MotoGP | Motegi, Libere 1: Miller precede Bagnaia e Quartararo

Le due Ducati dettano il ritmo con l'australiano leggermente più veloce di Pecco. I contendenti al titolo però sono tutti lì, perché dietro alle due Desmosedici GP del team ufficiale ci sono proprio il leader del Mondiale e l'Aprilia di Aleix Espargaro. Attardato solo Bastianini, che paga una caduta alla curva 5 e rischia di dover fare la Q1 se domani pioverà. Passi avanti anche per Marquez, sesto alle spalle di un ottimo Marini.

MotoGP | Motegi, Libere 1: Miller precede Bagnaia e Quartararo
Carica lettore audio

La lunga trasferta per arrivare direttamente dalla Spagna al Giappone ha imposto un cambio di format per la MotoGP, che oggi a Motegi ha disputato una sola sessione di prove libere, ma della durata di 75 minuti. Un turno che rischia di essere decisivo in ottica accesso alla Q2, perché per domani le previsioni meteo parlano di pioggia, quindi se dovessero trovare conferma, la classifica rischia di rimanere congelata nella FP2 di domani mattina.

Si potrebbe dire che anche a Motegi abbiamo ripreso da dove avevamo lasciato, perché davanti a tutti ci sono due Ducati. Questa volta però a dettare il ritmo è stato l'australiano Jack Miller, che ha fermato il cronometro sull'1'44"509, nonostante nel suo giro migliore abbia avuto anche problemi di traffico, precedendo di appena 28 millesimi il compagno di squadra Pecco Bagnaia.

Il vice-campione del mondo, arrivato in Giappone con soli 10 punti da recuperare sul leader Fabio Quartararo, è stato bravo a non perdere la testa in una turno che è iniziato con un problema di elettronica sulla sua Desmosedici GP e che non è proseguita in maniera troppo brillante, almeno fino a pochi minuti dalla bandiera a scacchi.

I protagonisti nella corsa al titolo comunque sono tutti lì, con Quartararo terzo a 49 millesimi e l'Aprilia di Aleix Espargaro in quarta posizione a 68. "El Diablo" è velocissimo nei primi tre settori della pista, ma poi nel T4, quello in cui conta soprattutto il motore, vengono fuori i soli limiti della Yamaha, per la quale sembra aver deliberato definitivamente il telaio nuovo provato a Misano, presente su entrambe le sue M1.

Come Bagnaia, anche Espargaro ha avuto bisogno di tempo per portare la sua RS-GP nelle posizioni di vertice, ma è sicuramente importante avere tutti i protagonisti del Mondiale lì davanti. All'appello in realtà manca Enea Bastianini, che ha pagato a carissimo prezzo una scivolata alla curva 5, che gli ha impedito di girare nei minuti conclusivi. Nonostante paghi meno di mezzo secondo, il pilota del Gresini Racing, reduce dalla vittoria di Aragon, si ritrova infatti 14°. Questo vuol dire che, se domani dovesse effettivamente piovere, si ritroverebbe ad affrontare la Q1.

A completare la top 5 troviamo l'altra Ducati di un ottimo Luca Marini, che dopo la pausa estiva sta vivendo un momento di grande forma, confermato per ora anche a Motegi. A seguire poi ci sono le due Honda di Marc Marquez e Pol Espargaro, che almeno sulla pista di casa sembrano aver fatto un passettino in avanti, visto che entrambi i piloti spagnoli pagano meno di due decimi.

L'otto volte iridato ha dato però la sensazione di essere veramente al limite con la sua RC213V, con un paio di passaggi davvero sul filo del rasoio. Inoltre si toccava spesso la spalla destra, anche se non è una sorpresa che Motegi sia una pista molto impegnativa dal punto di vista fisico. Va segnalato poi che anche lui sembra aver scelto definitivamente il forcellone in alluminio realizzato dalla Kalex, che oggi era presente su entrambe le sue moto.

Buona anche la sessione delle due KTM, con Brad Binder e Miguel Oliveira che sono riusciti ad inserire la RC16 in ottava e nona posizione, con un ritardo di poco più di due decimi. Il quadro dei piloti che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 si completa invece con l'altra Aprilia di Maverick Vinales, che ha beffato per appena 1 millesimo Johann Zarco, che ha rovinato il suo turno con una scivolata alla curva 7 nel finale.

Stoico Takaaki Nakagami, tornato in sella per la gara di casa a soli quattro giorni da un'operazione ai tendini dell'anulare e del mignolo della mano destra, figlia della lesione rimediata nella caduta del primo giro ad Aragon. Il giapponese è 12°, ma vederlo togliersi il guanto a fine turno, con la mano che tremava, è stata veramente una stretta al cuore.

Nella sua scia troviamo la Suzuki di Alex Rins, che stamani ha portato al debutto due nuove alette sul codone della GSX-RR. Ancora una volta, lo spagnolo è stato tra i protagonisti fino a quando si è lavorato sul passo, poi è precipitato durante il time attack. Discorso che stamani vale anche per Franco Morbidelli, alla fine solo 16° con la sua Yamaha seppur staccato di soli 556 millesimi.

Per quanto riguarda gli altri italiani, Marco Bezzecchi e Fabio Di Giannantonio hanno faticato abbastanza, perché si trovano rispettivamente in 19° ed in 24° posizione. Da segnalare anche le altre scivolate che hanno avuto per protagonisti Darryn Binder e la wild card Tetsuta Nagashima, che fa il suo debutto in MotoGP in sella ad una Honda ed ha chiuso 22°, spuntandola nel derby nipponico con Takuya Tsuda, ultimo, che sostituisce l'infortunato Joan Mir sulla Suzuki.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Australia Jack Miller Ducati 28 1'44.509     165.379
2 Italy Francesco Bagnaia Ducati 26 1'44.537 0.028 0.028 165.334
3 France Fabio Quartararo Yamaha 30 1'44.558 0.049 0.021 165.301
4 Spain Aleix Espargaro Aprilia 26 1'44.577 0.068 0.019 165.271
5 Italy Luca Marini Ducati 27 1'44.645 0.136 0.068 165.164
6 Spain Marc Marquez Honda 26 1'44.656 0.147 0.011 165.146
7 Spain Pol Espargaro Honda 26 1'44.678 0.169 0.022 165.112
8 South Africa Brad Binder KTM 30 1'44.735 0.226 0.057 165.022
9 Portugal Miguel Oliveira KTM 28 1'44.743 0.234 0.008 165.009
10 Spain Maverick Viñales Aprilia 25 1'44.797 0.288 0.054 164.924
11 France Johann Zarco Ducati 25 1'44.798 0.289 0.001 164.922
12 Japan Takaaki Nakagami Honda 28 1'44.886 0.377 0.088 164.784
13 Spain Alex Rins Suzuki 31 1'44.913 0.404 0.027 164.742
14 Italy Enea Bastianini Ducati 24 1'44.978 0.469 0.065 164.640
15 Spain Jorge Martin Ducati 28 1'45.009 0.500 0.031 164.591
16 Italy Franco Morbidelli Yamaha 28 1'45.065 0.556 0.056 164.503
17 United Kingdom Cal Crutchlow Yamaha 27 1'45.187 0.678 0.122 164.313
18 South Africa Darryn Binder Yamaha 30 1'45.366 0.857 0.179 164.033
19 Italy Marco Bezzecchi Ducati 29 1'45.426 0.917 0.060 163.940
20 Spain Alex Marquez Honda 30 1'45.600 1.091 0.174 163.670
21 Spain Raul Fernandez KTM 27 1'45.739 1.230 0.139 163.455
22 Japan Tetsuta Nagashima Honda 24 1'45.845 1.336 0.106 163.291
23 Australia Remy Gardner KTM 27 1'45.991 1.482 0.146 163.066
24 Italy Fabio Di Giannantonio Ducati 24 1'46.365 1.856 0.374 162.493
25 Takuya Tsuda Suzuki 22 1'46.718 2.209 0.353 161.955
condivisioni
commenti

MotoGP | La grande solidarietà del paddock sul caso dell'incendio

MotoGP | Quartararo: “Siamo in netta difficoltà rispetto a Ducati”