Meregalli: "Ordini? Al massimo diremo a Vale di non ostacolare Vinales"

condivisioni
commenti
Meregalli:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
26 set 2017, 11:12

Anche se le speranze della Yamaha di laurearsi campione a fine stagione sembrano ormai legate a Vinales, la Casa giapponese ha ribadito alla Gazzetta dello Sport di non essere intenzionata a ricorrere agli ordini di scuderia per aiutarlo.

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Massimo Meregalli, Yamaha Factory Team, Team director
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Massimo Meregalli, Yamaha Factory Racing Team Director

Maverick Vinales non vince più dal GP di Francia, quinto appuntamento del Mondiale MotoGP. Nonostante questo il pilota della Yamaha è ancora aggrappato alla corsa per il titolo, anche se staccato di 28 punti dal leader Marc Marquez.

Per lo spagnolo, il GP del Giappone rischia davvero di essere l'ultima chance per tentare a rimontare sul connazionale della Honda, anche se in questo momento la M1 sembra avere il chiaro handicap del consumo eccessivo della gomma posteriore nella parte conclusiva della corsa.

Quando la Gazzetta dello Sport gli ha chiesto se Motegi deve essere vista come l'ultima spiaggia per Maverick, il team manager Massimo Meregalli ha detto: "Una delle ultime, non penso l'ultima. In inverno Maverick è andato fortissimo nei test in Australia e Malesia. Recuperare su Marquez non è facile, ma faremo di tutto per provarci".

Anche perché il manager è convinto che l'ottimo grip offerto tracciato giapponese possa aiutare la moto della Casa di Iwata, che recentemente ha lavorato intensamente con i suoi collaudatori.

"Se a Motegi l'aderenza dell'asfalto sarà come sempre in passato, saremo competitivi fino alla fine. Spero che tutti i km dei nostri collaudatori lì paghino. Anche per quello non avevamo designato Nakasuga come sostituto di Valentino per Aragon, in quei giorni era a Motegi".

Ad Aragon il rientrante Valentino Rossi ha già dimostrato di poter battagliare per le posizioni di vertice, nonostante la frattura di tibia e perone sia ancora molto fresca. Meregalli però ha spiegato che dal muretto Yamaha non arriveranno ordini di scuderia per favorire Vinales.

"Non lo abbiamo mai fatto in passato e non lo abbiamo preso in considerazione ora. Al massimo diremo a Valentino di non ostacolare troppo Maverick se servisse" ha concluso.

Prossimo articolo MotoGP
Fotogallery: ecco le bellissime ombrelline del GP d'Aragon di MotoGP

Previous article

Fotogallery: ecco le bellissime ombrelline del GP d'Aragon di MotoGP

Next article

Dall'Igna ci crede ancora: "Domenica non abbiamo perso il Mondiale"

Dall'Igna ci crede ancora: "Domenica non abbiamo perso il Mondiale"