WRC | Loubet e 2C Competition si separano

Il pilota francese ha annunciato la separazione dal team 2C Competition e da Hyundai Motorsport. Ora è alla ricerca di un programma che possa permettergli di correre nel WRC 2022.

WRC | Loubet e 2C Competition si separano

Pierre-Louis Loubet e il team 2C Competition si sono separati ufficialmente. Ad annunciarlo è stato proprio il pilota francese nel corso di questo fine settimana, aprendo così nuovi e imprevedibili scenari per ciò che riguarda il suo futuro, ma anche quello del team che nel corso delle ultime 2 stagioni ha portato nel Mondiale Rally la quarta Hyundai i20 Coupé WRC Plus.

A rendere nota la separazione è stato proprio Loubet, con un breve quanto sentito post sul proprio profilo ufficiale di Twitter. Questo recita così.

"Un titolo mondiale, successi, gioie, ma anche dolori. Sono cresciuto con voi, come pilota ma anche come persona. Quindi grazie di tutto 2C Competition, ma anche a tutta la squadra Hyundai Motorsport per le ultime 2 stagioni passate assieme".

Questo post, oltre ad annunciare l'addio al team francese, ha anche lasciato intendere che anche il legame tra il pilota nativo della Corsica e Hyundai Motorsport sia giunto al termine.

Pierre-Louis Loubet, Florian Haut-Labourdette, Hyundai 2C Competition Hyundai i20 Coupe WRC

Pierre-Louis Loubet, Florian Haut-Labourdette, Hyundai 2C Competition Hyundai i20 Coupe WRC

Photo by: Tomasz Kaliński

Loubet era stato inserito nel programma Hyundai nel WRC 2 stagioni or sono. Loubet era reduce dal successo nel WRC3, categoria dedicata ai piloti privati, senza supporto di una casa, diventando campione del mondo grazie a una serie di prestazioni altisonanti.

Una volta passato a correre nel WRC al volante di una i20 Coupé WRC Plus gestita sempre dal team 2C Competition (ma con il supporto di Hyundai Motorsport) Pierre-Louis non è riuscito a ripetersi. Il passaggio dalle vetture R5 alle WRC Plus non è stato all'altezza delle aspettative, per questo le strade del pilota, del team e della Casa si sono separate.

Loubet, poi, non è nemmeno stato fortunato. Poco prima del Rally di Catalogna, penultimo appuntamento del WRC 2021, è stato coinvolto in un incidente stradale, a Parigi, venendo investito da una vettura nel centro della capitale transalpina. Questo gli ha procurato la frattura del bacino - da cui sta ancora recuperando - costringendolo a saltare non solo l'evento spagnolo, ma anche l'ACI Rally Monza Italia, l'ultima gara del Mondiale scorso.

Il pilota francese si trova dunque senza team e senza vettura per il 2022. La sua intenzione, però, è quella di proseguire nel WRC. Le porte per la classe regina - che tra poche settimane vedrà l'esordio delle Rally1 al posto delle WRC Plus - sembra al momento preclusa. Loubet, però, è al lavoro per trovare la miglior soluzione possibile.

condivisioni
commenti
WRC | nel 2022 solo 2 motori e 9 ibridi per vettura
Articolo precedente

WRC | nel 2022 solo 2 motori e 9 ibridi per vettura

Prossimo Articolo

WRC | M-Sport: avere Loeb a Monte-Carlo è ancora possibile

WRC | M-Sport: avere Loeb a Monte-Carlo è ancora possibile
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021