WRC: Loubet svela la livrea 2021 della sua Hyundai WRC

Il talentuoso pilota francese svolgerà tutta la stagione 2021 al volante di una vettura WRC Plus - una Hyundai i20 - per la prima volta in carriera. Ecco la livrea che lo contraddistinguerà nel Mondiale Rally che partirà il 21 gennaio a Monte-Carlo.

WRC: Loubet svela la livrea 2021 della sua Hyundai WRC

Per Pierre-Louis Loubet, la stagione 2021 del WRC sarà molto importante. Per la prima volta in carriera avrà l'opportunità di correre tutti e 11 gli appuntamenti previsti per ora dal calendario approvato 3 mesi fa, che potrebbero diventare 12 qualora gli organizzatori del WRC dovessero riuscire a trovare una gara che prenda il posto del Rally di Svezia, cancellato di recente a causa della curva crescente di contagi legati alla pandemia da COVID-19.

Il pilota francese, supportato da anni dalla FFSA, la Federazione Francese dell'Automobile, farà il suo esordio nella stagione completa nel WRC a partire dal Rallye Monte-Carlo, previsto dal 21 al 24 gennaio nel Principato e dintorni.

A 10 giorni dal via del Mondiale Rally, Loubet ha svelato la livrea della Hyundai i20 Coupé WRC Plus con cui correrà tutta la stagione e che sarà preparata anche quest'anno dal team 2C Competition.

Se già nel 2020 la i20 del transalpino non aveva una livrea troppo distante da quelle ufficiali di Tanak, Neuville, Sordo, Breen e Loeb, quest'anno sarà ancora più simile a quelle del team di Alzenau, almeno se confrontata con quella usata nel 2019 e nel 2020. Qui sotto trovate la comparazione tra la livrea usata da Loubet nel 2020 (foto a sinistra) e quella nuova, a destra.

 

La livrea 2021 di Pierre-Louis Loubet, Vincent Landais, Hyundai i20 Coupe WRC, Team 2C Competition

La livrea 2021 di Pierre-Louis Loubet, Vincent Landais, Hyundai i20 Coupe WRC, Team 2C Competition

Photo by: Hyundai Motorsport

I colori della i20 di Loubet saranno i seguenti: l'azzurro usato dal reparto corse di Hyundai - Hyundai N - come base. Poi ecco il rosso-aranciato andare a definire i contorni dei disegni creati con il blu. Questi, proprio come sulle livree delle vetture ufficiali, sono dall'andamento irregolare, dando un senso di velocità alla vettura anche da statica.

Belle le profilature rosse-arancio della grande "bocca" posta nel mezzo del fascione anteriore, dei montanti e delle estremità del grande alettone posteriore. Sulla carrozzeria trovano posto anche gli sponsor del giovane talento francese, senza dimenticare Hyundai Motorsport Customer Racing e la definizione "Junior driver" sul cofano.

Per Loubet questa sarà una stagione in cui sarà chiamato a fare tanta esperienza, ma anche a dare qualche segnale importante in termini di prestazioni e miglioramenti. Qualora dovesse riuscirci, potrebbero aprirsi strade importanti nel futuro prossimo. Sarà infatti uno dei talenti da tenere d'occhio in un 2021 fatto di stabilità prima della grande rivoluzione attesa per il prossimo anno.

condivisioni
commenti
WRC: Monte-Carlo ultimo ballo assieme per Sordo e Del Barrio
Articolo precedente

WRC: Monte-Carlo ultimo ballo assieme per Sordo e Del Barrio

Prossimo Articolo

WRC: i cannibali di Monte Carlo

WRC: i cannibali di Monte Carlo
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021