Iannone aspetta il TAS: "Il giorno più importante della mia vita"

Il pilota dell'Aprilia ha parlato a due giorni dall'appello contro la squalifica: "Mi hanno tolto quello che faccio dalla nascita, non lo augurerei a nessuno".

Iannone aspetta il TAS: "Il giorno più importante della mia vita"

Dopo una lunga attesa, giovedì ci sarà il giorno della verità per Andrea Iannone. Il TAS lo attende per l'udienza del suo ricorso contro la condanna ad una squalifica di 18 mesi inflitta dalla FIM lo scorso 17 aprile, in seguito alla positività al Drostonalone rilevata in occasione del Gran Premio della Malesia dello scorso anno.

Nonostante avesse dimostrato che si è trattato di una contaminazione involontaria, avvenuta tramite carni trattate, la Federazione Internazionale lo ha sospeso fino al 16 giugno 2021 (lo stop era partito il 17 dicembre, il giorno della notifica della positività), per questo il pilota dell'Aprilia ha deciso di ricorrere in appello contro la sentenza.

La stessa cosa però è stata fatta anche dalla FIM, con l'appoggio della WADA, che invece continua a chiedere il massimo della pena (4 anni) per evitare che si crei un precedente con una nuova sostanza ritenuta assimilabile tramite contaminazione alimentare.

A due giorni dall'udienza, l'abruzzese è tornato a parlare alla stampa, convocando una conferenza stampa a Milano, alla quale ha partecipato anche Massimo Rivola, CEO di Aprilia Racing, che ancora una volta ha voluto far sentire al proprio pilota tutto l'appoggio della Casa di Noale.

"E' la vigilia del giorno più importante della mia vita, non me lo sarei mai aspettato di vivere una situazione così. I giorni difficili mi hanno fatto maturare, sto soffrendo ma ora mi sento più maturo e consapevole" ha detto Iannone.

"A volte sento i miei amici che si lamentano per delle cose futili, quindi gli dico sempre che bisogna imparare ad apprezzare ciò che si ha. La mia vita è cambiata. Del resto, sono sempre andato in moto, fin dalla mia nascita. Ora non lo posso più fare. Non lo augurerei a nessuno".

"E' molto difficile, è una cosa che non si può capire se non la si è provata. Quello che vogliamo è portare alla luce la verità e tornare in moto. Aprilia in questo mi ha sempre aspettato. Da parte mia seguo ogni weekend, sono lì e sogno di tornare più forte di prima".

"Non guido una moto da Valencia 2019. Mi sento rapito, come se mi avessero rubato la vita. Il mio dovere è seguire le regole sperando che la giustizia faccia il suo corso".

Il pensiero di ritirarsi però non lo ha mai sfiorato, anche se negli ultimi mesi sono arrivate tante proposte da fuori dal mondo delle due ruote.

"Ho rifiutato tante proposte che potevano essere interessanti per me, ma il mio obiettivo è tornare in sella all'Aprilia, sono convinto di poter fare ancora bene. Con Aprilia ho iniziato un progetto interessante, e con Rivola ho un rapporto speciale, stimolante. Lui e l'Aprilia non mi hanno mai abbandonato".

condivisioni
commenti
Petrucci: "Farei gioco di squadra a Portimao. Per Dovi..."

Articolo precedente

Petrucci: "Farei gioco di squadra a Portimao. Per Dovi..."

Prossimo Articolo

Taramasso: "Ad Aragon buona soluzione anche la media"

Taramasso: "Ad Aragon buona soluzione anche la media"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andrea Iannone
Team Aprilia Racing Team Gresini
Autore Matteo Nugnes
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021