Ufficiale: Valentino Rossi continua in MotoGP fino al 2020 con Yamaha

L'annuncio della firma su un nuovo contratto biennale è arrivato in apertura del primo weekend della stagione in Qatar: il "Dottore" continuerà a difendere i colori della Casa di Iwata fino a 41 anni.

Ufficiale: Valentino Rossi continua in MotoGP fino al 2020 con Yamaha
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

I tifosi di Valentino Rossi possono cominciare a festeggiare. Ora non ci sono più dubbi: il "Dottore" continuerà a correre in MotoGP fino al 2020, quando avrà addirittura 41 anni. L'annuncio ufficiale è arrivato oggi a Losail, poco prima della conferenza stampa che ha aperto il weekend del GP del Qatar e quindi la stagione 2018.

Negli ultimi giorni si era creato un alone di mistero intorno a questa famigerata firma, di cui ormai si parlava dall'inizio del pre-campionato, con Valentino che nei test di due settimane fa aveva fatto capire chiaramente di aver deciso di continuare la sua carriera, ma che tardava ad arrivare.

"Quando ho firmato il mio ultimo contratto con la Yamaha, a marzo del 2016, mi sono chiesto se sarebbe stato anche l'ultimo come pilota in MotoGP. In quel momento ho pensato che avrei preso la decisione nei due anni successivi e negli ultimi due anni sono giunto alla conclusione che voglio continuare a correre, essere un pilota della MotoGP, ma soprattutto guidare la mia M1, perché è una cosa che mi fa sentire bene" ha detto Valentino.

"Voglio ringraziare la Yamaha, in particolare Lin Jarvis e Maio Meregalli, per la fiducia che hanno riposto in me, perché la sfida è difficile: essere competitivi fino ad oltre 40 anni! So che sarà complicato e che richiederà un grande sforzo da parte mia e tanto allenamento, ma sono pronto. Non mi manca la motivazione ed è per questo che ho firmato per altri due anni" ha aggiunto.

Adesso è tutto nero su bianco e il pesarese quindi può concentrarsi sulla stagione che sta per cominciare, la sua 19esima nella classe regina, nella quale proverà l'ennesimo assalto alla decima corona di campione del mondo che insegue ormai dal 2009.

Non sarà facile, perché nel corso dell'inverno la M1 ha mostrato di avere ancora dei limiti piuttosto evidenti su certi circuiti, soprattutto a livello di elettronica, ma binomio come quello formato da Rossi e dalla Yamaha può solo iniziare il campionato parlando di ambizioni importanti.

Per le prossime tre stagioni, dunque, Valentino continuerà a dividere il box con Maverick Vinales, il cui rinnovo fino alla conclusione della stagione 2020 era stato invece annunciato nel mese di gennaio, in occasione della presentazione ufficiale della squadra.

Questo rinnovo vuol dire inoltre che Rossi arriverà a mettere insieme ben 15 stagioni da pilota ufficiale della Casa di Iwata. Nelle prime 12 ha conquistato quattro titoli iridati (2004, 2005, 2008 e 2009) e 56 vittorie, record per la Casa giapponese.

condivisioni
commenti
Espargaro e Smith in coro: KTM ha fatto bene a legarsi a Tech 3

Articolo precedente

Espargaro e Smith in coro: KTM ha fatto bene a legarsi a Tech 3

Prossimo Articolo

Fotogallery: Valentino Rossi e Yamaha, 12 anni di vittorie insieme

Fotogallery: Valentino Rossi e Yamaha, 12 anni di vittorie insieme
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021