Andrea Dovizioso cerca il primo podio a Misano

Il forlivese ha centrato un quarto posto come miglior risultato in carriera. Iannone punta al podio

Andrea Dovizioso cerca il primo podio a Misano
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing e Andrea Dovizioso, Ducati Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team; Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, Ducati Team e Marc Marquez, Repsol Honda Team
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Il Secondo Posto Andrea Iannone, Ducati Team
Il Secondo Posto Andrea Iannone, Ducati Team festeggia nel parco chiuso
Podio: secondo posto Andrea Iannone, Ducati Team, il vincitore Jorge Lorenzo e terzo posto Valentino
Andrea Iannone, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team e Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team, Marc Marquez e Dani Pedrosa, Repsol Honda Team, Andrea Dovizioso, Ducat
Podio: secondo posto Andrea Iannone, Ducati Team, il vincitore Jorge Lorenzo e terzo posto Valentino

Dopo le tre gare disputate durante il mese di agosto, il Ducati Team torna ora in Italia per la tredicesima tappa del Campionato Mondiale MotoGP 2015. Il Gran Premio TIM di San Marino e della Riviera di Rimini, si svolgerà infatti sul Misano World Circuit, il circuito romagnolo che si trova a poco più di un’ora di autostrada dalla sede storica della Ducati a Borgo Panigale. 

Andrea Dovizioso è reduce dalla sua ottima prestazione di Silverstone, gara che ha chiuso al terzo posto dopo una bella lotta sul bagnato con il compagno di marca Danilo Petrucci del Pramac Racing Team. Dovizioso non è ancora riuscito a salire sul podio di Misano nelle sue sette partecipazioni in MotoGP dal 2008 in poi, e il suo miglior risultato è stato un quarto posto, ottenuto quattro volte, nel 2009, 2010, 2012 e nel 2014. Andrea Iannone invece ha partecipato due volte alla gara sammarinese in MotoGP, ottenendo come miglior risultato il quinto posto nella gara dello scorso anno dopo essersi qualificato in prima fila.

A Misano sarà presente anche Michele Pirro, pilota collaudatore del Ducati Test Team, iscritto come wild-card per la seconda volta in questa stagione, con una terza Desmosedici GP15.

Giovedì mattina è prevista una gustosa anteprima del weekend sammarinese: i due piloti del Ducati Team, sulle loro Desmosedici GP15, percorreranno le strade del centro storico di San Marino fino ad arrivare in Piazza della Libertà. L’inizio dell’evento, che partirà da Piazza Fabbri, è previsto per le 11.45.

Il programma del weekend di Misano inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle 09.55 (CET) mentre la gara, sulla distanza di 28 giri, è prevista per domenica alle 14.00.

Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 4° (150 punti)
Sono molto contento di tornare a correre in Italia. Misano è una delle nostre piste di casa, un po’ come il Mugello, e in generale è una pista positiva per me, per cui pensiamo di essere competitivi e veloci per tutto il weekend e cercheremo di portare a casa un bel risultato. Ovviamente correre davanti ai miei tifosi ed ai Ducatisti ‘sfegatati’ sarà uno stimolo in più a fare bene e quindi non vedo l’ora di scendere in pista”.

Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 5° (120 punti)
La mia GP15 a Silverstone è stata più competitiva, e quindi i test di Misano alla fine di agosto sono sicuramente serviti, per cui arriviamo qui fiduciosi. Sappiamo che non sarà facile confermare la nostra ultima prestazione, però adesso possiamo stare vicini ai primi, come si è visto in Inghilterra. Devo ammettere che la pista romagnola non è fra le mie preferite, ma questo Gran Premio è anche la nostra seconda “gara di casa” e quindi sono sicuro che i nostri tifosi ci daranno una marcia in più!”.

Michele Pirro (Ducati Test Team #51) – 21° (8 punti)
"Sono molto felice di tornare in gara con la Desmosedici GP15, e farlo su circuito di Misano è un emozione che sento particolarmente. Sarà una gara in cui dovrò riprendere automatismi e ritmo, che nella MotoGP attuale sono elevatissimi, perché torno a correre dopo il Gran Premio d’Italia del Mugello e dopo aver svolto molti test in cui siamo riusciti a capire tante cose della nostra moto. Mi impegnerò per dare il massimo ed ottenere un risultato all’altezza dell’ottimo potenziale della GP15".

condivisioni
commenti
Una wild card per Takumi Takahashi in Giappone

Articolo precedente

Una wild card per Takumi Takahashi in Giappone

Prossimo Articolo

Valentino: "A Misano parecchia pressione su di me"

Valentino: "A Misano parecchia pressione su di me"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021