WRC, Rally Croazia: Rovanpera spiega i perché del brutto crash

Il leader del WRC è uscito dopo 5.4 km della PS1 del Rally Croazia, uscendo illeso con il suo navigatore Jonne Halttunen da un brutto incidente. Ecco la spiegazione del crash che ha dato proprio Rovanpera qualche ora dopo l'accaduto.

WRC, Rally Croazia: Rovanpera spiega i perché del brutto crash

Kalle Rovanpera si è presentato al Rally Croazia da leader del Mondiale Piloti WRC, il più giovane di sempre a occupare la vetta della classifica più ambita della categoria. Eppure la prima gara da pilota da battere non è andato affatto come sperato.

Dopo appena 5.4 chilometri dall'avvio della PS1, la Rude - Plešivica 1 di 6.94 km, Rovanpera ha affrontato una curva destrorsa abbastanza stretta, In uscita di curva la Yaris numero 69 è scivolata verso l'esterno, finendo fuori strada, in un burrone.

A quel punto Rovanpera e il navigatore Halttunen si sono trovati passeggeri dell'evoluzione della vettura. Dopo qualche capottamento la vettura giapponese si è fermata contro un albero, distrutta e senza possibilità per l'equipaggio di rientrare in gara.

Per Rovanpera, quello, è stato il prematuro ritiro, la fine del Rally di Croazia dopo appena 5 chilometri dei 300 in programma. Un inizio amaro, che lo stesso Rovanpera ha raccontato qualche ora dopo l'accaduto.

"Ero impegnato ad affrontare la PS1, eravamo vicini alla fine. nell'ultimo scollinamento ed era piuttosto scivoloso. Stavo faticando con la vettura, perché aveva molto sottosterzo. Abbiamo faticato per tutta la prova. La curva dell'incidente la ricordo piuttosto bene. L'ho affrontata, ho frenato e sono entrato. Ho perso la macchina già in entrata di curva. Non sono riuscito a prendere la corda della curva, a fare la traiettoria corretta. A quel punto siamo usciti di strada".

Kalle non ha cercato scuse, addossandosele tutte dopo aver raccontato la dinamica dell'accaduto: "Andavo un po' troppo veloce, avevo sottosterzo e quello è stato il risultato. E, sì, è stato un mio errore. Ora è inutile pensare a cosa sarebbe accaduto se... Non dobbiamo fare altro che continuare ed evitare di fare errori del genere".

"La curva in cui siamo usciti, certo, era molto stretta. Ma alla fine noi siamo finiti fuori già per come sono entrato in curva. Non ci sono stati problemi, è stato un errore fatto a monte in quel tratto".

La Yaris numero 69 è apparsa piuttosto danneggiata in seguito all'incidente. Eppure Rovanpera pensa che il team abbia la possibilità di rimetterla in sesto e tornare in gara nella giornata di domani. 

"La mia Yaris si trova in un burrone piuttosto profondo. La macchina è abbastanza lontana dalla sede stradale, ma abbiamo ancora qualche speranza di ripartire. La macchina non sembrava così danneggiata. Spero che i meccanici riescano ad aggiustarla, ma ora non possiamo fare altro che attenderla al Parco Assistenza per capire le reali condizioni".

condivisioni
commenti
WRC, Rally Croazia, PS4: tris di Neuville, ma le Toyota resistono
Articolo precedente

WRC, Rally Croazia, PS4: tris di Neuville, ma le Toyota resistono

Prossimo Articolo

WRC, Rally Croazia, PS5: Neuville sbaglia ma allunga. Bene Tanak

WRC, Rally Croazia, PS5: Neuville sbaglia ma allunga. Bene Tanak
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021