MotoGP, Silverstone, Libere 2: Quartararo al top col brivido, Rossi 10°

Il pilota della Yamaha ha fatto una brutta caduta alla curva 8 e pareva dolorante, ma poi è tornato in sella ed ha rifilato oltre mezzo secondo a tutti. I primi inseguitori sono Miller e Martin con le Ducati, bene però anche le Honda in quarta e quinta posizione con Pol Espargaro e Marc Marquez. Top 10 anche per Bagnaia e Rossi, che sono sesto e decimo. Indietro invece Mir e Zarco.

MotoGP, Silverstone, Libere 2: Quartararo al top col brivido, Rossi 10°

La seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna ha regalato un brivido a Fabio Quartararo, ma alla fine è stato il leader del Mondiale a fare davvero paura a tutta la concorrenza, facendo una differenza incredibile su una pista che adora come Silverstone.

Dopo pochi minuti dall'inizio della FP2, il francese ha perso il controllo della sua Yamaha ed è caduto alla curva 8. Nella dinamica, la M1 gli ha dato un brutto colpo alla gamba sinistra e, dopo essere rimasto a terra dolorante, "El Diablo" si è rialzato zoppicando. Immagini che avevano fatto temere un possibile infortunio per Fabio, che però ha stretto i denti e dopo pochi minuti si è fatto riportare al box senza passare dal Centro Medico.

 

Che fosse tutto a posto lo si è capito quando ha ripreso la via della pista. Con la gomma media al posteriore si è andato a mettere davanti a tutti, ma poi ha fatto veramente paura quando ha montato la soft per il time attack conclusivo: il cronometro si è fermato sull'1'59"317, tempo che ha messo oltre mezzo secondo tra Quartararo e gli inseguitori.

Alle sue spalle si sono messe in evidenza le Ducati, con Jack Miller e Jorge Martin (gli unici sotto ai due minuti oltre a Fabio) che si sono issati in seconda ed in terza posizione, seppure con un gap importante. Dopo le grandi performance dell'Austria, che lo hanno portato alla prima vittoria in MotoGP, lo spagnolo del Pramac Racing si è quindi confermato molto veloce anche su una pista selettiva come Silverstone. Buona però anche la prestazione di Pecco Bagnaia, sesto, mentre Johann Zarco al momento sarebbe costretto a passare dalla Q1, perché non è riuscito a fare meglio del 14esimo tempo.

Tra le Ducati si sono infilate anche le due Honda di Pol Espargaro e Marc Marquez, a conferma che le RC213V sembrano adattarsi particolarmente bene al tracciato britannico, anche se il gap da Quartararo è di sette decimi. Marc però ha dato la sensazione di non essere più brillante come stamani dopo la brutta caduta della FP1. Male invece suo fratello Alex, che ha letteralmente demolito la Honda del Team LCR cadendo alla curva 4 ed è solo 20esimo.

Dopo essere stato piuttosto a lungo al comando, Aleix Espargaro alla fine ha chiuso in settima posizione con la sua Aprilia, riuscendo comunque a mettersi dietro la migliore delle KTM, quella del vincitore del GP d'Austria Brad Binder, e la migliore delle Suzuki con Alex Rins. Il campione del mondo Joan Mir, che due anni fa aveva saltato la gara di Silverstone per infortunio, sta faticando a prendere le misure ad una pista sulla quale quindi non ha mai corso con la MotoGP (lo scorso anno il GP era saltato a causa del COVID) ed è solamente 13esimo.

Leggi anche:

Chi invece la conosce molto bene e lo ha dimostrato oggi è Valentino Rossi. E' vero che il "Dottore" si è visto rifilare oltre un secondo dall'altra M1 di Quartararo, ma ha chiuso con il decimo tempo di giornata, favorito anche dal traino di Bagnaia, e al momento sarebbe quindi in Q2. Rispetto alla mattinata invece ha fatto un passo indietro Cal Crutchlow, sostituto dell'epurato Maverick Vinales sulla Yamaha ufficiale, che è solo 16esimo.

Anche Danilo Petrucci non è riuscito a ripetere l'11esimo tempo della FP1 ed è precipitato in 18esima posizione ad oltre 2", davanti ad un Miguel Oliveira che è ancora in evidente difficoltà dal punto di vista fisico dopo l'infortunio alla mano dell'Austria. Discorso opposto invece per Enea Bastianini, che è risalito fino alla 12esima posizione con la sua Ducati. E anche Luca Marini è a sua volta migliorato, portandosi 17esimo.

Restano in coda al gruppo invece il rookie Jake Dixon, sostituto dell'infortunato Franco Morbidelli in Petronas, che ha visto salire il suo gap ad oltre 3", e Lorenzo Savadori, con il pilota dell'Aprilia che è rimasto molto lontano dai tempi degli altri, dando la sensazione di non aver ancora recuperato del tutto dall'operazione al malleolo.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Fabio Quartararo Yamaha 12 1'59.317     178.043
2 Australia Jack Miller Ducati 15 1'59.829 0.512 0.512 177.282
3 Spain Jorge Martin Ducati 15 1'59.939 0.622 0.110 177.120
4 Spain Pol Espargaro Honda 17 2'00.035 0.718 0.096 176.978
5 Spain Marc Márquez Alenta Honda 15 2'00.051 0.734 0.016 176.954
6 Italy Francesco Bagnaia Ducati 16 2'00.102 0.785 0.051 176.879
7 Spain Aleix Espargaro Aprilia 16 2'00.219 0.902 0.117 176.707
8 South Africa Brad Binder KTM 15 2'00.315 0.998 0.096 176.566
9 Spain Alex Rins Suzuki 16 2'00.392 1.075 0.077 176.453
10 Italy Valentino Rossi Yamaha 15 2'00.400 1.083 0.008 176.441
11 Spain Iker Lecuona KTM 15 2'00.413 1.096 0.013 176.422
12 Italy Enea Bastianini Ducati 14 2'00.548 1.231 0.135 176.225
13 Spain Joan Mir Suzuki 16 2'00.725 1.408 0.177 175.966
14 France Johann Zarco Ducati 14 2'00.810 1.493 0.085 175.843
15 Japan Takaaki Nakagami Honda 15 2'00.870 1.553 0.060 175.755
16 United Kingdom Cal Crutchlow Yamaha 16 2'00.882 1.565 0.012 175.738
17 Italy Luca Marini Ducati 15 2'01.058 1.741 0.176 175.482
18 Italy Danilo Petrucci KTM 17 2'01.405 2.088 0.347 174.981
19 Portugal Miguel Oliveira KTM 16 2'01.412 2.095 0.007 174.971
20 Spain Alex Marquez Honda 15 2'01.496 2.179 0.084 174.850
21 United Kingdom Jake Dixon Yamaha 16 2'02.601 3.284 1.105 173.274
22 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 7 2'05.138 5.821 2.537 169.761
condivisioni
commenti
La MotoGP annuncia le date dei test pre-campionato: si va in Indonesia

Articolo precedente

La MotoGP annuncia le date dei test pre-campionato: si va in Indonesia

Prossimo Articolo

Quartararo: “Ho la caviglia distorta, ma non andrò più piano”

Quartararo: “Ho la caviglia distorta, ma non andrò più piano”
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021