Lorenzo esclusivo: "A volte è deludente anche il meglio di me"

Il tre volte campione del mondo della MotoGP ha concesso un'intervista a Motorsport.com lo scorso fine settimana a Buriram.

Lorenzo esclusivo: "A volte è deludente anche il meglio di me"

Questa chiacchierata con Jorge Lorenzo si è svolta nel fine settimana a Buriram, dove domenica Marc Marquez è stato incoronato otto volte campione del mondo, al termine di un duello con il coltello tra i denti e fino all'ultima curva con Fabio Quartararo.

Lorenzo invece ha tagliato il traguardo in 18esima posizione, staccato di 54 secondi rispetto alla Honda del compagno di squadra, addensando ulteriormente i dubbi che circondano sia lui che il suo futuro, sia con la Casa giapponese che nel Mondiale MotoGP.

Di tutto ciò che hai vissuto quest'anno, qual è la lezione più importante da imparare?
"Gli errori di quest'anno che mi hanno procurato degli infortuni li avevo già fatti anche in passato. In questo sport devi andare al limite, devi forzare. E non puoi pensare che cadrai, perché in caso contrario, andresti più piano in certi punti, questo è evidente. Ad Assen non stavo affatto bene a causa dell'incidente nei test di Barcellona e sarebbe stato meglio non forzare. Se avessi saputo che c'era già un problema, sarei stato più conservativo. Da quest'anno quindi non prendo lezioni particolarmente importanti".

Cosa ha reso il tuo processo di adattamento alla Honda molto più complicato di quello che hai affrontato in Ducati?
"Non c'è un solo motivo. Innanzitutto, non sono mai stato al 100% fisicamente. Sono già arrivato ai test di Valencia e di Jerez con dei problemi ai legamenti della mano. E in quel caso non era andata male, perché quella moto (quella del 2018) mi è piaciuta molto. Il problema è quella nuova, che non mi da fiducia nelle curve. Andavo più forte sul rettilineo, ma nel complesso ero più lento. A quel punto ho dato le mie istruzioni, ma probabilmente era troppo tardi, perché l'intenzione della Honda era di continuare con quel motore. Marc ha saputo adattarsi ed ha trovato un modo per contrastare quel deficit, mentre io e Crutchlow abbiamo sofferto di più che se avessimo continuato con la moto vecchia".

Takeo Yokoyama, direttore tecnico della HRC, ha riconosciuto che la Honda lo scorso inverno si è concentrata sulla ricerca della potenza per cercare di raggiungere la velocità di punta della Ducati, anche considerando che Marquez era in grado di guidare una moto più critica. Tu cosa faresti ora in vista della moto 2020?
"Quello che vorrei fare sarebbe provare a progettare una moto che non possa essere guidata solo da un pilota".

E' realistico pensare che prima o poi vedremo di nuovo la tua versione migliore?
"Non posso andare peggio. La mia versione migliore? Questa disciplina conferma il detto "a cani magri, mosche ingorde". Ti senti male, questo influisce sulla tua sicurezza e tutto peggiora. Quando la moto cambia un po', riacquisti un po' di fiducia ed inizi a credere in te stesso, tutto si raddrizza e migliori di più di quello che le novità ti portano realmente. Questo non accade solo nello sport, ma nella vita in generale. Pensi: Lorenzo è a due secondi da Marquez e sembra molto. Ma tutto può cambiare in breve tempo. A Jerez, nel pre-campionato, senza conoscere la moto, ho girato veloce come lui. Perché? Perché quella moto mi ha dato sensazioni migliori ed ero a mio agio su quella pista".

Quali sono gli elementi chiave che possono farti riguadagnare fiducia?
"Innanzitutto, stare bene fisicamente. E che la moto migliori in modo da trasmettermi una maggior sicurezza sull'anteriore. In quel caso sarò veloce, perché sono sempre stato veloce".

Senti che dopo i dubbi che ti erano venuti, portandoti a considerare la possibilità di cambiare aria, la Honda abbia perso un po' di fiducia in te?
"Capisco perfettamente la posizione della Honda. Il marchio, sia dal punto di vista tecnico, con Takeo, sia da quello esecutivo, con Puig, mi ha sempre capito, supportato e spinto. Ma capiscono anche i momenti difficili che ho passato. Come ho detto a suo tempo a Silverstone, quando sono tornato dall'infortunio alla schiena, in quei momenti difficili ho avuto molti dubbi. In effetti, il piano che abbiamo iniziato a progettare in Giappone, per migliorare la moto in vista dell'anno prossimo, è ancora in piedi. Se quei cambiamenti funzioneranno o meno, non lo so. Ma l'intenzione è di metterli in pratica, me lo hanno confermato".

Hai qualche strategia per mostrare alla Honda la tua convinzione?
"Ad un certo punto avevo dei dubbi sulla mia carriera e l'ho fatto sapere alla Honda. Quando li ho risolti, ho comunicato che la mia intenzione era di continuare con il progetto. Da lì, la decisione è della Honda. Non posso cambiare quello che è successo e quello che provo. Cerco di fare del mio meglio ogni volta che esco in pista, ma a volte il mio meglio è deludente. Ma quel livello è ciò che il mio feeling sulla moto mi permette in questo momento, quindi non so come dare di più".

In quelle quattro gare di stop, hai davvero pensato di smettere?
"Preferisco limitarmi a dire che avevo dei dubbi e ognuno può trarre le proprie conclusioni".

E hai ancora quei dubbi?
"In questo momento, no".

Hai diviso il box con Valentino Rossi e ora con Marquez. Chi ti ha reso le cose più difficili?
"Nessuno di loro. Sono sempre stato abbastanza forte da concentrarmi solo su me stesso e sul mio lavoro. Ciò che il mio compagno di squadra dice o fa non mi ha mai influenzato. Ma entrambi sono grandi campioni e non concedono nulla al loro partner. Anche io sono così".

Hai un altro anno di contratto con la Honda. Continuare con questa dinamica potrebbe mettere a rischio il prestigio che ti eri costruito in precedenza?
"Non mi interessa quello che pensa la gente. Mi importa di me e dei miei tifosi. Quelli che non sono dalla mia parte, non lo saranno in nessun caso. Questa situazione è critica perché sono sempre stato abituato a vincere. Ma se faccio una valutazione più ampia di tutto ciò che ho realizzato nella mia carriera, mi considero un ragazzo molto fortunato. Ovviamente voglio fare bene con la Honda, ma se per qualsiasi motivo non ci riuscissi, non finirebbe il mondo".

Hai mai pensato di cercare un accordo con la Honda per trovare una via d'uscita a questa situazione?
"Ho firmato con la Honda e sono un combattente, che vuole raggiungere gli obiettivi prefissati. Fino a qui li ho raggiunti nella mia carriera e, se non ce la facessi, sarebbe la prima volta".

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
1/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
2/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
3/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
4/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
5/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
6/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
7/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
8/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
9/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
10/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
11/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
12/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
13/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
14/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
15/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
16/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
17/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
18/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
19/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
20/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
21/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
22/30

Foto di: Motogp.com

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
23/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
24/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
25/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
26/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
27/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
28/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
29/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team

Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team
30/30

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Honda e Marquez stanno già negoziando il rinnovo

Articolo precedente

Honda e Marquez stanno già negoziando il rinnovo

Prossimo Articolo

Espargaro sprona Aprilia: "Le rotture non possono più succedere"

Espargaro sprona Aprilia: "Le rotture non possono più succedere"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021