Elias: "Rossi non mi perdonerà mai per Estoril 2006"

Toni Elias ha spiegato questa domenica che ha potuto verificare, nei momenti in cui ha parlato con Valentino Rossi, che la sconfitta che gli ha inflitto nel Gran Premio di Portogallo 2006 se la porta ancora dentro.

Elias: "Rossi non mi perdonerà mai per Estoril 2006"

Il 15 ottobre 2006, lo spagnolo Toni Elias ha ottenuto la sua unica vittoria nella classe MotoGP fino ad oggi. In sella ad una Honda del Team Gresini, lo spagnolo ha fatto una grande rimonta per tagliare il traguardo per primo, con 0,002 millesimi di secondo di vantaggio su Valentino Rossi, il margine più breve nella storia della MotoGP.

I cinque punti persi all'Estoril sono stati quelli che alla fine hanno separato il pesarese dalla conquista del suo sesto titolo mondiale nella successiva gara di Valencia, l'ultima di quell'anno.

Questa domenica, DAZN ha ricordato quella leggendaria gara del 2006 con Toni Elias come ospite, che ha commentato quell'incredibile vittoria.

Uno dei fatti più curiosi spiegati da Elías, che a 37 anni sta ancora gareggiando in MotoAmerica negli Stati Uniti, è che la chiave della sua vittoria sono stati gli pneumatici.

Leggi anche:

"Per quella gara, Michelin ci ha portato un nuovo pneumatico al sabato, sono riuscito a migliorare il mio ritmo di sette decimi e a lottare per la vittoria. Ho ringraziato la Michelin per il loro aiuto, anche se ero molto arrabbiato quando ho scoperto che questo pneumatico, con una carcassa più morbida, era quello utilizzato dai top rider per tutta la stagione, e che ci è stato dato solo nella penultima gara dell'anno".

La verità è che con "l'aiuto" del pneumatico, e con il suo innegabile talento, Elias ha ottenuto una vittoria spettacolare, e lo ha fatto lo stesso giorno in cui Dani Pedrosa ha buttato fuori il suo compagno di squadra, e poi Campione del Mondo Nicky Hayden, entrambi sulla Honda ufficiale.

Quell'incidente sembrava aver riportato il titolo tra le mani di Rossi, ma un incidente del "Dottore" nell'ultima gara di Valencia ha restituito il comando all'americano, che ha vinto il Campionato del Mondo con 252 punti, cinque in più di Rossi (247), che con più vittorie quell'anno (5) di Nicky (2), sarebbe stato campione a parità di punti.

Podio: il vincitore della gara Toni Elias, Fortuna Honda, il secondo classificato Valentino Rossi, Yamaha, il terzo classificato Kenny Roberts, Jr., Team Roberts

Podio: il vincitore della gara Toni Elias, Fortuna Honda, il secondo classificato Valentino Rossi, Yamaha, il terzo classificato Kenny Roberts, Jr., Team Roberts

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

La sconfitta in Portogallo ha tolto il titolo a Valentino e questo non sembra averlo dimenticato, come ha spiegato Elias durante la trasmissione della gara.

"Quando incontro Valentino ad Austin, lo vedo ogni anno, vedo che ce l'ha ancora dentro, non mi ha perdonato. È terribile, è finita, è ora di essere amici, ma non è possibile, è talmente competitivo che non riesce a smettere, non me lo perdonerà mai" ha spiegato Toni con una risata.

"Per me è il contrario, un giorno l'ho battuto, ma fino a poco tempo fa lo consideravo il miglior corridore di tutti i tempi, perché in questo momento il migliore è Marc Marquez, e penso che lo batterà".

Vincendo ad Estoril, la sua unica vittoria in MotoGP, Elías era in sella ad una Honda satellite del Team Gresini, e all'epoca si diceva che la sua moto fosse come quelle ufficiali. Senza contratti in vista, lo spagnolo ha rivelato la verità.

"Un pilota satellite non vincerà ma il Mondiale, è la politica. Non è possibile, non si addice agli sponsor del Factory Team. Anche se un costruttore ti firma un contratto con materiale ufficiale, non succederà mai, l'ho vissuto. Un giorno Cal Crutchlow si ritirerà e potrà parlare, come me ora, e potrà spiegare, non avrà mai una moto come quella ufficiale".

condivisioni
commenti
Guidotti: "Un ritorno di Iannone in Pramac? Si potrebbe fare"

Articolo precedente

Guidotti: "Un ritorno di Iannone in Pramac? Si potrebbe fare"

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Due test pre-campionato non sono sufficienti"

Dovizioso: "Due test pre-campionato non sono sufficienti"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021