Bagnaia: "Non posso aver avuto due volte lo stesso problema"

Il pilota torinese, dopo essere stato il più veloce in FP3 non ha più ritrovato lo stesso passo in qualifica: "Non voglio imputare le gomme, ma può sembrare assurdo che dopo quanto è successo domenica un problema ricapiti proprio a me…”. Il giovane pilota di Borgo Panigale è convinto di avere un buon potenziale per la gara di domani: l'idea è di ridurre il distacco nel mondiale da Quartararo.

Bagnaia: "Non posso aver avuto due volte lo stesso problema"

È in prima fila con il terzo tempo nel GP d’Austria. Potrebbe essere soddisfatto del risultato conseguito al Red Bull Ring, ma “Pecco” Bagnaia non è certo il tipo che si accontenta, anche perché davanti ci sono Jorge Martin, il pilota del team satellite Ducati e Fabio Quartararo, il leader del mondiale al quale vorrebbe rosicchiare dei punti per restare in lizza nela lotta per il titolo iridato.

Il pilota piemontese non si vuole abbattere perché è consapevole di avere per le mani una Desmosedici competitiva, ma cosa sta succedendo con gli pneumatici?
“Ti danno delle gomme: le metti su e qualche volta funzionano e altre no. Non so perché, ma non si possono imputare le gomme. Può sembrare assurdo che dopo quanto è successo domenica un problema ricapiti proprio a me…”.

“Devo dire che questa mattina avevo un grip incredibile. Ho fatto 1’22”8 sbagliando la curva 4 e non facendo bene la 6. Tutto era perfetto perché la curva 5 e la 8 le ho fatte in pieno, mentre di solito spinni o acceleri: io acceleravo e basta”.

E poi cosa è successo in qualifica?
“Con la prima gomma della Q2 non riuscivo a stare in pista da quanto slide avessi in uscita di curva e anche la seconda gomma non mi sembrava particolarmente performante. E, comunque, sono terzo in ogni caso e sono contento di essere in prima fila. Il ritmo per fare bene ce l’abbiamo. Spero solo di non incappare in un nuovo problema”.

Secondo Michelin domenica scorsa prima della ripartenza non c’è stato il tempo per il necessario pre-riscaldamento delle gomme
“La mia squadra ha tantissima esperienza e sa che cosa deve fare con le gomme. Non credo che non preparato al meglio il secondo pneumatico della gara scorsa. Ma a questo punto parliamo di cose divertenti e belle…”.

Che gara ti aspetti?
“La FP4 è stata molto importante perché ho iniziato il turno con una gomma molto usurata e l’ho portata a coprire fino a 32 giri, facendo 1’25”0 all’ultimo, che è stato quasi il miglior tempo fatto nel GP di Stiria. Sono contento, abbiamo fatto un buon lavoro. Ho provato diverse mappe, c’è stato un momento di stallo e poi sono tornato indietro, per cui sappiamo che strada prendere”.

Sei cresciuto nel team Mahindra come Martin e ora siete due piloti in prima fila con la Ducati…
“La Mahindra è stata una grandissima scuola sia per me che per Jorge, ma in generale per tutti quelli che ci corrono, basta vedere Bezzecchi”.

In che cosa ti ha aiutato?
“Nei primi incontri che avevo avuto con Dall’Igna mi aveva detto che ero stato scelto in Ducati perché si ricordava come correvo in Moto3 con la Mahindra, quando guidavo oltre i problemi. E questa è stata una cosa molto bella…”.

“Pecco” dovrà fare tesoro dell’esperienza passata, perché domani in gara dovrà andare oltre i problemi per ridurre il gap da Quartararo che gli scatta accanto. Se quella dell’Austria non sarà una gara cruciale nella stagione, sarà certamente importante per il prosieguo della stagione: c’è una Yamaha chiusa a sandwich da quattro Ducati. Bagnaia dovrà giocarsi le sue chance puntando a quella prima vittoria che fatica ad arrivare. Guidando oltre i problemi…

 

condivisioni
commenti
Marquez: "Non siamo da vittoria o da podio"

Articolo precedente

Marquez: "Non siamo da vittoria o da podio"

Prossimo Articolo

Mir: "Non possiamo dormire, abbiamo bisogno di miglioramenti"

Mir: "Non possiamo dormire, abbiamo bisogno di miglioramenti"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021