey, Michelle Gatting
#83 Kessel Racing Ferrari F488 GTE: Manuela Gostner, Rahel Frey, Michelle Gatting
#7 Nielsen Racing Ligier JS P3 Nissan: Anthony Wells, Colin Noble
#6 360 Racing Ligier JS P3 Nissan: Terrence Woodward, James Dayson, Ross Kaiser
#60 Kessel Racing Ferrari F488 GTE: Claudio Schiavoni, Sergio Pianezzola, Andrea Piccini
#66 JMW Motorsport Ferrari F488 GTE: Jeffrey Segal, Matteo Cressoni, Wei Lu
#66 JMW Motorsport Ferrari F488 GTE: Jeffrey Segal, Matteo Cressoni, Wei Lu
#66 JMW Motorsport Ferrari F488 GTE: Jeffrey Segal, Matteo Cressoni, Wei Lu
#55 Spirit Of Race Ferrari F488 GTE: Duncan Cameron, Matthew Griffin, Aaron Scott
#5 360 Racing Ligier JS P3 Nissan: John Corbett, Andreas Laskaratos, James Winslow
#45 Carlin Dallara P217 Gibson: Jack Manchester, Harry Tincknell, Ben Barnicoat
#26 G-Drive Racing Aurus 01 Gibson: Roman Rusinov, Job Van Uitert, Jean-Eric Vergne
#25 Algarve Pro Racing Oreca 07 Gibson: Olivier Pla, John Falb, Andrea Pizzitola
#24 Panis Barthez Competition Ligier JSP217 Gibson: Timothé Buret, Konstantin Tereschenko, Leonard Hoogenboom
#80 Ebimotors Porsche 911 RSR: Fabio Babini, Marco Frezza, Sébastien Fortuna
#35 BHK Motorsport Oreca 07 Gibson: Francesco Dracone, Sergio Campana
#17 Ultimate Ligier JS P3 - Nissan: Matthieu Lahaye, Jean Baptiste Lahaye, François Heriau
#45 Carlin Dallara P217 Gibson: Jack Manchester, Harry Tincknell, Ben Barnicoat
#5 360 Racing Ligier JS P3 Nissan: John Corbett, Andreas Laskaratos, James Winslow
22

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente ELMS, Barcellona: Paul Loup Chatin regala all'Idec Sport la prima pole stagionale
Prossimo Articolo United Autosports e Panis-Barthez passano da Ligier a Oreca

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia