Marquez: "Il primo posto di oggi non è reale. Il salvataggio? Fortuna..."

Marc Marquez ha chiuso in prima posizione la giornata odierna di prove libere della MotoGP a Brno. Lo spagnolo si è reso protagonista di un salvataggio fantastico alla Curva 13, proprio come nel 2014.

Marc Marquez è stato il protagonista delle prime due sessioni di libere della MotoGP sul tracciato ceco di Brno. Il catalano della Honda ha siglato il miglior tempo assoluto della giornata, eppure è consapevole di non occupare una posizione realistica per le potenzialità della sua RC213V in questo fine settimana.

"Brno è un'altra di quelle piste in cui fatichiamo un po', ma va bene, tenteremo di lottare comunque per le posizioni di vertice ed è quello che sto cercando di fare. Ricordo che al venerdì in Austria ho chiuso la giornata al decimo posto, ma non era la giusta collocazione dato il mio potenziale, così come lo è oggi. Ho chiuso primo, ma non è una posizione realistica per me".

"Per un giro sono stato capace di andare forte, così come per 2 o 3, ma devo migliorare sul passo con gomme usate e anche il nostro ritmo in generale. Abbiamo bisogno di migliorare in vista della giornata di domani, mi aspetto di perdere meno in accelerazione, dobbiamo migliorare in molte aree, anche in frenata. Nel secondo settore siamo i più veloci, diamo agli altri circa 2 decimi, ma poi perdiamo negli altri dove ci sono violente accelerazioni. Questa mattina non ero a mio agio con l'elettronica, poi nel pomeriggio abbiamo migliorato la situazione".

Il centauro di Cervera, inoltre, è stato autore di una manovra estrema per tenere in piedi la sua RC213V. Alla Curva 13 lo spagnolo ha evitato la caduta grazie al sostegno del suo gomito, usato come unico appoggio per tentare - con successo - di raddrizzare la sua moto. Già due anni fa Marc si rese protagonista di una manovra del genere, proprio nella stessa curva.

"Nel 2014 è stato anche più spettacolare, ma ci sono solo foto di quel salvataggio", ha ammesso Marc. "Quando succedono queste cose è perché si sta spingendo al limite. Ho perso l'anteriore".

"C'è stato un momento in cui pensavo di finire a terra, ma sono un pilota che non lascia mai andare lamoto sino alla fine e sono riuscito a salvarmi grazie al gomito. Oltretutto stava iniziando a bruciare, perché si era gi formato un buco nella tuta. Poi ho continuato a spingere con il ginocchio, poi una volta che ho salvato la moto mi sono calmato".

In questa occasione l'angolo di piega con cui Marquez ha salvato la moto è stato di 67,5 gradi, a fronte dei 68,3 del 2014: "Mi hanno detto che è stato di 67,5, mentre nel 2014 di 68,3 e avevo l'intero corpo fuori dalla moto. Qui è stato diverso, ci sono anche le immagini che hanno mostrato che ormai avevo la moto a terra, ma sono riuscito a salvarla. Come? Non lo so. Io dico sempre che è fortuna, ma è già la seconda volta che succede. Spero di non aver bisogno anche in gara di fare salvataggi del genere".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP della Repubblica Ceca
Sub-evento Venerdì, prove libere
Circuito Brno
Piloti Marc Márquez Alenta
Team Repsol Honda Team
Articolo di tipo Intervista