Yamaha a due facce in Gara 1 a Laguna Seca

condivisioni
commenti
Yamaha a due facce in Gara 1 a Laguna Seca
Di: Lorenza D'Adderio
24 giu 2018, 09:59

Alex Lowes continua il suo momento positivo e sale sul podio in Gara 1 alle spalle di Rea e Davies. Più opaca la prestazione di van der Mark, ottavo e alle prese con problemi di grip.

Alex Lowes, Pata Yamaha
Alex Lowes, Pata Yamaha
Alex Lowes, Pata Yamaha
Alex Lowes, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha

Hanno vinto tre delle ultime quattro gare, dimostrando che la moto sta crescendo e mettendo in mostra il loro talento: i piloti Yamaha si sono fatti valere anche in Gara 1 a Laguna Seca. Alex Lowes è salito sul podio, terzo alle spalle dell’imprendibile duo Rea-Davies, mentre Michael van der Mark ha avuto qualche difficoltà in più, ma è riuscito a rientrare nei primi dieci, con l’ottava posizione finale.

Forte del successo a Brno, il primo in carriera, Lowes è arrivato carico sul tracciato californiano. I progressi sulla YZF-R1 iniziano a farsi notare e la motivazione della vittoria ha spinto il britannico a dare ancora di più. Nulla ha potuto contro lo strapotere di Jonathan Rea e Chaz Davies, che sono stati autori di una gara a parte, ma è riuscito a sbaragliare il resto della concorrenza, salendo sull’ultimo gradino del podio. 12 secondi di ritardo dai primi due sono tanti, ma Lowes ha disputato un’ottima gara in rimonta, balzando anche davanti a Tom Sykes e conquistando il terzo posto.

“Sono veramente felice”, afferma Lowes a fine Gara 1. “La gara in sé non è stata fantastica, la seconda parte è stata abbastanza noiosa, ho dovuto fare attenzione per mantenere la posizione. Ma in partenza sono andato molto forte e questo mi ha permesso di essere terzo. Salire sul podio a Laguna Seca con la Yamaha va oltre le mie aspettative, quindi sono contento del lavoro fatto con il team”.

Lowes è fiducioso anche in vista di Gara 2: “Proveremo a migliorare il setting della moto e vedremo se riusciamo a replicare il risultato di Gara 1. Voglio ringraziare i ragazzi di Yamaha, Crescent e tutti coloro che sono impegnati in questo progetto, perché conquistare il podio qui, dove lo scoro anno abbiamo avuto i risultati peggiori, è la dimostrazione del grande lavoro svolto”.

Michael van der Mark è invece più attardato rispetto al compagno di squadra. Partito in sordina il venerdì, è stato tra i protagonisti della Superpole 1 a sorpresa. Anche la gara non è stata particolarmente brillante, scattava dalla nona casella e ha tagliato il traguardo in ottava posizione. Le difficoltà per l’olandese non sono state poche, ma è riuscito a limitare i danni, nonostante il distacco importante dai primi. Ben 26 secondi lo separano dal vincitore, ma i problemi di grip accusati nelle prime fasi di gara non gli hanno permesso di poter fard i più.

“Oggi è stata dura”, così van der Mark dopo una Gara 1 più complicata del previsto. “Venerdì abbiamo avuto problemi a trovare il giusto feeling e pensavamo che potessimo dare una svolta al weekend in Superpole 1. Ma in gara non avevo grip né in entrata né in uscita di curva e non potevo spingere di più. verso la fine ho pensato di poter prendere Tom, anche lui aveva problemi, ma non ci sono riuscito”.

Per van der Mark l’ottavo posto non è stato un risultato all’altezza delle aspettative, ma c’è ancora Gara 2 da disputare ed è pronto a riscattarsi dopo la prima manche opaca: “Ovviamente è un risultato deludente, specialmente se consideriamo quanto siamo stati competitivi ultimamente, ma studieremo i dati che abbiamo raccolto in gara e nella seconda manche lotteremo ancora”.

Prossimo Articolo
Insaziabile Rea: "Saremo ancora più veloci in Gara 2"

Articolo precedente

Insaziabile Rea: "Saremo ancora più veloci in Gara 2"

Prossimo Articolo

Rea concede il bis: doppietta a Laguna Seca davanti a Davies. Laverty riporta l'Aprilia sul podio!

Rea concede il bis: doppietta a Laguna Seca davanti a Davies. Laverty riporta l'Aprilia sul podio!
Carica commenti