Bautista: "Abbiamo trovato una buona base per la Panigale V4, ma c'è ancora tanto lavoro"

condivisioni
commenti
Bautista:
Di:
29 gen 2019, 09:35

Il pilota spagnolo della Ducati è parso soddisfatto alla conclusione della due giorni di test di Portimao, anche se Rea e la Kawasaki restano il riferimento. Buono anche il lavoro completato da Chaz Davies, ancora acciaccato dopo i problemi alla schiena di Jerez.

Alvaro Bautista, Ducati Aruba.IT
#19 Ducati Aruba.IT: Alvaro Bautista
#19 Ducati Aruba.IT: Alvaro Bautista
#7 Ducati Aruba.IT: Chaz Davies
#7 Ducati Aruba.IT: Chaz Davies
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team

Álvaro Bautista e Chaz Davies, i due piloti del team Aruba.it Racing - Ducati, hanno terminato due giorni di test invernali sull’Autódromo Internacional do Algarve a Portimão.

Dopo i test di Jerez della settimana scorsa, quelli portoghesi hanno dato un’ulteriore opportunità alla squadra, agli ingegneri e ai piloti per raccogliere più dati possibili per lo sviluppo della nuovissima Panigale V4 R, la moto a quattro cilindri che quest’anno farà il suo debutto in pista nel Mondiale Superbike.

Essendo un progetto totalmente nuovo, i piloti non sono andati alla ricerca della prestazione pura, ma si sono concentrati sulla raccolta di informazioni per dare la possibilità agli ingegneri di analizzare i dati di tutto il lavoro fatto finora.

Lavorando in tutte le aree di ciclistica, elettronica e motore – come si fa in un progetto nuovo – a Portimão la squadra ha concluso positivamente questa fase importante della stagione, prima della partenza per i test ufficiali e la gara d’apertura a Phillip Island in Australia tra due settimane.

"Per me questi giorni di test a Portimão sono stati positivi. Domenica è stato un po' più difficile di lunedì perché era la prima volta in assoluto qui a Portimão, un circuito molto difficile da imparare e pieno di saliscendi, quindi ho fatto un po' di fatica, ma oggi mi sentivo molto più a mio agio e sono riuscito a migliorare. É l’ultima volta che proviamo la V4 R prima di partire per l’Australia, quindi ho voluto girare il più possibile per conoscere al meglio la nuova moto. Siamo fiduciosi perché abbiamo trovato una buona base anche se sappiamo che c’è ancora parecchio lavoro da fare" ha detto Alvaro Bautista.

"Sono stati davvero due giorni estenuanti per me in tutti i sensi! A livello fisico non sono ancora completamente guarito dalla contrattura muscolare che ho rimediato alla schiena nel test di Jerez, quindi non mi sentivo ancora a mio agio sulla moto. In ogni caso sono contento di aver concluso i test perché pensavo che non sarei stato in grado di girare, ma la fisioterapia fatta nei giorni scorso mi ha aiutato molto. È stato importante continuare il lavoro qui a Portimão per definire un buon assetto di base per la V4 R ed aumentare la mia confidenza con la moto. Non siamo ancora dove vogliamo essere e continueremo a lavorare senza sosta, ma sono fiducioso e non vedo l’ora di andare a Phillip Island per la gara d’apertura" ha aggiunto Chaz Davies.

Prossimo Articolo
Test Superbike Portimao, Giorno 2: Rea domina ancora, ma Bautista si conferma competitivo

Articolo precedente

Test Superbike Portimao, Giorno 2: Rea domina ancora, ma Bautista si conferma competitivo

Prossimo Articolo

Delbianco: "Non mi aspettavo così tanta potenza, ma è un onore essere in Superbike"

Delbianco: "Non mi aspettavo così tanta potenza, ma è un onore essere in Superbike"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Location Algarve International Circuit
Piloti Alvaro Bautista , Chaz Davies
Team Ducati Aruba.IT
Autore Redazione