MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
17 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
31 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
45 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
52 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
66 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
73 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
87 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
122 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
136 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
150 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
157 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
171 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
178 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
192 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
199 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
213 giorni

MotoGP, Europa, Libere 2: conferma Miller, sorpresa Aprilia

L'australiano della Ducati è il più veloce anche con l'asciutto e precede Aleix Espargaro. Terzo Morbidelli che ha un gran passo. Dovizioso, Quartararo e Mir al momento sarebbero tutti in Q2 se domani dovesse piovere. Vinales invece monta il sesto motore, quindi dovrà partire dalla pitlane domenica.

MotoGP, Europa, Libere 2: conferma Miller, sorpresa Aprilia

La pioggia ha dato tregua al Ricardo Tormo di Valencia e nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio d'Europa i piloti della MotoGP hanno potuto montare le gomme slick, realizzando tempi che rischiano di essere preziosissimi in ottica accesso diretto alla Q2 se il meteo dovrebbe effettivamente volgere al peggio domattina.

Jack Miller si è confermato il più veloce sia con il bagnato che con l'asciutto, candidandosi quindi ad un ruolo da grande protagonista in questa prima tappa valenciana. Il portacolori della Ducati Pramac è sceso fino a 1'32"528 proprio sotto alla bandiera a scacchi.

In questo modo ha beffato per appena 92 millesimi l'Aprilia di uno strepitoso Aleix Espargaro, bravissimo ad issarsi addirittura secondo quando è stato il momento di fare il time attack. Terzo tempo per un ottimo Franco Morbidelli, che proprio come Miller si è confermato particolarmente a suo agio in tutte le condizioni e soprattutto il più in palla tra i piloti della Yamaha, chiudendo a 276 millesimi da Miller e mostrandosi forse come il più attrezzato a livello di passo.

La cosa più curiosa però è che se si continua a scorrere la classifica, nelle prime sei posizioni troviamo tutte i sei marchi presenti in griglia. In quarta c'è la Honda LCR di Takaaki Nakagami a 338 millesimi, seguita dalla KTM di Pol Espargaro a 424 e dalla Suzuki di Alex Rins a 629.

Leggi anche:

Seppur con qualche difficoltà in più, gli altri protagonisti del Mondiale sono riusciti quasi tutti a centrare la top 10, con Andrea Dovizioso che occupa l'ottava posizione con la sua Ducati, alle spalle anche della KTM di Brad Binder. Alle sue spalle poi ci sono i primi due della classifica iridata, ovvero Fabio Quartararo e Joan Mir, staccati entrambi però di oltre otto decimi dalla vetta.

Al momento sarebbe fuori dalla Q2 invece Maverick Vinales, ma questo non farà una grande differenza per il pilota della Yamaha, perché oggi ha montato il sesto motore stagionale e quindi domenica dovrà prendere il via dalla pitlane, visto che quelli consentiti dal regolamento sono cinque.

Dopo aver brillato a Motoland Aragon, è tornato a faticare Alex Marquez, solamente 16esimo con un secondo di ritardo, alle spalle anche delle altre due RC213V di Cal Crutchlow e del collaudatore Stefan Bradl, che sono rispettivamente 12esimo e 14esimo.

Purtroppo Pecco Bagnaia invece non è riuscito a trovare un passo avanti deciso dopo la doppia da dimenticare di Aragon e non è andato oltre al 14esimo tempo. Attardato anche Danilo Petrucci, che era nella top 10, ma si è perso i minuti più importanti a causa di una scivolata alla curva 14 e quindi ha via via perso posizioni.

In coda al gruppo ci sono poi i due esordienti di giornata, Garrett Gerloff e Lorenzo Savadori, che comunque sono riusciti entrambi a mettersi alle spalle Tito Rabat. Lo statunitense della Yamaha si è anche messo in evidenza nella parte centrale del turno, attaccando le posizioni di vertice quando la pista era ancora umida.

Se però il test COVID-19 a cui si è sottoposto oggi Valentino Rossi dovesse risultare negativo, domani la sua avventura sulla M1 ufficiale si concluderà per far spazio proprio al ritorno del "Dottore".

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Australia Jack Miller Ducati 18 1'32.528     155.823
2 Spain Aleix Espargaro Aprilia 20 1'32.620 0.092 0.092 155.668
3 Italy Franco Morbidelli Yamaha 20 1'32.804 0.276 0.184 155.359
4 Japan Takaaki Nakagami Honda 22 1'32.866 0.338 0.062 155.255
5 Spain Pol Espargaro KTM 23 1'32.952 0.424 0.086 155.112
6 Spain Alex Rins Suzuki 21 1'33.157 0.629 0.205 154.770
7 South Africa Brad Binder KTM 19 1'33.259 0.731 0.102 154.601
8 Italy Andrea Dovizioso Ducati 22 1'33.292 0.764 0.033 154.547
9 France Fabio Quartararo Yamaha 24 1'33.337 0.809 0.045 154.472
10 Spain Joan Mir Suzuki 25 1'33.405 0.877 0.068 154.360
11 Spain Maverick Viñales Yamaha 21 1'33.410 0.882 0.005 154.351
12 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 22 1'33.045 0.517   154.957
13 Portugal Miguel Oliveira KTM 23 1'33.483 0.955 0.438 154.231
14 Germany Stefan Bradl Honda 22 1'33.504 0.976 0.021 154.196
15 Italy Francesco Bagnaia Ducati 22 1'33.515 0.987 0.011 154.178
16 Spain Alex Marquez Honda 22 1'33.570 1.042 0.055 154.087
17 France Johann Zarco Ducati 23 1'33.739 1.211 0.169 153.810
18 Italy Danilo Petrucci Ducati 17 1'33.775 1.247 0.036 153.750
19 United States Garrett Gerloff Yamaha 20 1'34.107 1.579 0.332 153.208
20 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 17 1'35.661 3.133 1.554 150.719
21 Spain Tito Rabat Ducati 21 1'36.690 4.162 1.029 149.115
condivisioni
commenti
Brivio sul caso Yamaha: "Ci piace vincere in pista"

Articolo precedente

Brivio sul caso Yamaha: "Ci piace vincere in pista"

Prossimo Articolo

Rossi ancora negativo, domani torna in pista a Valencia!

Rossi ancora negativo, domani torna in pista a Valencia!
Carica commenti
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021