Crutchlow: "Non ho parlato con Yamaha di sostituire Vinales"

Il collaudatore Yamaha Cal Crutchlow ha detto di non aver discusso la sostituzione di Maverick Vinales per il resto della stagione 2021 ed ha respinto le voci secondo cui l'accordo con la Casa giapponese è cosa fatta.

Crutchlow: "Non ho parlato con Yamaha di sostituire Vinales"

Giovedì Yamaha ha sganciato la bomba di aver sospeso Vinales e di averlo ritirato dal Gran Premio d'Austria di questo fine settimana per il presunto tentativo di rompere deliberatamente il motore della sua M1 nel GP della Stiria della scorsa settimana.

Avendo già deciso di uscire dal suo accordo con la Yamaha al termine della stagione, è molto difficile che Vinales possa tornare in sella ad una Yamaha per la parte conclusiva della stagione 2021.

Crutchlow - che sostituisce l'infortunato Franco Morbidelli alla Petronas SRT in Austria - è già stato collegato alla sostituzione di Vinales dal GP di Gran Bretagna in poi, ma ha negato questo quando gli è stato chiesto venerdì al Red Bull Ring.

"No, non è vero", ha risposto. "Questo è semplicemente perché avete letto troppo i media e la situazione è che non ho discusso affatto con Lin (Jarvis) o Maio (Meregalli). Quindi, sì, questa è la mia risposta e questa è una risposta sincera".

Leggi anche:

"Non credete a tutto quello che leggete nelle notizie, non è sempre vero. Ma sì, certo, sono un pilota sotto contratto Yamaha, sono sicuro che discuterò alcune cose con Lin e Maio a tempo debito. Ho un ottimo rapporto sia con Lin che con Maio e Sumi alla Yamaha, sta andando molto bene, sono contento di come stiamo lavorando".

"Sono stati due fine settimana molto difficili, ma in realtà sono abbastanza fiducioso nel modo in cui sto guidando e forse se dovessi fare qualcosa in più, allora sarei più in forma".

Cal Crutchlow, Petronas Yamaha SRT

Cal Crutchlow, Petronas Yamaha SRT

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Crutchlow è la prima riserva per sostituire qualsiasi pilota all'interno della Yamaha nel 2021 se dovesse essere necessario, ma è anche libero di rifiutare queste apparizioni se vuole.

Quando gli è stato chiesto da Motorsport.com se correre per il resto del 2021 sulla Yamaha di fabbrica sarebbe forse un modo migliore per condurre il suo programma di test, ha detto: "Non lo so. È qualcosa che non mi è stato proposto, quindi non ha senso pensarci".

"Volevo essere un collaudatore, quindi significa che farò dei test in gara, o significa che farò dei test perché non è possibile fare entrambe le cose. Ai miei occhi non è possibile fare entrambe le cose, a causa del programma che ho per il resto dell'anno i test non sono frenetici, ma non puoi fare le gare e i test che vuoi fare secondo me".

"Ma come ho detto, non ne ho parlato con loro e non sappiamo quando... Dovevo provare la moto '22, quindi tutte queste cose al momento, tutto, anche i test - so che sto testando, ma cosa sto testando?".

"Perché se guido una moto del '21 al test, allora potrei potenzialmente guidare una moto del '21 anche qui. Ma io volevo essere un collaudatore, se avessi voluto correre avrei corso. Ma non conosco tutte le opzioni disponibili, ne discuterò a tempo debito".

Crutchlow - che si è ritirato dalle corse alla fine della scorsa stagione - ha anche sottolineato come qualsiasi decisione riguardo all'eventuale sostituzione di Vinales debba essere discussa prima con la sua famiglia.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Non possiamo perdere altri punti da Quartararo"

Articolo precedente

Bagnaia: "Non possiamo perdere altri punti da Quartararo"

Prossimo Articolo

Michelin: nessun problema di qualità sulle posteriori in Stiria

Michelin: nessun problema di qualità sulle posteriori in Stiria
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021